Magazine Libri

Intervista a susanna raule

Creato il 31 agosto 2014 da Carlo Deffenu
INTERVISTA A SUSANNA RAULE
Salve, amici e amiche, sono passati quindici giorni dall'uscita del romanzo di Susanna Raule perOtto Microne ora, finalmente, ho il piacere di proporvi l'intervista che mi ha concesso con la sua solita grazia e ironia. Perché a volte, conoscere meglio un autore, ci permette di capire meglio i segreti nascosti tra le pagine di un suo romanzo... e con Susanna Raule questa regola è ancora più valida e pertinente. Allacciamo le cinture di sicurezza e... partiamooooo...
Ciao, Susanna.  La prima domanda è d’obbligo: come sei finita a pubblicare un romanzo con Otto Micron?Be’, se non lo sai tu! In realtà è stato proprio perfetto, una di quelle cose perfette in un momento perfetto. Era nata una nuova casa editrice, io avevo un romanzo da darle. E ovviamente mi piaceva l’idea di essere l’apripista. È un’idea quasi irresistibile.
Parliamo del romanzo. Come lo racconteresti a chi ti legge in questa intervista? Da dove nasce la storia? Quando lo hai scritto? La storia nasce molto lontano, almeno per me. Nasce nel momento in cui ho ascoltato il primo disco che mi ha fatto pensare “non potrò mai più farne a meno”. Poi quel sentimento cresce, a ogni album memorabile si aggiunge un pezzo, a ogni concerto, ogni volta in cui ti sei trovato a canticchiare una canzone e qualcun altro l’ha riconosciuta, ogni volta in cui qualcuno si è messo a chiacchierare per via della maglietta che indossavi. Volevo scrivere un libro sull’epica del rock, ma senza che fosse epico. Volevo che fosse un libro strano, pieno di eventi bizzarri e anche un po’ paurosi, di quelli da cui non riesci a distogliere lo sguardo anche se non ti fanno sentire proprio a posto. Se lo guardi bene, Il  Club dei Cantanti Morti alla fine è un giallo. Un giallo nel senso più vasto del termine, perché, diciamo, c’è un mistero. Ognuno dei personaggi – e sono parecchi – si avvicina al mistero dalla sua particolare angolazione e, se vogliamo, il libro è anche su questo. Sì, Il Club dei Cantanti Morti è un libro che parla di come-ci-avviciniamo-al-mistero.
Si può parlare di un romanzo rock? Dalla copertina, per non parlare dei tanti personaggi che troviamo all’interno, il romanzo trasuda rock a ogni pagina. Hai voluto metterci dentro i tuoi idoli musicali o ti sei mossa seguendo una regola diversa?In realtà i miei idoli assoluti non ci sono, o vengono solo nominati, perché... sono riusciti a restare vivi, almeno la maggior parte di loro. E, intendiamoci, potrei scrivere un’enciclopedia sugli Zeppelin. Potrei scrivere di loro dalla mattina alla sera e sarei felice. E nelle mie parole ci sarà sempre e solo riverenza nei confronti di Mr. Bowie. E, davvero, potrei continuare molto a lungo. Ma sarebbe stato un mero esercizio auto-gratificatorio, una fanfiction con dei personaggi reali. No,  avevo una storia da raccontare. In questa storia c’erano dei cantanti morti e c’era quel particolare sentimento di cui dicevo, ma ho scelto i personaggi che mi servivano, non per forza quelli che ho amato di più. 
Leggendolo, mi sono emozionato in più di un passaggio ma, soprattutto, ho riso come un matto quando Sonia Sinclair parla in prima persona  della sua triste storia: sicuramente uno dei miei personaggi preferiti. Ti sei divertita a metterci dentro di tutto… quindi, oltre che rock, è anche un romanzo pop?Per forza. Come puoi fare un romanzo sul rock che non sia anche intimamente pop? Il rock ha avuto un impatto devastante sulla cultura pop. Sonia ne è il distillato.
Spiegaci che metodo usi per lavorare. Usi schemi, scalette, aiuti particolari? Silenzio o musica sparata dalla stereo? Notte o giorno? E tu… credi ai vampiri? JNo, no, niente schemi. Magari dovrei, eh. Però l’idea di seguire uno schema finirebbe per farmi concentrare sullo schema e sul modo di infrangerlo. Mi succede sempre così. Mi chiedono un racconto su, poni, i lupi mannari e io scrivo la storia di uno con il lupus. È un problema.  Quindi scrivo un po’ quello che mi viene in mente e casomai cerco di far combaciare tutto in un secondo momento. Scrivo al computer e decisamente senza musica. Ho delle difficoltà con il concetto di “musica di sfondo”. Se c’è della musica per me è tutto il resto a diventare uno sfondo e non vogli trovarmi a scrivere un romanzo di sfondo. Ma il rumore del traffico, nella strada qua sotto, mi piace molto. Ogni circa dieci minuti passa un autobus che dice, con una voce robotica, “Linea 3, Chiappa”. Sì, abbiamo un quartiere che si chiama Chiappa, qua. Mi mette incredibilmente di buon umore.
Ermanno Sensi cosa direbbe di un romanzo come IL CLUB DEI CANTANTI MORTI? Potrebbe benissimo essere uno dei personaggi se il romanzo non fosse ambientato a Los Angels?Bisognerebbe capire in quale ruolo. Se Ermanno fosse al posto di Wyte? Be’, probabilmente piscerebbe sul cadavere di Razor, proprio all’inizio, e il resto del romanzo sarebbe la sua disperata e infruttuosa ricerca di un altro posto di lavoro.Seriamente? Ermanno adorerebbequesto libro.
Molto spesso, gli editor delle grandi case editrici, scelgono le storie basandosi su rigidi schemi che forse, a un lettore, interessano poco. Tu cosa ne pensi del target di riferimento? Sembra una parolaccia oppure no? A me piacerebbe molto capirci qualcosa, del target di riferimento. Ma non ci ho mai capito una mazza e non credo che avverrà in futuro. D’altronde, gli editor esistono appunto per questo.
Il romanzo parla anche di sesso – vedi il rapporto curioso tra Nastasia e Lord Pennington – e lo fa in modo diretto e senza sbavature inutili. Ti sei mai auto-censurata per una scena troppo spinta?No, mai. Se devo descrivere un atto sessuale in ogni minuzia lo faccio. Se serve. Se è utile alla storia. Se è inutile lo taglio, non perché sia sesso, ma perché è inutile. Pennington e Scott-Greene erano due personaggi così  criptici e così freddi che avevo bisogno di dar loro una chiave di lettura. E, in effetti, viene mostrato che cos’è il sesso per loro, ma non viene mai mostrato come lo fanno. Mostrare il come non avrebbe aggiunto niente. Anzi, secondo me avrebbe sottratto al lettore la possibilità di immaginare il peggio. Quello che volevo che si capisse era il perché, in modo che desse un perché anche a quei due personaggi così distaccati e incomprensibili.
Se dovessi scrivere una sceneggiatura per un personaggio Bonelli… chi sceglieresti?Non amo lavorare su personaggi non miei. Come per gli schemi, cerco sempre il punto in cui piantare il grimaldello per rompere la gabbia, piuttosto che concentrarmi sul personaggio. L’unico che potrei “adottare”, proprio perché lo vedo in modo magnificamente distinto nel mio cervello, ora come ora è Lukas.
Ho partecipato da poco alla presentazione di un romanzo fantasy di un autore italiano – pubblicato da Salani – e questo autore difendeva il diritto di ambientare il fantasy nella realtà italiana. Tu cosa ne pensi? Si può prescindere dai boschi del Maine e dalle brughiere scozzesi?Certo. In fondo, per Stephen King è il Maine a essere “casa”.  Tutto può diventare strano e inquietante, se visto attraverso la giusta lente. Ricordo un racconto di Tommaso Destefanis ambientato in un campo da calcio di Massa Marittima in cui una squadra di “locali” si trovava a giocare contro una squadra di fantasmi. Faceva una paura micidiale. È solo il primo esempio che mi viene in mente.No, anzi, aggiungo una provocazione. Il Cavaliere Inesistente, per te, che cos’è? Un fantasy? E Il Visconte Dimezzato? E Il Barone Rampante?  Calvino era un autore fantasy? Be’, no. E anche sì, in un certo senso. In un certo senso, nessun autore è più horror di Shakespaere. Quindi, vedi, anche nella definizione stessa di genere tutto è relativo, secondo me.
Scrivere è un modo per…?Prendere parti di me e fargli sgranchire un po’ le gambe.
Se dovessi scegliere un attore per interpretare Jack Wyte.. . il protagonista del romanzo… chi sceglieresti?Mmm. Hugh Jackman. Non perché Hugh Jackman sia poi così simile a Wyte, ma perché, insomma, Hugh Jackman va bene un po’ a prescindere, no?
Tre consigli utili per chi vuole scrivere  e tre consigli per chi, invece, vuole vedere le sue cose pubblicate.Questa è una domanda intelligente. Infatti non credo che le due cose debbano essere per forza collegate. Non mi azzarderei a dare consigli di scrittura a nessuno se non questo: trovate il vostro modo. Il vostro modo per farlo, no? Terry Pratchett definisce la scrittura “la cosa più divertente che puoi fare da solo”.  E il paragone, per quanto irrispettoso, è ovvio.  Quando scrivi sai di che cosa hai bisogno, che cosa ti accende e come lo vuoi fare. Immagino che quello sia il modo giusto.In quanto al vedere le proprie cose pubblicate, temo di non essere la persona giusta. La case editrici seguono le loro regole, che noi mortali difficilmente capiamo. Ed è giusto così, eh. Quello che uno può fare è vedere se per caso quello che ha scritto va bene per le complesse necessità di una casa editrice. Sono sicura che ci sia anche un modo scientifico per farlo. Una specie di equazione. Ma quando inizierò a scrivere seguendo un’equazione  vorrà dire che la mia vita è davvero, davvero incasinata. Che ho i creditori alla porta o che la mafia mi ha lasciaiato una testa di cavallo sul letto. Spero che non avvenga mai.
Un  libro imperdibile?Ho appena letto The Ocean at the End of the Lane di Neil Gaiman. E lo definirei imperdibile, sì.
Un fumetto?Volevo lasciar perdere i classici, ma... è stato da poco pubblicato in Italia, per la prima volta in modo organico, Marshal Law.  Non leggerlo sarebbe un peccato.
Un film?Non so perché, ma mi è venuto in mente Il Concerto.
Un disco?Riascoltavo Le Nuvole di De André, prima.
Un gesto?Massaggiarmi i muscoli del collo. Più che imperbile, inevitabile.
Se alzi gli occhi al cielo… cosa cacchio vedi? Il solito albero. Quello centenario che il comune non può buttare giù. Ha tutte le foglie verdi, ora, anche se qualcuna inizia a tirare al giallo. Non mi spingo a dire che tutti dovrebbero avere un albero centenaio da guardare, ma di certo male non fa.
INTERVISTA A SUSANNA RAULE
Selfie d'autore con autrice e illustratore della magnifica copertina... il grande Armando Rossi!Sono bellissimi e fighissimi... vero? 
Foto rubata dalla pagina FB di Susanna! JJJ

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Intervista a simona giorgino

    Intervista simona giorgino

    Ciao Simona, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.Ciao Linda, è un piacere essere tua ospite! Di me posso dirti che sono laureata in Lingue... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a isabella izzo

    Intervista isabella izzo

    Ciao Isabella, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.- Grazie per l’ospitalità! Di me posso dire che sono una persona con molte passioni, ma con poc... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a marika bernard

    Intervista marika bernard

    Ciao Marika, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te. Ciao a te e grazie per l’ospitalità. Sono una ragazza proveniente dal freddo nord del Trentino,... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Luca Tarenzi

    Intervista Luca Tarenzi

    A questo post tengo molto. È la seconda intervista di uno scrittore che pubblico e sono contenta che sia di Tarenzi. Oddio, mi spiace non essermi 'allenata'... Leggere il seguito

    Da  Laleggivendola
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Maurizio Blini

    Intervista Maurizio Blini

    +10 Maurizio Blini (foto by Franco Giaccone)Maurizio Blini, commissario della Polizia di Stato in congedo e scrittore prolifico di gialli carichi di tensione, m... Leggere il seguito

    Da  Ciessedizioni
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a ilaria goffredo

    Intervista ilaria goffredo

    Ciao Ilaria, è un grande piacere ospitarti nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.Ciao Linda, grazie per l’ospitalità e un saluto ai followers del blog. Che... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a debora bruni

    Intervista debora bruni

    Ciao Debora, benvenuta nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te.Ciao Linda, sono una “ragazza” di 43 anni nata in provincia ma adesso residente a Ferrara, città... Leggere il seguito

    Da  Linda Bertasi
    CULTURA, LIBRI