Magazine Cinema

In amore niente regole

Creato il 14 agosto 2010 da Ludacri87
In amore niente regoleIn amore niente regole
Clooney alla sua terza regia. Entra in gioco il fattore sophisticated comedy. Ed il discorso si fa complesso nel giudizio dell’opera. “In amore niente regole” è una rappresentazione farsesca che è priva di ogni inventiva. Si riallaccia alla commedia sacra, anni ’20, anni ’30, ne ripropone meccanismi e chiavi di volta per unire le scene, introduce la partitura sonora notevole con un pizzico di scenografico eccedente (i suoni stanno bene da sé, non c’è bisogno di una cantante dinanzi ad un microfono che pervade la scena, peccato veniale nel bellissimo “Good night, and Good luck”, ripetizione forzata e manierista in questo caso). Clooney aspira ad un cinema glorioso, dell’epoca classica, e per questo ricorre alla tematica del giornalismo (“Prima Pagina”) e al primo ruggito femminista. E’ un misto di Hawks, Capra, molto lontano dallo slapstick. In passato, abbiamo segnalato come parte della cinematografia degli anni 20-30 sia da replicarsi, per un coraggio ed una capacità di resa ancora oggi riletta in tanti modi. Il problema di “In amore niente regole” è che non ha alcuna carica eversiva, non riesce a distruggere tabù, non ha verve. E’ una pellicola che rende omaggio ad un genere, non riuscendo per motivi di tipo cronologico ed artistico a smorzare una situazione di grande impatto nella società attuale, come è appunto la rivelazione del falso (che il film intravede nell'azione della giornalista a discapito del campione, finto eroe di guerra) . Nel film, si parla della Grande Guerra, e l’eroismo di certi uomini puzza di falsità lontano un miglio, è un eroismo nazionalista, che fa bene alla nazione nei suoi sentimenti patriottici ma non corrisponde alla verità storica. E’ un eroismo falso perché le sue prove sono pagate e perché modifica la storia nel suo significato più profondo, tendendo ad elevare allo stato di star un ragazzetto senza doti particolari, se non nell’attuazione di schemi particolari nel gioco del football ai suoi albori. Se la resa spiccatamente partigiana si confaceva alla struttura e alla finezza della precedente opera, con le tribolazioni dell’annullamento, su ogni fronte, dell’elemento comunista da parte del terribile senatore McCarthy, la scelta della commedia sofisticata, non tanto per il genere in sé, ma per l’uso che se ne fa, smorza il tentativo politico che anima la vis artistica del Clooney ispirato. Problematica la storia, piena di buchi, problematica la regia, che gioca troppo con sé stessa, problematico l’uso della fotografia, ma la cosa che fa infuriare è la recitazione. Renèe Zellweger, Oscar per “Cold Mountain”, non riesce a perdere l’alone di simpatia che costruisce, gioco forza, attorno ad un personaggio. Il difetto è formale ma invalida anche la sostanza del personaggio. Clooney bravino, tende a copiare, citare, riprendere troppo della tradizione passata, accentuando il lato piacione e guascone, mentre più in parte il naso a patata John Krasinski. Consigliato a chi, comunque, è stuzzicato dall’idea che il vecchio cinema possa essere riproposto nel nostro tempo, consci che il richiamo all’epoca d’oro è molto diverso, e alle schiere di fan del bel Clooney, sporco di fango e giocatore senza regole. Alcuni siparietti gradevoli, nulla più, sotto la sufficienza in modo evidente e molte riserve.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Lindsay Lohan in Linda Lovelace

    Lindsay Lohan Linda Lovelace

    Come saprete Lindsay Lohan sarà impegnata in un ruolo non facile. Su Screenweek avevo parlato del suo ruolo in Inferno, film che dovrebbe raccontare le settiman... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Lady in the Water (2006)

    Lady Water (2006)

    Sapete cosa si dice di certi scrittori? Che siano autori da un solo libro. Il senso di questa risposta è che, in quanto tali, siano capaci di produrre un... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • “L’anno in cui i miei genitori andarono in vacanza”

    “L’anno miei genitori andarono vacanza”

    2006: O Ano em que Pais Saìram de Férias di Cao Hamburger Premiato in numerosi Festival, candidato all’Oscar, il film esprime in pieno il buon momento che il... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO
  • Trailer del giorno- In aggiornamento

    Trailer giorno- aggiornamento

    Torna il vecchio John Landis e stavolta promette bene, molto bene. Anche perchè la storia e la location, incentrata su due serial killer in piena epoca... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • New in town

    town

    USA - 2009 di Jonas Elmer con Renée Zellweger Una donna metropolitana e in carriera viene inviata dalla sua azienda nel lontano Minnesota, dove goffa e... Leggere il seguito

    Da  Ivanbenassi
    CINEMA, CULTURA
  • In a lonely place

    lonely place

    C’è chi viene al mondo, postumo. Rubo una frase di un pensatore alla quale, e al quale, molti si sono sforzati di dare un significato. È da un po’ di giorni,... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • Il Titanic in versione 3D?

    Titanic versione

    James Cameron sarebbe intenzionato a far uscire nuovamente il film Titanic ma questa volta in versione 3D ed in occasione del centenario del tragico... Leggere il seguito

    Da  Sky9085
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO

Magazines