Magazine Cultura

Intervista a fabiana andreozzi

Creato il 05 gennaio 2014 da Linda Bertasi @lindabertasi

INTERVISTA A FABIANA ANDREOZZICiao Fabiana, è un grandissimo piacere ospitarti nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.
Ciao Linda grazie per avermi ospitato nel tuo bellissimo blog, sono un po’ emozionata… non mi capita quasi mai di stare sotto i riflettori da sola, di solito condivido la scena con la mia preziosa amica, non solo di scrittura, Vanessa Raccontare qualcosa di me è assai rischioso potrei scriverci un libro finendo per annoiare tutti per la prolissità. Cercherò di essere stringata e striminzita: sono una persona dalle forti passioni che mi coinvolgono e mi travolgono in pieno. Leggere, scrivere, viaggiare sono come respirare per me. Infatti sono una lettrice compulsiva, una scrittrice folle, una cittadina del mondo. Se potessi vivere solo di questo invece che del mio vero lavoro sarei la persona più felice dell’universo.Per finire amo parlare e conoscere nuove persone perché le relazione umane sono il bene più prezioso che esiste, oltre che arricchiscono e forniscono spunti per nuove storie.
Una laurea in Psicologia e l’impiego come coordinatrice di master di formazione per i professionisti dell’azienda in cui lavori. Come si accesa in te la scintilla della scrittura?
La scintilla della scrittura è nata con me. Non ricordo neanche la prima volta che ho iniziato a farlo, mi sembra di ricordare che sia da sempre. Da quando ho ricordi mi rivedo con un pezzo di carta e una penna o una matita in mano. All’inizio erano per lo più storie disegnate, poi le parole hanno preso il posto e soppiantato i disegni. Probabilmente ce l’ho proprio nel DNA: in fondo, come dico sempre per gioco, sono nata nello stesso giorno in cui pare sia venuto alla luce quel genio di William Shakespeare A parte gli scherzi scrivere spesso mi è indispensabile come respirare aria perché scrivere è magicamente catartico, cattura le emozioni, incanala la tristezza, schiarisce la confusione. Mi fa stare bene!
Le tue passioni sono tante, dalla fotografia al cinema, dai viaggi alla lettura. Dove trovi il tempo per scrivere?
Il tempo è il mio acerrimo tiranno, non ne ho mai abbastanza. Ho imparato a scrivere in ogni occasione disponibile, anche perché non è qualcosa che mi impongo e mi sforzo di fare ogni giorno. Scrivo solo e soltanto quando i pensieri balzano fuori a forza dalla mia testa e non vogliono sentir altra ragione se non quella di essere immortalati su un foglio bianco. L’ispirazione arriva all’improvviso quando meno me l’aspetto e allora ho imparato a ripetermi nella testa quelle scene, quelle parole per scriverle in un secondo momento, ad abbozzarle sul cellulare mentre guido nel traffico… insomma non c’è ostacolo che non può essere superato da una volontà che pretende di scrivere. (A parte un palo o una macchina sulla strada) Infine è la notte la mia compagna di avventure, poche ore rubate al sonno mi bastano per portare avanti anche se lentamente qualche progetto. Ormai a lavoro sanno che non dormo per scrivere e non si spaventano più a vedermi arrivare in ufficio pallida come un vampiro e con due occhiaie da panda.
Sei un’appassionata di disegno e decoupage, ma non solo. Realizzi anche tue creazioni come segnalibri, portalibri e mollettine. Da dove nasce questa tua passione?
Ho un animo creativo che mi porto dietro dalla nascita. Non sono bravissima per carità ma mi piace troppo essere creativa che non mi pesa rendermi conto che non rasenterò mai la perfezione. Quando ero piccolissima il mio gioco preferito era ricostruire su carta in 3D i cartoni animati che vedevo in tv, personaggi, case, vestiti… ricordo ancora che avevo costruito per intero il set di “Siamo quelli di Beverly Hills!” Non è che i giochi mi mancassero, anzi ne avevo a bizzeffe ma è così meraviglioso tirar su quasi dal nuovo qualcosa fatto con le proprie mani. Dà un’immensa soddisfazione. Al pari di vedere completato un romanzo che prima era solo un bozzolo di idea nella testa. E poi da quei giorni dell’infanzia, ho sperimentato di tutto: pittura sul vetro, pittura su stoffa, decoupage, collanine e segnalibri. Tra cancelleria e libri casa mia è un vero e proprio magazzino.
Nel 2009, partecipi al concorso indetto da Trambus con il racconto “Amore a tempo determinato” che viene poi inserito in un’antologia. Cosa ricordi di questa esperienza?
La prima sensazione che mi viene in mente è stata l’incredulità e poi la sorpresa. Era il secondo anno che partecipavo a quel concorso insieme a una caterva di altre persone. Quando mi hanno chiamato per avvisarmi che il mio racconto era stato selezionato insieme ad altri finalisti nell’antologia non stavo più nella pelle. Non mi sembrava possibile che finalmente tra tanti racconti arrivati, dovevano essere oltre i 1500, era stato scelto il mio. Un racconto poi che è nato di getto, un po’ comico e un po’ ironico speso in poche manciate di righe sulla situazione di precariato del lavoro in Italia. Era un tantino autobiografico. Insomma la mia vita dolce-amara è stata premiata.
Nel 2010, pubblichi il tuo primo romanzo “D&S - Non voglio perderti”, in collaborazione con Vanessa Vescera. Daccene un assaggio.
"D&S" è stata la nostra prima pubblicazione, ma in realtà è il nostro terzo romanzo in linea di scrittura. I primi due sono ancora inediti. È sicuramente il romanzo a cui sono più affezionata per svariate ragioni:
- È il primo in cui ci hanno aiutato molte persone per poi arrivare alla stampa. Una classe intera ha lavorato sulla copertina e poi sono state selezionate le tre migliori per unificarle. C’era chi si è appassionato alla storia prima ancora di vederla su carta che ci spingeva con l’entusiasmo a concludere questo romanzo al più presto.
- È un romanzo per gli adolescenti che parla di oggi, ma ricorda tanto l’adolescenza di chi ormai non lo è più d
- È una storia inventata di sana pianta eppure una volta chiuso il libro mi ci sono ritrovata dentro in maniera sconvolgente.
- È un romanzo impegnato, scanzonato, tormentato. Un libro corale dove si racconta uno spaccato di questi ragazzi che si affacciano alla vita per acciuffare il loro spazio nel mondo, un posto che va guadagnato con fatica tra incomprensioni, delusioni, incertezze, paure.
Bene ora la smetto perché con questo romanzo potrei andare avanti per ore… senza contare che quanto prima uscirà il suo seguito. Sì, perché il nostro romanzo d’esordio è composto da una trilogia e da uno spin off.

Da qui, parte una fitta rete di pubblicazioni con la Vescera: nel 2011 esce “Amore nel sangue” e nel 2012 “Attimi indimenticabili”. Com’è l’esperienza della scrittura a quattro mani? Come riuscite a coniugare così bene i vostri stili?
Ce lo chiedono in molti e sinceramente non è facile descriverlo e spiegarlo perché la nostra scrittura si armonizza da sé anche se io e Vanessa in realtà non abbiamo lo stesso modo di scrivere. Abbiamo provato di tutto e probabilmente ormai abbiamo raggiunto l’apice massimo della sperimentazione. Anche se per migliorarci c’è ancora tanta strada da percorrere. Siamo passate dal più semplice dividersi i personaggi e farli intrecciare nella storia, allo scrivere libri in cui non abbiamo nessuna divisione, scriviamo poche righe a testa e ci alterniamo. Così è stato per "Amore nel sangue", per "Attimi indimenticabili" e per l’ultimo uscito "Il richiamo della luna", dove io stessa non so più distinguere cosa sia mio da quello che è di Vany. Sicuramente scrivere "Attimi indimenticabili" che è composto da racconti di poche pagine è stato un traguardo importante. Non è facile cimentarsi in racconti brevi né da soli né con un’altra persona quando si ha un vincolo di spazio e di tema, con questa raccolta io e Vanessa abbiamo sfatato anche questo mito. Ci abbiamo messo tanta passione, condivisione di idee, un pizzico di umiltà e un venirsi incontro a metà strada.
E nel 2013, sempre con la Vescera, esce “Vuoi sposarmi? No grazie!” edito da Butterfly Edizioni. Di cosa si tratta?
"Vuoi sposarmi" è il nostro esperimento. Volevamo una fiaba moderna un po’ mito e un po’ urban fantasy che seguisse il ritmo di una commedia scanzonata, in cui si parlasse di Sirene, una delle tante passioni che condividiamo. Non vorrei svelare troppo per non togliere il gusto della scoperta a chi vorrà avere il piacere di leggerlo ma c’è da stare svegli a seguire le disavventure di Nisha e Neleo che per uno strano scherzo si ritrovano a vivere delle situazioni che non avrebbero mai immaginato. E come dico sempre: attenzione a quello che si desidera in una notte di luna!
Insieme, partecipate anche al concorso “Ops, che figura!” che vi vale l’inserimento di un vostro racconto nell’omonima antologia. Parlacene.
Vista la passione recente per tutto quello che è scanzonato e viste le numerose figuracce che collezioniamo di solito, io e Vany abbiamo deciso di cimentarci in questa nuova avventura. Siamo partite per la tangente senza accordarci inventando questo personaggio un po’ matto e fuori dalle righe, Vabia per l’esatezza… che ovviamente porta il marchio di fabbrica, il mio nome e quello di Vanessa.Non poteva mancare l’amore per la scrittura e dà cornice la nostra amata Sicilia che, vuoi o non vuoi, ha sempre uno spazio nei nostri romanzi.Quello che ne è uscito è un racconto senza fiato di questa eroina con la testa fra le nuvole che ne combinerà una dietro l’altra… è proprio il caso di dirlo: Ops che figuraccia!      Ed è sempre del 2013 il tuo ultimo romanzo “Il richiamo della luna”, scritto ancora una volta con la Vescera. Cosa troveranno i lettori al suo interno?
Qui abbiamo un ritorno alle nostre origini: l’amore spassionato per i classici Urban Fantasy. Il romanzo non ha spunti comici e scanzonati, non è nemmeno una fiabaCosa troveranno i lettori? Beh stavolta avranno a che fare direttamente con i nostri lycan, che come potete immaginare rappresentano altre creature che ci piacciono molto.Scenari notturni illuminati dalla luna piena, corse mozzafiato per aver salva la vita, inseguimenti, lotte, sangue, tradimenti, gelosie, potere. Un’avventura che si legge in un battito di ciglia.
http://www.blomming.com/mm/alcheringaedizioni/items/il-richiamo-della-luna?page=1&view_type=thumbnail
Quali temi affronti in questo libro e com’è nata l’idea per “Il richiamo della luna”?
Il libro è incentrato sul tema della non accettazione di sé durante il periodo dello sviluppo perché Sheila, la protagonista del romanzo, scoprirà a 16 anni qual è la sua vera natura, scoprirà di essere un mostro che dipende dalla luna e votato al sangue. È la non accettazione dipesa dall’ignoranza, dalla paura delle diversità, dal non scoprirsi più conformi a quello che si riteneva essere la propria essenza. Abbiamo scritto "Il richiamo" per partecipare al concorso indetto dalla Fazi. Ci siamo subito appassionate a questo concorso che metteva in luce le tematiche più profonde che si celano dietro al genere Urban Fantasy. È sottovalutato da molti qui in Italia perché a prima vista sembra avulso e distaccato dalla realtà, invece è una chiave diversa per esprimere tanti concetti attualissimi e profondi. Purtroppo al concorso abbiamo passato solo il primo turno della selezione, ma per nostra fortuna "Il richiamo" ha trovato subito un editore che ha creduto nelle sue potenzialità. 
Insieme a Vanessa gestite anche il blog ‘La bottega dei libri incantati’. Vuoi parlarci di questo blog e dei servizi che offrite?
Il nostro blog nasce dalla nostra comune passione per i libri. Abbiamo sempre sognato di averne uno ma per gestirlo e renderlo vivo ci vuole molto tempo e dedizione. Il tempo purtroppo non gioca mai a nostro favore, quindi abbiamo pensato di aprirlo insieme tanto viaggiamo sulla stessa lunghezza d’onda e avevamo anche le stesse idee su cosa assolutamente non poteva mancare.Cosa offriamo? Beh un po’ di tutto, come al solito ci piace fare le cose in grande pure se non abbiamo tempo neanche per piangere, ma ci piace pensare che con calma e pazienza presto o tardi si farà tutto.Su 'La bottega dei libri incantati' c’è spazio per anteprime, recensioni, interviste non solo libresche; c’è spazio per gli autori emergenti che vogliono farsi conoscere, per giveaway, storie pazze, teatro, cinema, recensioni di giochi, qualche diario di viaggio, sconti e promozioni… insomma tutto quello che di tanto in tanto ci viene in mente e ci fa piacere di condividere con chi ci legge.
Hai qualche progetto futuro che vuoi anticiparci?
I progetti per il futuro sono molteplici. Con Vanessa abbiamo ancora qualche sorpresa che, probabilmente, presto comparirà su Amazon. Per quanto riguarda Fabiana da sola si vedrà. Ci sono dei romanzi ancora inediti che hanno già le loro copertine ma stanno chiusi nel cassetto. Intanto mi sto dedicando alla stesura di un nuovo romanzo, "L’equazione imperfetta di noi", che dopo tanti mesi di fatica e di lavorazione probabilmente vedrà presto la luce del sole.
E’ stato un piacere immenso ospitarti nel mio blog Fabiana, oltre che una brava scrittrice sei anche una persona meravigliosa che ho avuto la fortuna di conoscere personalmente. In bocca al lupo per tutto e alla prossima!
Grazie Linda, così mi fai arrossire! Grazie ancora per avermi dato spazio nel tuo blog, è stato un piacere rispondere alle tue domande <3
Per seguire Fabiana    FABIANA ANDREOZZI E VANESSA VESCERA

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Intervista a miriam peluso

    Intervista miriam peluso

    Ciao Miriam, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.Ciao a te a tutti gli amici del blog e grazie per avermi ospitata tra le tue “pagine virtuali”. Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a cristina biolcati

    Intervista cristina biolcati

    Ciao Cristina, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te. Ciao Linda e grazie per avermi ospitata. Beh, che dire di me? Ho origini ferraresi anche se... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Francesca Diotallevi

    Intervista Francesca Diotallevi

    Dovete sapere che io ho un rapporto un po' strano con le interviste. Quando me le fanno le vivo con un po' di apprensione—niente di esagerato, mi sento... Leggere il seguito

    Da  Ninapennacchi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a j. shoulderblade

    Intervista shoulderblade

    Ciao J. Shoulderblade, benvenuto nel mio blog. E’ doveroso iniziare questa intervista spiegando ai lettori che ci seguono che tu scrivi sotto pseudonimo.... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Mauro Boselli

    Intervista Mauro Boselli

    "...per riuscire a scrivere Tex senza sbagliare, visto che lui non sbaglia, bisogna immedesimarsi molto in questo personaggio dotato di qualità più che umane. Leggere il seguito

    Da  Chemako
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Intervista a patrisha mar

    Intervista patrisha

    Ciao Patrisha, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te. Ciao a tutti. Vediamo cosa posso raccontare di me. Sono sposata e ho una bimba di un anno e... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a marco feliciani

    Intervista marco feliciani

    Ciao Marco, benvenuto nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te. Ciao, grazie per avermi accolto nel tuo blog. Ho 28 anni e sono cresciuto con la passione per la... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI