Magazine Politica

In Cecenia si comincia ad aver rispetto almeno per i morti?

Creato il 02 novembre 2010 da Matteo

In Cecenia è stato smontato un ponte di pietre tombali poste dopo la deportazione

30.10.101:41

Per ordine delle autorità locali in Cecenia è stato smontato un ponte lastricato di lapidi tombali nel periodo della deportazione dei Ceceni nel 1944, i monumenti sono tornate nei cimiteri. Questo ha comunicato alla RIA Novosti [1] venerdì il primo vice-ministro delle Strade Automobilistiche della repubblica Jacha Machmatchadžieva

Nel villaggio di Germenčuk del distretto di Šali in Cecenia per decine di anni c'è stato un ponte di sei metri lastricato di monumenti tombali portati via dai cimiteri ceceni negli anni della deportazione staliniana.

Gli addetti alle strade hanno disfatto il ponte e ne hanno costruito uno nuovo al suo posto e le lapidi tombali sono tornate al posto di prima – il cimitero del villaggio”, – ha notato Machmatchadžieva.

A suo dire, la leadership sovietica non di rado usava le pietre tombali come materiale da costruzione: con queste si facevano strade, ponti, piazze. Negli ultimi anni molte pietre sono tornate al loro posto.

Questo processo è sacro per i ceceni e perciò, non appena si ha notizia di tali fatti, le autorità locali reagiscono istantaneamente", – ha notato l'interlocutrice dell'agenzia.


In precedenza in via Rosa Luxembourg a Groznyj gli operai hanno disfatto una strada costruita con pietre tombali. Su alcune di esse si conservavano nomi e date. Anche questi monumenti sono tornati al posto di prima.

Ingushetia.Org, http://www.ingushetia.org/ru/news/line/V-Chechne-demontirovali-most-iz-nadgrobnykh-kamney-vylozhennyy-posle-deportatsii/ (traduzione e note di Matteo Mazzoni)

[1] Russian Information Agency Novosti (“Notizie”), agenzia di stampa russa.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • In Fede

    Fede

    Io non so esattamente cosa dire. Saviano può piacere o non piacere, e questo è un nostro diritto. Nessuno ci obbliga in un senso o nell’altro. Forse non è un... Leggere il seguito

    Da  Paz83
    SOCIETÀ
  • In ospedale

    Stamani ero di nuovo in ospedale, come sabato mattina. Lascio mio padre per la sua terapia e vado a prendermi il caffè al bar. Leggere il seguito

    Da  Babilonia
    SOCIETÀ
  • In basso

    basso

    Per comprendere quanto siamo caduti in basso non occorre guardare in alto. Lo so, banale gioco di parole, poco riuscito, scusate. Leggere il seguito

    Da  Gadilu
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • In limine

    limine

    Opera di Ron Mueck Attraverso la città ancora per qualche giorno densamente spopolata per andare a mangiare una pizza con amici e amici degli amici. Leggere il seguito

    Da  Sogniebisogni
    SOCIETÀ
  • In quota

    Ci sono calabresi e calabresi. C’è la comunità sangiorgiogiacomese che è la più numerosa, quella cosentina, quella di Melito Porto Salvo e quella sidernese. Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • In Italia...

    Italia...

    di Rosalba Colombo Rileggo la vicenda Fini e faccio un riassunto mentale per tentare di capire meglio. Quindi, sui siti di Santo Domingo spunta una lettera di u... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ
  • In Italia

    Italia

    di Rosalba Colombo Rileggo la vicenda Fini e faccio un riassunto mentale per tentare di capire meglio. Quindi, sui siti di Santo Domingo spunta una lettera di u... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ