Magazine Opinioni

Io amo Viadana

Da Beachild
Una delle esperienze migliori che ho vissuto quest’anno è stata la mia partecipazione alla “Terza Fiera del Libro del Territorio tra Oglio e Po”, tenutasi a Sabbioneta il 5 Maggio 2013. Sono stato cortesemente invitato a quella festa dal responsabile della Società Storica Viadanese Giuseppe Flisi, per tenere una presentazione de “L’eredità”, che è poi stato messo a bancarella assieme ad altri libri e saggi di autori della zona. La cosa bella è che a quella presentazione hanno preso parte qualcosa come dodici persone, di cui quattro erano miei famigliari e amici.
Come posso giudicare così bene una simile esperienza, dunque?
La risposta sta nel titolo di questo post. Io amo Viadana. Che, in senso lato, significa che io amo la mia terra. È difficile, credo, sentire esternazioni del genere, soprattutto in tempi recenti, dove rimanere tutta la vita nello stesso luogo (quello di nascita, peraltro) è visto quasi come un fallimento. L’Europa è ormai dietro l’angolo, l’America o l’estremo Oriente sono a poche ore di volo; con l’inglese e internet trovare lavoro fuori dall’Italia è più semplice e l’esperienza si rivela gratificante, remunerativa, qualificante (senza contare che spesso è l’unica alternativa alla disoccupazione e alla depressione da “viviamo-in-un-Paese-ridicolo”).
Io amo Viadana


Eppure io, sebbene in più di un’occasione abbia manifestato un certo disgusto per le dinamiche che sviliscono l’Italia come nazione, non ho mai perso l’attaccamento alla mia terra natale, intesa proprio come Viadana e dintorni. La terra dove è nato e cresciuto mio nonno, prima di mio padre, me e mio figlio: quattro generazioni dislocate in abitazioni raggruppate nel raggio di 600-800 metri, nella piccola frazione di Cicognara.

Per questo, quando ho cominciato a scrivere, consapevole fin dal primo momento di quali potevano e dovevano essere le mie reali ambizioni, mi sono posto come obiettivo quello di donare qualcosa a quella terra a cui tanto mi sento legato. Sapevo che non sarei mai diventato uno scrittore di fama nazionale, ma nessuno poteva e potrà impedirmi di lavorare e impegnarmi per essere riconosciuto come scrittore (o pseudo-scrittore) di fama viadanese. Non a caso scelgo sempre di tenere la prima presentazione proprio a Viadana, abitudine che anche l’amico (e vicesindaco) Dario Anzola mi ha invitato a non perdere.
Non voglio ricevere onori, ma lasciare qualcosa in eredità, un segno del mio passaggio. Come stanno facendo molte altre persone o organizzazioni le quali, ognuna nel suo piccolo, rendono migliore Viadana, la fanno crescere. Mi riferisco, tra gli altri, ad artisti come Franco Mora e Pèdar; colleghi scrittori come Ivano Porpora, Michael Archetti, Roberta Marzano e, dal punto di vista storico, Luigi Cavatorta; a gruppi e associazioni culturali; e a decine di altre persone e istituzioni che potrei citare (e che potete citare voi nei commenti, se vi va).Io amo Viadana


Insomma, mi piacerebbe che, tra sessanta-settant’anni, qualche anziano al bar possa raccontare al nipotino che negli anni duemila a Viadana c’era un gran fermento culturale: chi cantava, chi dipingeva, chi scriveva. E tra questi ultimi c’era anche un certo Livorati («Ma Livorati come quelli che abitano qui a Cicognara?» chiederà il bambino. «Sì, penso fosse loro parente, anche se aveva un nome strano. Perché i Livorati han sempre vissuto qui» risponderà il nonno). L’invito alla Fiera del Libro del Territorio, con cui ho aperto il post, ha rappresentato un primo riconoscimento in questa direzione e mi ha riempito di orgoglio.

A dimostrazione che i numeri (vendite, guadagni, quantità di presentazioni e di partecipanti) non contano niente. Impegnarmi per valorizzare la mia esistenza e per lasciare qualcosa che mi leghi alla storia del mio paese, quello conta. Non esisterebbe ricompensa migliore al mio lavoro.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Io ho un sogno...

    sogno...

    Sono passati cinquant'anni, eppure rimane uno dei discorsi più belli mai pronunciati. Sto parlando del famoso "I have a dream" di Martin Luther King" a cui... Leggere il seguito

    Da  Marcodallavalle
    CULTURA, LIBRI, TALENTI
  • Io lettrice speciale........

    lettrice speciale........

    Buongiorno amici!!!!Che emozione!Qualche giorno fa ho ricevuto una mail dall'Arnoldo Mondadori Editore.......si avete letto bene..... Leggere il seguito

    Da  Confettieco
    FAI DA TE, TALENTI
  • Io no

    Io ho un ego abbastanza ipertrofico, per dire. Ed anche una discreta dose di autostima. Non che le critiche mi scivolino completamente addosso, ma neppure mi... Leggere il seguito

    Da  Iomemestessa
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Io viaggio sempre Velox!

    viaggio sempre Velox!

    Qual'è l'oggetto di cui proprio non potete fare a meno nei vostri viaggi, che infilate per primo nella valigia?Un portafortuna?Un cuscino morbido e coccoloso? Leggere il seguito

    Da  Shanta
    TALENTI, VIAGGI
  • ANCORA IO - Lisa Genova

    ANCORA Lisa Genova

    altro libro finito, oggi, Il gusto proibito dello zenzero, e immediato nuovo inizio, con Ancora io, di Lisa Genova.anche questo consigliato e prestato dalle... Leggere il seguito

    Da  Maria Chiara
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • WHB#402... ospito io!!!!!

    WHB#402... ospito io!!!!!

    Questa settimana il WHB#402 è qui, nel mio blog!!!!Ospito il WBH, Weekend Herb Blogging, sia la versione italiana sia la versione inglese, e sono davvero... Leggere il seguito

    Da  Zibaldoneculinario
    TALENTI
  • io...

    io...

    io che stasera mi sento la donna più bella del mondo (sì, anche se forse perchè nessuno può vedermi), io che in questi giorni ho letto/sentito due frasi che... Leggere il seguito

    Da  Madhouse
    DIARIO PERSONALE, TALENTI

Dossier Paperblog

Magazines