Magazine Ecologia e Ambiente

Il WWF lancia il database delle carte ecologiche

Creato il 01 febbraio 2011 da Salvaleforeste

Martedì 01 Febbraio 2011 07:00

AddThis Social Bookmark Button

Il WWF lancia il database delle carte ecologiche
In occasione della fiera della carta a Francoforte, il WWF ha lanciato uno database globale che mette a confronto i prodotti a base di carta e cellulosa. Check Your Paper è un database online per aiutare gli acquirenti di carta a trovare prodotti col minor impatto ambientale. Il database tiene conto di fattori diversi, dalle tecniche di produzione della carta, all'impatto sulle foreste, all'utilizzo di fibre riciclate, alle emissioni di CO2, alla gestione dei rifiuti e delle acque reflue.

Dal database sono esclusi i prodotti per i quali non siano presenti tutti i criteri di legalità, e tutte le carte considerate sono dotate di certificazione credibile di terza parte che ne garantisce la sostenibilità.
Check Your Paper permette anche ai produttori di carta e cellulosa di verificare volontariamente l'impatto ambientale dei propri prodotti.  Diverse imprese cartarie, tra cui Arjo Wiggins, ITC Limited Paper Boards and Specialty Papers Division, Mondi, M-real, Lenzing Papier, SCA, Steinbeis Papier, Tullis Russell e UPM  hanno scelto di divulgare il proprio profilo ambientale, e Check Your Paper include già un centinaio di prodotti in carta valutati  con "buono" o "eccellente", tra carte tissue e grafiche o da fotocopie, patinate e non.
Il WWF ha invitato gli altri produttori di carta e cellulosa a seguire l'esempio, comunicando le prestazioni ambientali dei propri prodotti in modo trasparente. "Crediamo che questa nuova banca dati consentirà agli acquirenti di carta scegliere le carte più ecologica disponibile sul mercato. Il WWF invita tutti gli acquirenti di carta per verificare lo strumento prima dell'acquisto e incoraggiare altre cartiere ad unirsi a Check Your Paper".

In tutto il mondo, il consumo di carta è in aumento, e si prevede un incremento dagli attuali 400 milioni di tonnellate annue a 450-500.000.000 di tonnellate entro il 2020. Se non si affermeranno alte prestazioni ambientali in tutto il settore, questa crescita dei consumi comporterà un impatto ambientale inaccettabile per il pianeta. Pratiche distruttive, come la deforestazione e l'espansione delle piantagioni di acacia, pino e eucalipto stanno portando all'esaurimento molti ecosistemi naturali e provocano numerosi conflitti sociali. Le cartiere sono inoltre altamente energivore ed emettono grandi quantità di gas serra, oltre a inquinare i corsi d'acqua e a generare grandi quantità di ridiuti difficili da smaltire

Check Your Paper fornisce un punteggio unico per ogni prodotto, che riassume il suo impatto ambientale sulle foreste, sul clima e sugli ecosistemi. Per potere ottenere il massimo dei punti, le  cinque stelle di Check Your Paper, il prodotto deve dimostrare di avere:

  • nessun impatto negativo sulle foreste, contenuto di alte percentuali di fibre riciclate post-consumo o fibre vergini dotate di certificazione credibile che attesta la provenienza da foreste gestite in modo responsabile.
  • riduzione delle emissioni di gas serra, con l'utilizzo di fibre riciclate, e la massima riduzione delle emissioni nella gestione delle foreste, nell'utilizzo di combustibili fossili nel processo produttivo e nella gestione dei rifiuti nelle discariche.
  • riduzione attorno allo zero dell'inquinamento delle acque, e nelle tecnologie di sbianca, attraverso l'utilizzo di metodologie senza uso di cloro o la promozione di prodotti non sbiancati.

Commenti


Il WWF lancia il database delle carte ecologiche
Nome *
Code   
Il WWF lancia il database delle carte ecologiche

ChronoComments by Joomla Professional Solutions Invia commento
Vedi anche:
  • 01/03/2011 00:34 - Occhio alla tua tua carta
  • 15/02/2011 11:39 - Assalto alle foreste della Nuova Guinea
  • 08/02/2011 09:32 - Foreste primarie: ritorno in Germania?
  • 31/01/2011 15:38 - Motosega d'oro alla Asia Pulp & Paper
  • 05/01/2011 09:07 - Dagli Stati Uniti, la certificazione patacca
Articoli più recenti:
  • 22/02/2011 09:32 - Cameron si rimangia la svendita delle foreste inglesi
  • 03/02/2011 09:26 - Una "economia riforestazione" nella Mata Atlantica


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :