Magazine Società

In difesa del maramaldeggiare

Da Malvino

Se la qualità che vuole esprimere è pars pro toto di un individuo realmente esistito, e in effetti è questa la sua pretesa, quasi mai l’antonomasia regge all’onesto giudizio in sede storica, perciò è figura retorica che andrebbe evitata, tanto più perché didascalizza la qualità che intende far viva con l’esemplarità del campione, privando questo di ogni profondità psicologica e morale, e quella delle sfumature che la rendono umana: in pratica, la qualità acquista la fissità di una maschera dietro la quale il personaggio storico è costretto a interpretare una parte che raramente è quella sua.Se tradisce il portato, d’altronde, l’antonomasia tradisce anche il portante: quel che si addebita a La Palisse, ad esempio, si deve solo all’errata lettura della sua lapide tombale, e Vespasiano si limitò solo a tassare l’uso degli orinatoi pubblici che esistevano già da lungo tempo, e Pigmalione non era affatto uno scultore, ecc.La sorte più emblematica, però, è quella toccata a Fabrizio Maramaldo, diventato antonomasia del vile che infierisce sull’inerme che ha subìto una dura sconfitta o comunque versa in gravi difficoltà. La fama – l’infamia, per meglio dire – gli viene dalla storiella messa in giro da Paolo Giovio, un pretastro sulla cui affidabilità di storico oggi si storce il muso, e che per tutta la sua vita fu a servizio di potenti contro i quali Maramaldo si era trovato in campo avverso: è nella sua Historia sui temporis che la si legge per la prima volta, senza alcuna indicazione della fonte.Di fatto, pare che la storiella non trovi alcuna conferma: Francesco Ferrucci non sarebbe stato affatto ucciso da Maramaldo, ma da Alessandro Vettori, per giunta non dopo essere stato catturato e disarmato, ma in battaglia, mentre è accertato che invece fu il Ferrucci a macchiarsi di un’azione abominevole, uccidendo un messo inviatogli da Maramaldo con l’invito alla resa, un inerme tamburino.A ciò deve aggiungersi che sono innumerevoli gli attestati di stima che Maramaldo raccolse dai suoi contemporanei e, sebbene fosse un mercenario, negli scritti coevi lo troviamo ripetutamente onorato come soldato di valore e tra i migliori gentiluomini dei suoi tempi. Tra quello dei posteri, invece, va segnalato il giudizio di Antonio Gramsci: «Storicamente può e deve essere sostenuto […] che Maramaldo possa essere stato un rappresentante del progresso storico e Ferrucci storicamente un retrivo» (Quaderno VI).E tuttavia, sappiamo bene, ciò che dalla storia passa alla lingua prescinde da ciò che è impossibile pesare a distanza. Se sul piano storico, dunque, la questione rimane aperta solo sull’intenzionalità o meno della diffamazione messa in giro da Giovio, su quello relativo al narrato dal quale attinge la retorica, rimane «maramaldo» – comprensibile rimanga –chi infierisce su un inerme, e l’Historia sui temporis fa testo nel dare forma e sostanza al termine. Qui leggiamo che Maramaldo, prima di sgozzare Ferrucci, gli chiede: «Pensasti mai dovermi venir nelle mani quando crudelmente e contra l’usanza della guerra tu impiccasti il mio tamburino a Volterra?».Nel caso, dunque, saremmo dinanzi a un «maramaldeggiare» che è punizione di chi ha commesso una turpitudine. Turpe anch’essa, senza dubbio, ma meno odiosa di quanto ci era fin qui sembrata.  

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog

Magazines