Magazine Cultura

Intervista a simone turri

Creato il 26 maggio 2014 da Linda Bertasi @lindabertasi

INTERVISTA A SIMONE TURRICiao Simone, benvenuto nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.
Ciao a te e grazie per l’opportunità che mi hai dato. Sono di Verona e ho 34 anni. Da vent’anni sono sosia di Adriano Celentano e mi esibisco con successo in tv, piazze, manifestazioni. La mia altra grande passione è la lettura, sfociata poi da un paio di anni a questa parte nell’attività di scrittore di testi horror, thriller, noir. Poi mi diletto anche nella poesia e pittura.
Hai conseguito il diploma di ‘Perito aziendale e corrispondente in lingue estere’. Qual è stato l’input che ti ha fatto prendere in mano carta e penna? Il fatto di provare a mettere nero su bianco le mie emozioni, il mio essere, per dar vita ai personaggi e ai racconti della mia fantasia e per mettermi alla prova in questo settore.
Hai scritto vari componimenti poetici e, tra questi, alcuni sono stati inseriti nella raccolta “Ho conosciuto Gerico”, antologia edita dalla Ursini a seguito del concorso “Premio Alda Merini”.Cosa ricordi di quest’esperienza?Ricordo quando ho provato ad accostarmi al mondo della poesia, in punta di piedi, in quanto non era un terreno del quale conoscessi e nel quale sapessi bene come muovermi… però a quanto pare sta dando i suoi frutti anche questa sfaccettatura del mio scrivere.
Oltre all’attività di ‘scrittore’ ti esibisci nelle piazze come sosia di Adriano Celentano. Parlacene.È una passione nata come dicevo prima vent’anni fae poi si è tramutata in passione condivisa col pubblico delle piazze, dei locali, della tv. Ho scoperto Adriano a quattordici anni ascoltando “Il ragazzo della Via Gluck” e ne sono rimasto folgorato. Poi l’ho riascoltata centinaia di volte, assieme a tutti i suoi successi, amando la sua voce per poi farla mia ;)
Nel novembre 2012, esordisci con la raccolta di racconti “Il fiore nero”, scritto a quattro mani con Daniela Mecca. Cosa troveranno i lettori al suo interno?I lettori saranno trasportati in un viaggio attraverso il male più puro e autentico. Si lasceranno condurre per le sue vie insidiose e macabre, in questi sette petali che compongono un fiore maligno, affascinante e blasfemo. 
http://www.ibs.it/code/9788897875499/turri-simone/fiore-nero.html
Qual è stato l’input per “Il fiore nero” e quali tematiche affronti tra le sue pagine?L’imput è stato più d’uno, e si basa su esperienze personali che però, purtroppo, preferisco tenere solo mie. Ciò che posso affermare con un pizzico di presunzione è che il male diabolico esiste eccome. 
Ognuna delle storie contenute nella raccolta è completamente differente dall’altra. I sette racconti si articolano molto bene fra loro dipingendoci alcune delle sfaccettature più sinistre di un male in tutto e per tutto diabolico.
“Il fiore nero”ha vinto il “Premio Letterario Città di Cava Dè Tirreni”. Cosa ricordi di quest’esperienza?Purtroppo non ho potuto essere presente alla manifestazione per divergenze di impegni, però ricordo l’emozione di apprendere che il mio lavoro avrebbe ottenuto un riconoscimento così importante, dopo tutta la passione e l’impegno che avevo concentrato per scriverlo. È sicuramente stata un’esperienza di adrenalina pura che ha accresciuto il mio desiderio di continuare per questa strada e che ha anche arricchito il mio curriculum professionale.
Nel luglio 2013, un tuo racconto “La danza della morte” viene inserito nel magazine “I colori” e distribuito nelle edicole. Daccene un assaggio.Questo racconto, al quale sono particolarmente legato, è un thriller dal sapore cinematografico, condito con innumerevoli colpi di scena e una buona dose di suspense. È il finale di un rapporto tormentato fra due persone che, come si apprende dal titolo, non ha un epilogo felice.
Vi regalo un breve incipit del racconto:
“LA ODIO, LA DETESTO DAL PROFONDO DEL CUORE PER IL SEMPLICE FATTO CHE ESISTE, RESPIRA, SI MUOVE, PARLA, SCRUTA, STUDIA, MANIPOLA, PER POI PIEGARTI AL SUO VOLERE E SCHIACCIARTI COME UN INSETTO FASTIDIOSO. HO TRENTASETTE ANNI, ABITO IN UN PICCOLO APPARTAMENTO NEL CENTRO DI PARIGI E FACCIO L’IMPIEGATO PER UNA MULTINAZIONALE DI PRODOTTI FARMACEUTICI. L’UNICO MEZZO PER POTERMI FERMARE È USCIRE ALLO SCOPERTO, PERCHÈ QUESTO TARLO CHE MI ASSILLA, QUESTA VOCE PENETRANTE E INSISTENTE CONTINUA A TORMENTARMI. HO DECISO DI COMPIERE UN GESTO CHE PASSERÀ ALLA STORIA, UN’USCITA DI SCENA IN GRANDE STILE.”

E il 31 ottobre dello stesso anno, in concomitanza con la notte di Halloween, il tuo racconto “Il viaggio di Elektra” viene inserito nell’antologia di racconti horror “Carmilla e le altre”. Di cosa si tratta?Elektra è una ragazza adolescente come molte altre, ma dovrà intraprendere un viaggio insisdioso, fuori dallo spazio e dal tempo, per ritrovare il suo vero io vampiresco. Quello che deve scoprire è se questo viaggio avrà un epilogo positivo o meno. Questo racconto è stato scritto appositamente per questo progetto editoriale che voleva celebrare la figura femminile vampiresca inserita in ambito moderno.
I tuoi editi vedono la collaborazione con Daniela Mecca, parlaci di questa collaborazione. Come si scrive a quattro mani e quale consiglio daresti agli emergenti che vogliono cimentarsi in quest’impresa?Aggiungo l’aggettivo 'preziosa' a questa collaborazione. Daniela, oltre ad essere mia compagna di vita, lo è anche in veste di scrittrice. Lei si occupa principalmente di fornire spunti, idee, ispirazioni, correzioni a tutto ciò che scriviamo. Diciamo che la mente sono io, ma lei, spesso e volentieri, dona quel tocco di perfezione senza del quale molti racconti non sarebbero stati così apprezzati. Il consiglio che posso dare agli scrittori esordienti che intendono cimentarsi in questa avventura a quattro mani è di non avere la presunzione di poter prevaricare l’altro, ma il rapporto deve mantenere una linea di rispetto e ascolto, in modo da poter creare delle storie che lasceranno il segno prima di tutto in chi li scrive e poi nel pubblico.
Nei tuoi romanzi analizzi il male in tutte le sue forme. Perché questa scelta singolare?Perché tutti noi siamo fatti un po’ di male e in tutti noi c’è una punta di male. Altrimenti non saremmo umani. A me piace analizzare il male interiore dei personaggi, associato a quello esterno, evidenziando soprattutto la parte psicologica messa in relazione con la vita di tutti i giorni, perché , a meno che non si tratti di un racconto fantasy, il male che ne deve emergere deve essere il più possibile realistico perché affiori un lavoro convincente e che possa essere apprezzato dal pubblico.
Hai dichiarato “l’interesse per la letteratura horror/thriller/noir ha fatto scaturire in me la voglia di esternare e mettere nero su bianco le mie sensazioni e debolezze, dando così vita ai miei peggiori incubi.” Approfondiamola.Penso che in ogni racconto che scrivo, sicuramente ci sia un po’ di me, sia nei personaggi che negli atteggiamenti raccontati. Ovvio, non è sempre possibile attingere dalle proprie esperienze e non sarebbe nemmeno giusto, perché così non si darebbe libero sfogo alla fantasia. Però posso dire che il fatto di esternare le mie paure , i miei peggiori incubi, è senza ombra di dubbio terapeutico, sia per me, che ho dovuto affrontarle di persona e poi le rivivo mentre le scrivo, sia per chi legge perché magari ha la possibilità di immedesimarsi o, perché no, di rivedersi in ciò che scrivo.
Hai qualche progetto in cantiere di cui vuoi metterci a parte?Siamo in attesa di ricevere risposte in merito a un romanzo thriller molto accattivante, dai toni aspri e coinvolgenti, che speriamo veda la luce presto e per il quale abbiamo lavorato sodo e ci abbiamo messo tutto l’impegno possibile. Nel frattempo siamo al lavoro su un altro romanzo completamente diverso da tutto ciò che è stato pubblicato finora e che vediamo come un piacevole mettersi alla prova su terreni ancora inesplorati per noi.
E’ stato un piacere ospitarti nel mio blog. In bocca al lupo a te e Daniela per il vostro lavoro!
Per seguire Simone  IO SCRIVO
https://www.youtube.com/channel/UCrw-GUEDhInS5_QuvzBE9aA

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Intervista a Jo Walton

    Intervista Walton

    Dopo aver avuto il piacere e l’onore di intervistare Leonardo Patrignani ho avuto il privilegio di fare alcune domande a un’autrice sensazionale, vincitrice di... Leggere il seguito

    Da  Visionnaire
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a andrea rizzi

    Intervista andrea rizzi

    Eccoci arrivati al nostro appuntamento con gli artisti che si celano dietro alla realizzazione di un romanzo!Oggi parliamo ancora di cover ed è il turno di... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a stefania bernardo

    Intervista stefania bernardo

    Ciao Stefania, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.Ciao Linda. Ho 28 anni e vivo a Ivrea una città in provincia di Torino. Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Maria Di Lorenzo di Simone Gambacorta

    Intervista Maria Lorenzo Simone Gambacorta

    D. Sta per arrivare nelle librerie la sua ultima fatica editoriale: si intitola “Papa Francesco. La carezza di un padre” ed è pubblicato dalle Edizioni... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a fabiana andreozzi

    Intervista fabiana andreozzi

    Ciao Fabiana, è un grandissimo piacere ospitarti nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.Ciao Linda grazie per avermi ospitato nel tuo bellissimo blog, sono un... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Francesco Dimitri

    Intervista Francesco Dimitri

    Beh, buongiorno. Quello di oggi lo sento come un post speciale. Racchiude l'intervista a Francesco Dimitri, che considero uno dei più promettenti scrittori... Leggere il seguito

    Da  Laleggivendola
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Catherine Fisher

    Intervista Catherine Fisher

    "I'm delighted to have found a blog called The Obsidian Mirror!" (Catherine Fisher)È arrivato il grande giorno. Come avevo preannunciato qui sul blog solo... Leggere il seguito

    Da  Theobsidianmirror
    CINEMA, CULTURA, LIBRI