Magazine Informazione regionale

In mostra la casa del delitto di Novi

Creato il 08 marzo 2011 da Lapulceonline

erika omar novi ligureInterni ed esterni degli omicidi che hanno sconvolto l’Italia. Aprirà a Pelago, in provincia di Firenze (fino al 23 aprile) la mostra fotografica “Dei delitti e delle pene”, titolo più che mai pertinente, visto che si tratta dell’esposizione di una serie di fotografie d’interni di alcune carceri italiane e di esterne delle “case dei delitti”. Le abitazioni di Cogne, Erba, Garlasco, Novi Ligure e altre di fatti più recenti sono messe in mostra, forse per ricordare, forse per far sensazione. Non mancheranno le polemiche, soprattutto a Novi Ligure – da poco sono trascorsi dieci anni dal delitto, con Mauro (Omar) Favaro già libero e Erika De Nardo fuori il prossimo anno – dove inevitabilmente si cerca di voltare pagina.

Se la prima parte della mostra fotografica (ritratti di detenuti in attesa di colloquio) si focalizza sul lato umano della detenzione, sulla beccariana utilità sociale della clausura forzata ed è una sorta di denuncia per le condizioni spesso poco “umane” del carcere, la teoria di scatti delle case rese “scene del delitto” potrebbe far tornare alla mente il macabro tour che si verifica ogni volta. Brescia come Avetrana, da nord a sud, i curiosi che vogliono vedere dove è successo il crimine e il via vai di carabinieri e telecamere, come fosse un poliziesco, sono sempre in agguato.

Questa volta è una mostra a mettere sulla stessa parete, una volta per tutte, le case dove sono morti innocenti in modo efferato. Per un unico grande tour nella cronaca nera. Sperando che sia l’ultimo.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog