Magazine Curiosità

India, non si lava per 474 giorni

Creato il 04 agosto 2010 da Il_vince
India, non si lava per 474 giorni

l'articolo originale

L’induismo ha il suo fascino, anche se ammetto di non conoscerlo bene. In questo articolo si parla di un Dio scimmia (anche se credo si tratti più che altro di uno “spirito”) davanti al quale il puzzone ha fatto promettere l’ex primo ministro. Il tutto dopo che i suoi famigliari esasperati avevano pregato il Dio Orsetto lavatore affinche questo sciopero terminasse e in casa si tornasse a poter respirare senza maschera antigas.
Dovremmo anche noi prendere Bersani e farlo giurare di fronte al Dio bradipo che la prossima volta in cui ce ne sarà l’occasione la sinistra proverà anche a fare qualcosa o ad avere uno straccio di idea invece di parlare solamente.
E preghiamo anche il Dio T-rex che si porti via questo avvoltoio che ci troviamo adesso.

Dal TGCom del 4 Marzo 2008. A questo link.

INDIA - Non si lavava da oltre un anno per protesta e lo ha fatto solo dopo che l’ex primo ministro dello stato non è andato nel suo villaggio per risolverne i problemi. Jagadish Mahato ha 30 anni e vive nel villaggio di Naraindih. E’ un accanito sostenitore di Arjun Munda e a lui, il giovane aveva chiesto di risolvere i problemi del villaggio e di promettere di lavorare e combattere per ritornare al potere.
Sono 474 giorni che Jagdish non si lava, dopo aver fatto un voto. Aveva anche deciso di non mangiare più, ma dopo 17 giorni di digiuno, le sue condizioni di salute si erano aggravate, e così ha deciso per quest’altra forma di protesta. Oggi la rottura del voto: l’ex primo ministro Munda è infatti andato nel villaggio, ha promesso di aiutarne gli abitanti e di fare di tutto per tornare al potere. Non contenti delle promesse, gli abitanti del villaggio hanno portato Munda e Mahato al tempio del dio scimmia Hanuman, dinanzi al quale le promesse sono state ripetute solennemente. Solo dopo questo giuramento, Jagdish Mahato ha ripreso a lavarsi. Per la gioia dei suoi familiari e conoscenti.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine