Magazine

In auto sul ponte di Calatrava

Creato il 23 febbraio 2011 da Gbricci
Perchè stupirsi delle ovvietà? A parte l'ipotesi 'ragazzata' il ponte rappresenta una costruzione che con la città ha poco a che vedere. Lo hanno dimostrato ancora una volta questi ragazzi un poco alticci e magari in vena di superare qualche divieto. In realtà il ponte è uguale, almeno di notte, a qualunque altro ponte di qualunque altra tangenziale o bretella o raccordo autostradale del mondo.
Quindi perchè non percorrerlo alla stessa maniera di tutti gli altri?
Cioè con l'auto?
I soggetti risultano vittime del solito effetto 'misunderstand' dell'architettura cosidetta moderna. L'architettura che omogenizza le forme e qualunquifica le sostanze fino a non far più capire dove ci si trovi. A Venezia tutti i ponti hanno sempre avuto gli scalini perchè parte di un tessuto urbano in cui il trasferimento di uomini e merci avveniva per vie d'acqua, proveniente quindi da una esperienza storica e umana priva di auto e priva di trasporti su ruote. Anche oggi devono avere gli scalini se si vuole che nessuna auto ci monti su, e in effetti tutti i ponti ce li hanno gli scalini.
Tranne quello di Calatrava.
E' vero anche che a Venezia solo questo ponte, per come è progettato, sembra permettere il transito di veicoli.
Un ponte qui deve essere costruito con gli scalini perchè è solo in questo modo che si riesce a far capire ai passanti, che in altre città verrebbero chiamati pedoni, che il ponte si trova proprio a Venezia e che la città, come ogni altra al mondo, necessita di un alfabeto particolare che permetta la riconoscibilità della singolarità irripetibile del suo patrimonio storico e architettonico. La singolarità che permette alle costruzioni, ponti compresi, di dialogare con il loro pubblico di passanti, visitatori, turisti, pedoni.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • In croce

    Premessa: ieri sera non ho seguito Annozero. Me ne sono andata felice e contenta ad un concerto ed è stato meglio così. Francamente questo balletto dei martiri... Leggere il seguito

    Da  Marissa1331
    MEDIA E COMUNICAZIONE, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE
  • In diretta!

    diretta!

    Ragazze che bello conoscervi dal vivo!!!! Non avete idea di che gioia sia essere lì e vedere visi che scrutano e... sei tu??? Siiiiiiii, e abbracci e... Leggere il seguito

    Da  Argante
    CREAZIONI, HOBBY, LIFESTYLE
  • In tv

    Un evento di promozione del territorio, e un invito per me, perchè il territorio, l’agricoltura e l’ambiente vanno a braccetto con il RICICLO. Leggere il seguito

    Da  Tizydem
    HOBBY, LIFESTYLE
  • In ufficio

    ufficio

    Una piantina, in ufficio, non dovrebbe mancare mai Il suo colore verde è rasserenante e costituisce spesso l’unica macchia di colore della stanza, ma... Leggere il seguito

    Da  Rimmel
    CUCINA, RICETTE
  • In libreria

    libreria

    Questa è una serie di fotografie stenopeiche anamorfe realizzate presso la libreria "farenight" (ovviamente con StenopeiKa 6x18 anamorfa) in via Antonelli a... Leggere il seguito

    Da  Ruuuz
    CREAZIONI, LIFESTYLE, TALENTI
  • In Absurdistan…

    Absurdistan…

    Gary Shteyngart (all’anagrafe Igor Shteyngart, classe 1972) è oggi uno scrittore americano nato a Leningrado in Unione Sovietica (che egli chiama “St.... Leggere il seguito

    Da  Libereditor
    CULTURA, LIBRI
  • In Patagonia

    Patagonia

    Geografia intima e lontanaAlcuni concittadini che leggono sul Corriere di Arezzo le mie note di viaggio mi hanno scritto per chiedermi se sono vere le notizie... Leggere il seguito

    Da  Barbini
    CULTURA, VIAGGI