Magazine Cultura

Intervista a Morgan Palmas

Creato il 26 luglio 2012 da Angeloricci @angeloricci
Morgan Palmas è stato uno degli organizzatori di k.Lit - Il Festival dei Blog Letterari, che si è svolto a Thiene il 7 e 8 luglio scorsi. Blogger e agente letterario è il fondatore del litblog Sul Romanzo. Ha pubblicato Come scrivere un romanzo in 100 giorni, edito da Marco Valerio Edizioni
Dopo la chiusura del Festival gli ho posto alcune domande. Ecco le sue risposte.

Il K.lit-Il Festival dei Blog Letterari si è da poco concluso. Che bilancio ne fai, da organizzatore che in prima persona ha vissuto la genesi e lo sviluppo di questa importante iniziativa?
Il bilancio contiene aspetti positivi e negativi, ma è difficile essere esaustivo, troppo poco il tempo che ci separa dal festival. Da un lato, abbiamo lavorato bene nell’organizzazione, i riscontri, da parte di molti, hanno confermato tale concetto, dall’altro lato, il territorio di Thiene non ci ha reso facile la realizzazione dell’idea, pensavamo di poter contare su un sostrato istituzionale più presente, invece abbiamo dovuto constatare che portare la cultura in piazza in una cittadina di circa 20.000 abitanti non è affatto semplice, perché gli interessi politici e le tradizioni di potere non accolgono con favore le novità, diffidandone.
Il Festival ha dimostrato una forte presenza e un forte entusiasmo da parte di coloro che in rete scrivono di libri e di letteratura. Credi che i blog letterari possano essere protagonisti del dibattito culturale anche oltre il web? Lo credevo, a essere sincero, non ne sono più così sicuro, ho visto tanta autoreferenzialità aggregata, più che un’aggregazione propulsiva di fermenti nuovi. Non capisco ancora se sia la rete che strutturalmente, almeno per quanto concerne i blog letterari, non possa andare oltre, o se è una fase destinata a mutare nel tempo.
Dal tuo punto di osservazione come vedi il rapporto tra blog letterari ed editori? Gli editori si sono accorti di questa realtà? Il mio punto di vista è inquinato dalle mie letture di blog letterari, che sono per l’80% in lingua inglese e francese, solo in forma minoritaria in lingua italiana. Per quale ragione? Perché il futuro non abita qui in Italia, e io voglio leggere il futuro, non i lamenti, tipici dei blog letterari nostrani. Quindi, alla prima domanda, rispondo che il rapporto mi sta intrigando sempre più e alla seconda posso replicare che è in corso una rivoluzione senza precedenti, ma non nel nostro paese, dove siamo ancora indietro di qualche anno rispetto ad altri paesi. Non è un mito o una leggenda, corrisponde alla realtà purtroppo.
Tu sei anche il responsabile di un importante blog letterario e quindi conosci in prima persona questo mondo. Che impatto hanno avuto secondo te i social network sui blog letterari? In una prima fase hanno falcidiato la loro essenza, da qualche tempo c’è un ritorno alla dimensione del blog, alla necessità di tornare a spazi di riflessione più “lenta” verrebbe da dire, senza l’aggressione e la celerità tipici dei social network. Forse l’integrazione genererà novità online in futuro, le sperimentazioni sono molte, finora molti sono tentativi di far divenire i blog cloni di certi social network, con il lato “social” molto spinto, a danno della profondità.
Molti blog letterari, specialmente i più seguiti, sono in rete da molti anni. Credi che dai loro esordi ad oggi abbiano subito qualche mutazione? E i blog più recenti secondo te si rifanno a quelle esperienze o cercano percorsi differenti? La mutazione è dipesa dai social network come si diceva e i nuovi blog letterari, più disincantati rispetto a quelli della prima guardia, hanno la fortuna di vivere la fase odierna come connaturati a mezzi di diffusione più complessi e competitivi; la creazione di un brand è ormai moneta concreta, il nodo è capire quale sia la strada più opportuna per non far divenire i rapporti con le case editrici tossici o stucchevoli. Il brand è business, non dimentichiamolo. Ammesso che si cerchi il business, non è un passaggio obbligato per un blog letterario.
Che consiglio daresti a chi in questo momento volesse aprire un blog che si occupa di libri e di letteratura? Di capire se come un passatempo o un business. Nel primo caso soltanto passione, nel secondo di seguire che cosa sta accadendo nei mondi anglosassoni, dove si è aggiunto l’elemento imprenditoriale, con alcune conseguenze originale per l’editoria.
Nel ringraziarti per la tua disponibilità non posso che concludere questa intervista chiedendoti notizie della prossima edizione del k.Lit. Non abbiamo ancora deciso alcunché. Il laboratorio di idee è aperto, vedremo. Grazie dell’intervista. 
(Pubblicato anche su La poesia e lo spirito)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines