Magazine Cultura

Intervista a coralba capuani

Creato il 27 ottobre 2014 da Linda Bertasi @lindabertasi

INTERVISTA A CORALBA CAPUANICiao Coralba, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.
Ciao Linda, prima di tutto vorrei ringraziarti per l'opportunità che mi offri. Come mi chiamo l'hai già detto, un nome particolare che deriva da un famoso sceneggiato Rai degli anni Settanta. Sono laureata in lingue e letterature straniere, una delle mie passioni insieme a quella per la scrittura e il giornalismo. Vivo in un "ridente" paesino abruzzese con mia madre e tre gatti (altra mia passione). Anzi, quattro giusto da qualche giorno…

La laurea in Lingue e Letterature straniere e la passione per il giornalismo. Una passione che puoi esprimere sul tuo blog (http://giornalismo1.wordpress.com ). Di cosa ti occupi nello specifico?
Diciamo che questo è il mio primo blog serio, quello che idealmente si avvicina a un vero giornale online. Almeno nelle intenzioni era quello il taglio che volevo dargli. Nel blog mi occupo soprattutto di attualità, commentando fatti di cronaca che mi hanno particolarmente colpito, e di cultura (la mia passione: un'altra?!). Anche se ho lasciato un po' indietro il progetto, come una vera gemelli, infatti, mi piace interessarmi di più cose contemporaneamente e, a volte, mi lascio travolgere dalle mille idee che ho in mente finendo per tralasciarne qualcuna, ci sono due articoli di cui vado particolarmente fiera. Uno riguarda l'intervista a Umberto Scida, noto attore, cantante, comico ed ex regista della storica Compagnia Italiana di Operette di Milano, l'altro un'intervista doppia con la dottoressa Kuan, biologa e responsabile di Lav vivisezione, e la dott.ssa Moncalvo, responsabile Sicurezza prodotti Helan. È inutile dirti quanto mi ha reso orgogliosa sentirmi dare un appuntamento dalla dott.ssa Kuan subito dopo l'intervista rilasciata a Rai 2! E tieni conto che non sono una giornalista, ma solo un'appassionata che ha avuto la fortuna di frequentare un corso di giornalismo! Possiedi anche un altro blog (http://letterandoilblog.wordpress.com/) con l’amica Monica Bauletti. Di cosa si tratta?
In questo blog mi diverto come una bambina in un parco giochi, ecco la differenza.

Il blog di Letterando nasce come ampliamento di un progetto nato circa un anno fa. Inizialmente si trattava di un concorso per racconti che raccoglievamo sul sito di Facebook e che ha portato alla pubblicazione di un'antologia su Amazon. Una volta terminato il concorso, però, la pagina si è andata spegnendo giorno dopo giorno, perciò ho deciso di dare una sferzata al progetto coinvolgendo la mia socia al 50%, Monica Bauletti. 
Il blog di Letterando vuole essere allo stesso tempo una rivista, una rubrica e un blog di approfondimento con un taglio ironico e dissacrante. La sezione attualità si propone di trattare temi di cronaca o di attualità, a volte molto seri, ma sempre con uno sguardo disincantato sul mondo. A parte questa sezione, le altre sono rivolte tutte agli scrittori esordienti. Tra queste abbiamo: (S)consigli di scrittura, dove cerchiamo di dare dei consigli su come diventare un bravo scrittore ricco e famoso (forse); Come farsi amico uno scrittore, recensioni acidissime di libri di autori famosi; Come si fa (lascia perdere), una rubrica dove ospitiamo gli esordienti che oltre a descrivere la loro esperienza come scrittori danno consigli circa il loro "vero" mestiere, come a dire impara l'arte e mettila da parte! Ultimamente abbiamo aggiunto anche la rubrica Oroscopo, l'unica in video e non scritta, sempre dedicata agli scrittori esordienti e curata dalla bravissima Maca Atalcisa (Maga Adalgisa), la nostra maga casereccia.
Ma torniamo alla scrittura, qual è stata la scintilla che ti ha fatto decidere di impugnare carta e penna?
Credo che la molla sia sempre stata dentro di me, solo che non lo sapevo. Ho sempre amato la letteratura e la scrittura, e se anche pensavo: «ah, quanto mi piacerebbe un giorno scrivere un libro!», non l'ho mai messo in pratica veramente. 
Il tutto è nato casualmente, dalla combinazione di alcuni eventi. Uno su tutti è stata la crisi e il passaggio obbligato da un lavoro precario all'altro, l'altro fattore, invece, è stata la frequentazione del famoso corso di giornalismo che mi ha fatto capire quanto mi piaccia scrivere, comunicare. In pratica da quel momento ho capito che non potevo più fare a meno di riversare i miei pensieri sulla carta, vera o virtuale che sia, perché se lo facessi rinnegherei una parte molto importante di me, sarei incompleta.Quali sono i tuoi autori preferiti e c’è, tra loro, qualcuno che consideri tua ‘Musa’?
Non so se si possa definire una musa, ma il mio primo vero autore preferito rimane il bistrattato Alessandro Manzoni. Sarà perché amo i classici, sarà perché ho studiato tutta l'evoluzione dei suoi Promessi Sposi (ho letto anche il Fermo e Lucia) ma mi piace proprio. Forse con lui condivido l'attenzione verso la spiritualità e verso gli umili, gli oppressi. Ma in generale pur prendendo spunti dagli autori che amo non mi ispiro a nessuno in particolare, sono semplicemente me stessa, scrivo ciò che è sotto i miei occhi, il mio piccolo universo territoriale con le sue tradizioni, i suoi ritmi e la sua lingua.

Hai partecipato al Torneo Letterario ‘Io Scrittore’ indetto da GeMS, dove quest’anno rientri tra i semifinalisti al concorso. Parlacene.
C'è poco da dire, quest'anno partecipo con un romanzo a cui ho dato tanto e che ha subito notevoli revisioni tanto da essere completamente cambiato. È un romanzo in cui credo moltissimo e spero di trovare dei giudici onesti e seri che possano apprezzare tutta la passione e il lavoro che c'è dietro.  Consiglieresti il Torneo agli esordienti come trampolino di lancio?
Il Torneo è un gioco, una lotteria, prendi un biglietto e aspetti che la sorte faccia il suo corso. Se va bene esulti, se va male te ne fai una ragione e prosegui per la tua strada, magari facendo tesoro dei pochi consigli utili e sensati che il tuo romanzo riceverà. Mi ci sono voluti tre anni per capirlo e all'inizio certe critiche mi hanno ferito, ma adesso conosco i pregi e i difetti di questo concorso e lo prendo per com'è. Certamente lo consiglierei perché in ogni caso è un'esperienza che ti fortifica: se sei uno scrittore non devi temere il giudizio degli altri, sempre meglio sapere di avere dei difetti che non conoscere l'effetto che i propri scritti hanno sui lettori. E poi attraverso il Torneo ho conosciuto persone meravigliose che mi hanno fatto crescere sia come scrittrice sia umanamente. Sì, lo consiglierei sicuramente, e poi è gratis!Nel 2013, esordisci con il romanzo “Giù all’Ammeriche”. Cosa troveranno i lettori al suo interno?
Troveranno una storia d'emigrazione, di dolore e abusi. Ma anche qualche momento di leggerezza, quando Teresa, una delle protagoniste, aprirà bocca…

http://www.amazon.it/Gi%C3%B9-allAmmeriche-Tracce-Vol-1-ebook/dp/B00I4Z2GGE/ref=sr_1_1/278-9216234-0278912?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1411478785&sr=1-1&keywords=coralba+capuani
Qual è stato l’input per questo libro?
Lo spunto nasce dalla storia di una mia parente emigrata in America (la sorella di mia nonna). Di lei in famiglia non si sa nulla, solo che è partita giovanissima insieme a un'amica, che sulla nave passava il tempo a piangere mentre l'amica si divertiva. L'ultima cosa che sappiamo è che dovette restare in quarantena per un'infezione agli occhi, causa che nei racconti di mia madre era strettamente collegata alla sofferenza patita e alle lacrime versate. Di lei poi si perdono le tracce, non sappiamo se si sia sposata o se abbia avuto dei figli. Io mi sono chiesta cosa avesse provato, se fosse stata felice e ne ho fatto un romanzo.   Quali tematiche affronti in “Giù all’Ammeriche” e quale messaggio vuoi lanciare?
In primis tratto il fenomeno dell'immigrazione italiana in America, spesso facendo riferimento a fatti ancora poco conosciuti. Lo scontro con una realtà dura e a tratti incomprensibile. È forse questo l'elemento di novità del romanzo: raccontare le difficoltà degli emigrati attraverso l'incomunicabilità linguistica e culturale. Si tratta dello scontro di due mondi che non riescono a comprendersi. Una barriera insormontabile che relega gli emigranti nel ghetto delle varie Little Italy. Alcuni si adattano e cercano di integrarsi, altri, come Filomena si perdono. La loro identità si disintegra nel momento della perdita della lingua madre (spesso il dialetto).   
La storia di Filomena è comune a quella di tanti emigranti che si sono persi per le strade d’America (quanti non sono più tornati per la vergogna di aver fallito?), la negazione della patina dorata che ricopre l’American dream. Il tuo è un romanzo self-publishing. Qual è il tuo pensiero al riguardo?
Che nessuno si offenda, ma non sono molto orgogliosa di essere ricorsa al self-publishing. Uno scrittore è tale se pubblica per una casa editrice, modesta, piccola, se vogliamo, ma che ci sia qualcuno che creda nella sua opera, altrimenti che scrittore è? Diciamo che è un'esperienza, si può fare una volta nella vita.
 
Hai altri progetti di cui vuoi metterci a parte?
Di progetti ne ho molti, quelli che mi stanno più a cuore sono due romanzi completamente diversi per stile e argomento dal genere che tratto di solito. Non vedo l'ora di terminarli anche se sono piuttosto complessi, soprattutto dal punto di vista emotivo. 
E’ stato un piacere ospitarti nel mio blog. In bocca al lupo!
Grazie a te, e che vada bene a me e anche al povero lupo! 
Per seguire Coralba   LETTERANDO IL BLOG


http://www.youtube.com/channel/UCKBoTtqRgwWnzA47THCINYQ


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Intervista a michele frabetti

    Intervista michele frabetti

    Ciao Michele, benvenuto nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te. Sono un ferrarese che per motivi di lavoro è stato prima romano e ora milanese. Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a marialuisa moro

    Intervista marialuisa moro

    Ciao Marialuisa, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.Ciao a tutti. Scrivo per passione, scrivo perché non posso evitarlo e sento che mi manca... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Jami Attenberg

    Intervista Jami Attenberg

    autrice di “I Middlestein” Domande e risposte sulla scrittura Jami Attenberg è la talentuosa autrice di I Middlestein, romanzo ironico ma anche tanto, tanto... Leggere il seguito

    Da  Vanessa Valentinuzzi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Sebastiano Impalà

    Intervista Sebastiano Impalà

    54 Flares 54 Flares × Leggere a Colori oggi ospita un nuovo autore emergente. Facciamo due chiacchiere con Sebastiano Impalà autore di Ossigeno e pensieri. Leggere il seguito

    Da  Leggere A Colori
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a francesca ghiribelli

    Intervista francesca ghiribelli

    Ciao Francesca, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.Grazie a te, sono onorata di essere ospitata da una brava autrice emergente italiana come te. Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a giovanna profilio

    Intervista giovanna profilio

    Ciao Giovanna, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.Ciao Linda, grazie mille per avermi invitata nel tuo meraviglioso blog. Qualcosa di me? Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Hammer: intervista a Giovanni Barbieri

    Hammer: intervista Giovanni Barbieri

    Giovanni Barbieri è stato un altro dei giovani autori che, a metà anni ’90, lavorarono alla serie fantascientifica della Star Comics, Hammer. Noi lo abbiamo... Leggere il seguito

    Da  Lospaziobianco.it
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI