Magazine Cultura

Intervista a Paolo Barbieri!

Creato il 17 agosto 2012 da Chaneltp @CryCalva
Dopo diverse settimane, eccomi qui a pubblicare l'intervista di uno dei più grandi illustratori italiani...

PAOLO BARBIERI,L'UOMO CHE HA RESO IL FANTASY REALTA'Intervista a Paolo Barbieri!

                                                                                                                                                                   

Il disegno: quando è nata questa tua passione? Raccontaci il tuo iter professionale dalle origini sino ad oggi.

Intervista a Paolo Barbieri!

Io disegno fin da quando ero piccolo. Ho sempre avuto questa
passione, e l'ho coltivata nel tempo disegnando di tutto, dai primi 
robot giapponesi che si vedevano nei cartoni animati a cavallo tra gli 
anni 70 e 80, alle creature che popolavano film come La storia 
Infinita o Labyrinth. Poi, attraverso l'istituto d'arte e un biennio professionale a Milano, 
ho affinato ciò che sapevo fare, ma è stato soltanto in seguito, 
attraverso un impegnativo percorso da autodidatta, che ho imparato 
tutto quello che mi ha permesso di realizzare i primi disegni 
qualitativamente professionali.Mostrando le mie illustrazioni a studi professionali che lavoravano 
per varie case editrici, sono riuscito ad ottenere gli incarichi per le 
prime copertine di libri.Intervista a Paolo Barbieri!
Svariati anni dopo, attraverso un lungo e paziente lavoro, sono riuscito a trasformare parte del mio immaginario fantasy in disegni e libri illustrati che sono stati apprezzati da fan e lettori.


Come crei i tuoi disegni? Credi sia più importante perizia tecnica o cuore e passione nel farlo?

Non ho un metodo specifico. Semplicemente disegno. Ho un'idea, che sia per una copertina o per un soggetto personale, e cerco di svilupparla attraverso uno o più schizzi, dopo di che, se l'effetto finale convince me e i committenti, passo alla colorazione finale.Per quanto riguarda la seconda domanda, credo che la perizia tecnica imparata nel corso degli anni sia assolutamente importante, così come disegnare con la passione, che inevitabilmente finisce miscelata tra linee e colori.


Le opere a cui sei maggiormente legato e per quale motivo.

Elencarle tutte non è facile. Diciamo che come “ultimo nato”, il libro illustrato Favole degli Dei ha sicuramente un posto importante nel mio Olimpo personale (giusto per rimanere in tema).
Intervista a Paolo Barbieri!


Il tuo ultimo capolavoro è favole degli dei, che io personalmente ho comprato. Come mai ti sei avvicinato a questo tema, il mondo greco e in particolare le divinità rispettive? Parlaci di questo tuo libro, delle tue intenzioni etc..

Mi ha sempre affascinato il mondo del fantastico, e la mitologia greca l'ho conosciuta attraverso le repliche di film come Gli Argonauti o Scontro di Titani(1981), in cui le magie di Ray Harryhausen permettevano di dare vita a mostri mitologici di ogni genere.Quando ho disegnato Ares, ovvero il primo dio a prendere “vita”, avevo l'intenzione di creare un guerriero potente e oscuro. Solo in seguito ho deciso che quel guerriero sarebbe diventato Ares, in quanto mi piaceva quel tipo di interpretazione per una figura così classica.In seguito ho disegnato Afrodite e Medusa, e scritto alcuni racconti relativi a questi personaggi, presentando poi il progetto a Mondadori.La casa editrice si è dimostrata entusiasta, così il progetto ha preso vita, e dopo un anno è nato Favole degli Dei.
Intervista a Paolo Barbieri!
In questo libro ho voluto dare un'interpretazione piuttosto originale della mitologia greca, scostandomi da una classicità che pur ben rappresentata, trovavo ripetitiva.
Attraverso questi disegni e con l'utilizzo dei testi, ho voluto “avvicinare” il lettore alle passioni, alle rabbie e ai lati più nascosti di tutti i personaggi rappresentati, cercando di utilizzare due forme di comunicazione parallele per mostrare la mia idea di mitologia.


I tuoi progetti futuri?

Ora sto lavorando a un libro illustrato davvero importante: L'Inferno di Dante.Non ti nascondo che confrontarmi con una delle opere scritte più importanti dell'intera storia umana, mi sta trasmettendo una serie di emozioni inaspettate. Immergermi nell'Inferno del Sommo Poeta , è realmente un'esperienza potente con una visione incredibilmente poetica e macabra, violenta e terrigna.Inoltre, dal punto di vista tecnico, sto realizzando molte illustrazioni in digitale in cui utilizzo un solo livello di colorazione, per cercare di incontrare di nuovo una “classicità” di realizzazione in cui le pennellate si mischiano le une alle altre.


Intervista a Paolo Barbieri!

                              Un saluto a tutti, e grazie per avermi ospitato qui con voi!


Ed eccovi qui sotto qualche illustrazione:

Intervista a Paolo Barbieri!
            
Intervista a Paolo Barbieri!
        
Che ne pensate?

Intervista a Paolo Barbieri!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines