Magazine Gadget

inFAMOUS: Second Son – Hands-on

Da Videogiochi @ZGiochi
Anteprima del 13/03/2014

Cover inFAMOUS: Second Son

PS4

Pegi 16
Livello di Attesa
8.73 Registrati per votare!

Genere: , Azione

Sviluppatore: Sucker Punch

Produttore: Sony

Distributore: Sony

Lingua: Italiano

Giocatori: 1

Data di uscita: 21/03/2014

inFAMOUS: Second Son – Hands-on
PS4

EUR 64,15

VISITA LA SCHEDA DI inFAMOUS: Second Son

In questo hands-on parleremo dell’imminente inFAMOUS: Second Son, terzo titolo della saga omonima, che uscirà in esclusiva su PlayStation 4. Ovviamente l’attesa è spasmodica per gli utenti di casa Sony che parlano già del titolo come della killer app della casa nipponica.

Noi di Z-Giochi siamo stati invitati all’evento stampa del gioco, tenutosi a Roma, in un contesto tanto particolare quanto azzeccato: un capannone in zona Flaminia, arredato seguendo lo stile ed il mood di gioco: segnali di pericolo, luci al neon, zone d’ombra, tutto molto curato e ben ideato. Sul palco c’è stato modo di vedere e sentire lo stesso fondatore di Sucker Punch: Brian Fleming, il quale ha illustrato il prodotto, presentando anche un lungo video di gameplay nel quale sono state spiegate ai giornalisti alcune delle feature di inFAMOUS, e dove è stato introdotto il nuovo protagonista del gioco: Delsin Rowe. Per le foto dell’evento rimando al nostro articolo a riguardo.

delsin-rowe-infamous-second-son-28227-1920x1080

Nuovo protagonista, nuovi poteri

Second Son parte sette anni dopo il sacrificio di Cole – considerato dai creatori, dopo un sondaggio fatto tra i giocatori, il finale canonico del secondo titolo – in un mondo caratterizzato da un profondo timore nei confronti dei conduit, i mutanti capaci di compenetrare alcune parti di materia a proprio piacimento. Questi vengono perseguitati dal DUP, la forza governativa che li accusa di bioterrorismo. In questo contesto si muoverà Delsin, un nativo americano che scopre di poter assorbire i poteri degli altri conduit. Delsin sarà sin da subito innamorato dei propri super poteri, ma la scelta tra bene e male che dovrà seguire spetterà al giocatore, influenzando pesantemente il mondo di gioco, lo stile di combattimento, e le relazioni con gli altri personaggi.

Il titolo è ambientato nella città natale dei Sucker Punch: Seattle. La città è stata ricostruita nei minimi dettagli, seguendo anche i cambiamenti climatici che caratterizzano la metropoli americana. Un lavoro di dettagli e di fino che non potrà non piacere ai consumatori, visto soprattutto il solito approccio free roaming promesso dagli sviluppatori. La nostra anteprima è stata piuttosto limitata, basandosi su una build fatta apposta per la stampa, che avesse come funzione quella di far capire le potenzialità del prodotto, senza però diffondere troppe anticipazioni prima dell’uscita commerciale. Una trentina di minuti di gioco totali (all’incirca 15 minuti per la missione da buono ed altri 15 per quella da cattivo) nei quali si sono visti solo due dei diversi poteri che acquisirà il protagonista, e dove il free roaming è stato fortemente limitato.

Graficamente inFAMOUS è semplicemente abbagliante. Gli effetti di luce, le ombre, gli effetti particellari, le esplosioni sono davvero bellissimi e realistici, con un dettaglio che fa spavento. La console di casa Sony mantiene quindi alte le aspettative, supportando un gioco dal grande impatto grafico. Molto bella la palette di colori, nonché i dettagli secondari quali l’asfalto o la pioggia, che scende copiosa su Seattle. Il lato tecnico però è risultato essere deficitario dal punto di vista delle IA (molti nemici si incastrano in vasi, alberi e tutta la serie di ostacoli di cui è disseminata la mappa). Allo stesso tempo quasi tutti gli avversari scelgono percorsi improbabili e si muovono in maniera poco realistica e di discutibile intelligenza. Inoltre il combattimento è risultato essere un po’ monotono e troppo improntato sugli attacchi a distanza, che risultano essere poco precisi (a causa anche di una telecamera un po’ ballerina) con l’ausilio del solo stick analogico e di nessun tipo di puntamento automatico. Ma, “fortunatamente”, il giocatore si rivelerà ben presto immortale: nonostante le tonnellate di proiettili ricevuti lungo la sessione di gioco non siamo morti neanche una volta. Assente soprattutto il feedback dei colpi ricevuti, che ci ha reso difficile capire il danno che stavamo subendo. Sicuramente il livello di difficoltà non era il più alto a disposizione, o perlomeno ce lo auguriamo, ma di solito la difficoltà non rende l’intelligenza artificiale più o meno stupida.

I poteri a disposizione erano solo il neon ed il fumo. Quest’ultimo si distingue dall’altro per la maggiore forza nel combattimento corpo a corpo e per l’impossibilità a scalare i palazzi mentre il neon più improntato sulla velocità, utile per spostarsi rapidamente, in maniera fin troppo simile a quanto visto nella serie Prototype. Da segnalare anche l’utilizzo del touchpad del Dual Shock 4 nell’ambito delle interazioni ambientali, che abbiamo trovato francamente scomodo.

Tirando le somme quello visto fin qui è un gioco con una trama ancora da scoprire (che finora non ha mai deluso), un sistema di combattimento monotono dovuto anche alla scarsa intelligenza artificiale, ed una grafica invece da urlo. Elementi un po’ contrastanti, che potranno benissimo essere rivisti una volta uscita la versione completa. Per ora insomma non possiamo che consigliarvi di ritardare l’acquisto almeno fino all’uscita della nostra recensione, che dissiperà sicuramente tutti i dubbi.

inFAMOUS: Second Son – Hands-on
IN CONCLUSIONE
inFAMOUS: Second Son ci è sembrato pieno di luci ed ombre. Se il comparto grafico è davvero da next gen, l'impatto con il gameplay nudo e crudo non ci è piaciuto per niente, soprattutto non ci ha divertito. La build provata era molto limitata, e vista la buona qualità della saga non ci resta che aspettare di vedere il prodotto completo.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :