Magazine Fantasy

Intervista a Noa Bonetti

Da Flautodipan @miriammas
Intervista a Noa Bonetti Noa Bonetti è milanese ma vive a Roma. A Londra ha lavorato per il Commonwealth poi alle Ricerche Atomiche Nucleari di Frascati, infine è passata al giornalismo. Oltre a regie teatrali, ha realizzato servizi per le tre reti RAI-TV (rubriche: Ore Tredici, Ore Venti, Il Mercato del Sabato, Giovani e Lavoro, Scampoli di Ricordi...). Collaboratrice di vari quotidiani e rotocalchi: Il Messaggero, La Repubblica, Il Venerdì, Oggi, Leader, Bella, Penthouse... Nel 1980 con Donne al Governo ha vinto il Premio Internazionale Città di Anghiari per un Libro Politico-Storico. Nel 1988 il Fotogramma d’Oro del Premio Cronaca ‘87 per il Giornalismo nelle Immagini. Libri pubblicati: Volti Pettegoli
(1985), Veleno al Femminile (1986), Spuntino di Mezzanotte (1989), Angeli in Polvere (1990), Un’Amica di Nome Moana (1995), Io, Donna Kamikaze (2005), Nell’Arca di Noa (2006), Giù la Maschera (2007), Il Veleno è donna (2008).

Benvenuta Noa, è un vero onore averti qui. Giornalista per la carta stampata e la TV, scrittrice, editrice ma anche paracadutista nonché prima donna pilota di un’auto da corsa. La tua biografia ci suggerisce subito l’idea di una persona dinamica, eclettica e super impegnata. Tu come ti presenteresti ai nostri lettori? Mia madre mi chiamava “la Selvatica”. Persino a seguito di incidenti gravi guarivo nel giro di otto-ventiquattrore. Per mio padre ero “la Selvaggia”. Raccattavo animali ovunque, una ne pensavo e cento ne facevo. Ero insomma e forse sono tuttora di spirito indomabile. Per i politici intervistati ero “lo Psicologo Trapanatore”. Io mi definisco semplicemente Noa…
Intervista a Noa Bonetti Quando e come ti sei avvicinata al mondo del giornalismo e come nasce il tuo amore per la scrittura? In verità sin da piccola vedendo i film americani mi sono innamorata del giornalismo. Di nascosto dai miei mi ero infatti iscritta a un corso di stenografia e dattilografia. Allora non esistevano i registratori ed ero convinta che solo con tale tecnica fosse possibile fare interviste. Per scrivere i primi articoli ho dovuto aspettare i vent’anni, da studente a Londra. Non potendo sopravvivere, almeno agli inizi, con i soli proventi della scrittura, ho finito per lavorare vari anni alle Ricerche Atomiche Nucleari del Sincrotone di Frascati. Mollate le Ricerche per il sogno del giornalismo per mantenermi, ho sperimentato i più strampalati lavori… Negli anni ’70 ecco finalmente collaborare a Settimana TV, un settimanale allora concorrente al Radiocorriere. E mano mano per altri quotidiani e rotocalchi.
Quale il ricordo più bello o l’esperienza più soddisfacente legata alla tua carriera giornalistica? L’esperienza più soddisfacente, essere chiamata in RAI per una rubrica che dava inizio a RAI 2, esclusivamente grazie al successo delle mie inchieste in vari quotidiani o rotocalchi. E il ricordo più vivo è legato a una grossa inchiesta a sfavore dell’Itavia, ordinata dal direttore, durata almeno due mesi di lavoro, per la quale mi sono travestita da uomo, da prostituta… Talmente stressante e faticosa che non vedevo l’ora di leggerla sul giornale. Ahimè, in quelle pagine scoprii invece la pubblicità della compagnia aerea in discussione!Per desiderio di verità, offrii gratuitamente l’articolo a quotidiani e settimanali. Rifiutarono in toto!
A cosa si deve la tua scelta di abbandonare il giornalismo? Quale la tua opinione sul panorama attuale del mondo dell’informazione? Il giornalismo trovo sia morto. Non ci sono seri articoli di fondo, non si fanno più grosse inchieste… la sintassi fa rabbrividire e le opinioni sembrano uniformate. Pezzi d’agenzia impastati da mestieranti.
Intervista a Noa BonettiSei autrice di svariati libri che affrontano diversi temi di scottante attualità con particolare attenzione all’universo femminile. Hai scritto di donne serial killer ma anche di donne Kamikaze, di donne al governo… in che modo ritieni sia cambiata la condizione femminile negli ultimi anni? Pensi che la disparità tra i sessi oggi si possa considerare definitivamente superata o l’essere donne rappresenta ancora un limite se si guarda al mondo del lavoro e dell’affermazione sociale?   In Italia c’è ancora maschilismo. È sufficiente vedere nei dibattiti televisivi cosa succede alla donna quando è in minoranza numerica. Trovo personalmente che le ultime generazioni, sia maschi che femmine, siano troppo superficiali. Di conseguenza anche le lotte femministe sono state fraintese e bistrattate. L’opportunismo dilagante porta le giovani donne a preoccuparsi solo degli aspetti più marginali di tali conquiste… La libertà sessuale, la pillola,il divorzio, etc. Certo, la disparità si potrebbe oggi definire nulla ma solo perché le donne, soprattutto nel lavoro, si sono mascolinizzate.
Parliamo del tuo saggio “Il veleno è donna” recensito suIntervista a Noa Bonetti questo blog. Il titolo del libro contiene un’affermazione riconducibile a un’analisi di carattere psico-sociologico dell’omicidio seriale al femminile. Ti va di spiegarcelo? Se analizziamo i numeri si scopre che le donne uccidono forse più degli uomini. Trovo che per ragioni ataviche la donna è tuttora portata a tramare, a delegare, per esempio, nel caso del mio libro, la polvere… Del resto, nell’antichità, la donna non poteva apparire formalmente in politica, nella vita sociale, addirittura nel domestico. Ecco da dove viene la bravura femminile nell’agire dietro le quinte, sotterraneamente.
Tra i tanti casi analizzati nel saggio ce n’è uno che ti ha colpito particolarmente e se sì perché? Le due monache belga che avvelenavano i ricoverati in ospedale per soddisfare la propria libido. Mi sembra un evento esageratamente efferato, inspiegabile.
Da scrittrice a editrice. Quando e perché hai deciso di compiere questo passo e di fondare la Iris 4 Edizioni? Il mio amore rimane purtroppo solo e sempre il giornalismo. Non essendo più soddisfatta dal sistema dell’informazione dove avrei potuto fiondarmi?
Intervista a Noa Bonetti A cosa si deve la scelta del nome “Iris 4” per la casa editrice? Adoro le piante. Aspettavo con ansia che sbocciassero i fiori sul mio terrazzo e l’inverno rigido mi regalò quattro splendidi iris lo stesso giorno in cui avevo appuntamento col notaio per formalizzare la nascita della casa editrice.
La Iris 4 offre al lettore una catalogo molto variegato, ben dodici collane che spaziano dalla narrativa alla saggistica passando per la poesia. Sicuramente ce n’è per tutti i gusti, ma qual è il criterio adottato nella selezione? Quali caratteristiche deve possedere un manoscritto per essere pubblicato da questa casa editrice? In verità riceviamo moltissime proposte. Per la maggior parte si tratta di autori che “vomitano parole”, la larga scrematura è quindi d’ordinanza. Il ricevuto viene letto e criticato da tre persone e usiamo rispondere in ogni caso all’autore. Più che la forma è importante l’idea. È difficile puntualizzare oggi delle caratteristiche fisse.
Sempre più spesso si sente parlare di crisi dell’editoria, determinata anche dal fatto che in Italia sembrano esserci più scrittori che lettori. Quale la tua opinione in merito? Chi rovina l’editoria sono i cosiddetti “editori a pagamento” che nemmeno dovrebbero definirsi editori! E ancora, essendo arrivata in Italia la moda dello psicologo che convince il paziente a scrivere un diario, tutti scrivono! Amici e parenti dell’aspirante autore-paziente lo convincono poi che tratta di qualcosa di ottimo, di conseguenza ognuno sogna il proprio libro sullo scaffale. Ecco perché arrivano tante schifezze… perdite di tempo.
Cosa pensi dell’avvento dell’editoria elettronica e come ti rapporti a questa realtà? Personalmente trovo che il libro sia insostituibile, soprattutto per la cultura europea. Ho del resto sempre sostenuto che in Italia l’i-book avrebbe attecchito poco. E così è. Stando alle ultime statistiche la percentuale di diffusione nazionale è dell’1%.
Sogni nel cassetto e progetti per il prossimo futuro? Mi sono vista costretta a ridimensionare i miei sogni… Il governo Berlusconi ha buttato alle ortiche la normativa legata alla costituzione della Picc. Soc. Coop. Arl convogliandola nelle cooperative generiche. Un disastro! Come si può paragonare chi fa libri a chi fa formaggi? Sono costretta proprio in questi giorni a rifare tutto dal notaio e a trovare soci-lavoratori (che amino l’editoria) disposti a mettersi in gioco. Il mio sogno nel cassetto è quindi di trovare le persone giuste.
E per saperne di più...
Visita il sito della Iris4 Edizioni Leggi la nostra recensione de "Il veleno è donna"



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Intervista ad Alessandra Spisni

    Intervista Alessandra Spisni

    Titolo: Le ricette della maestra di cucina Autore: Alessandra Spinsi Edizione: Dalai editore Pagine: 400 Prezzo: 15,90 In libreria da ottobre 2012 Dalle... Leggere il seguito

    Da  Stefi
    LIBRI
  • Intervista a Michela Papagno

    PRIMA CLASSIFICA AL CONCORSO DI RACCONTI BREVI DI GENERE FANTASYVisto l'imminente uscita della nostra antologia "STIRPE CHIMERICA" (il 15 novembre) risultante... Leggere il seguito

    Da  Angivisal84
    HORROR, LIBRI
  • Intervista: Francesco Falconi

    Intervista: Francesco Falconi

    Ecco una nuova intervista che vede come protagonista un autore fantasy italiano che ringrazio immensamente per avermi inviato una copia autografata di "Muses" d... Leggere il seguito

    Da  Chaneltp
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Matthias Graziani

    Intervista Matthias Graziani

    Eccovi l'intervista dell'autore della Stirpe del vento di cui ho parlato negli ultimi giorni..Raccontaci un po' di teHo 33 anni e bla bla bla… assurdo come ciò... Leggere il seguito

    Da  Chaneltp
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a... Alessandro Riccardi

    Intervista a... Alessandro Riccardi

    Ecco l'intervista dell'autore de "La lunga notte"...Ciao Alessandro, parlaci un po' di te.Ho 35 anni, nasco come sceneggiatore e regista, attualmente ho una... Leggere il seguito

    Da  Chaneltp
    CULTURA, LIBRI
  • INTERVISTA A: Eva Fairwald

    INTERVISTA Fairwald

    Intervista a Eva Fairwald Oggi vi propongo una nuova intervista all'autrice del romanzo L'ombra del sole, Eva Fairwald. In questo post potete leggere la mia... Leggere il seguito

    Da  Angivisal84
    HORROR, LIBRI
  • Intervista ad Alfredo Castelli

    Intervista Alfredo Castelli

    "Se vogliamo proprio trovarci una filosofia, chiamiamola così “castelliana”, cioè mia, allora diciamo che a me piace molto imparare delle cose nuove e poi... Leggere il seguito

    Da  Chemako
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI