Magazine Cultura

In effetti ogni poesia

Da Linda


In effetti ogni poesia
In effetti ogni poesia
potrebbe intitolarsi “Attimo”.
Basta una frase
al presente,
al passato o perfino al futuro:
basta che qualsiasi cosa
portata dalle parole
stormisca, risplenda,
voli nell’aria, guizzi nell’ acqua,
o anche conservi
un’apparente immutabilità,
ma con una mutevole ombra;
basta che si parli
di qualcuno accanto a qualcuno
o di qualcosa accanto a qualcosa,
di Pierino che ha il gatto
o che non ce l’ha più.
O di altri Pierini
di gatti e non gatti
di altri sillabari
sfogliati dal vento;
basta che a portata di sguardo
l’autore metta montagne provvisorie
e valli caduche;
che in tal caso
accenni al cielo
solo in apparenza eterno e stabile;
che appaia sotto la mano che scrive
almeno un’unica cosa
chiamata cosa altrui;
che nero su bianco,
o almeno per supposizione
per una ragione importante o futile,
vengono messi punti interrogativi,
e in risposta -
i due punti:
Wislawa Szymborska



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines