Magazine Racconti

Io, forse.

Da Naimablu
Io, forse.Immagine di Monica Coppini
Io sono spaventata, tanto. Io sono, io sono … io ancora non sono, è questo il problema, forse. Sono: tanti pensieri, passioni, parole, piccoli pezzi di vita che sono come pezzi di vetro infranto che si avvicinano per cercare di rubare, a un riflesso di quella superficie frastagliata, qualcosa di vero. Una superficie frastagliata, questo sono. Poi c’è lei, poi. Lei che mi guarda come se conoscesse tutto di me, se sapesse come andrà a finire. E io? Io, chi sono? Lo sa chi sono? Io. Lei, da quei suoi cinquant’anni vissuti tra un segno e l’altro che viaggiano sul suo viso. Una ragnatela di vita in cui io mi sento impigliata. Io, inadeguata per tutto, lei che saprebbe dove posizionare quei pezzi di vetro nel modo giusto perché, dal riflesso ottenuto, possa venir fuori la giusta immagine di me. Io, forse. Io sono, sono qui e cerco di prendere tutto quello che posso anche solo da un piccolo riflesso di un altrettanto piccolo e solo pezzo di vetro. Solo, come me. Anche se c’è lei che sa tutto, che sa trovare la risposta giusta per me pescandola, ad occhi chiusi, da ogni singola traccia di vita disegnata su quel viso che, la vita, l’ha vista in faccia per un bel po’ e ne ha fatto un boccone solo, mandando giù anche quello che proprio non le andava. Lei, è. È tutto quello che stringe di lei e tutto quello che sa di me. Io sono, un pezzo di lei, un pezzo di vetro che sa da dov’è stato staccato, ma ancora non si riconosce. Io sono, spaventata, tanto. Perché non lo so, perché tutti questi pezzi che si cercano senza riuscire a trovarsi, continuano ad andare. Non sanno dove, ma vanno. Tornano indietro, al punto di partenza. Qualche volta fanno finta di non vedere le indicazioni. Hanno paura di trovare la strada. Quella che per lei ha una mappa ben precisa: la ragnatela di vita disegnata sul suo viso, i suoi percorsi testati e le sue scorciatoie. Quella che è la “sua” vita. Non la mia, ma a lei, tutto questo, non interessa. Lei sa chi sono e quale strada debba percorrere. Sa da dove vengo: sono impigliata in uno dei fili della sua ragnatela, sono solo un piccolo pezzo di vetro staccato da lei che pensa di possedere il più vero dei riflessi di me. Rifletto, oggi non so chi sono.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Tentativi di DIY = io che passo il tempo

    Tentativi passo tempo

    Io che passo il tempo vuol dire io che per sbaglio finisco su siti e blog di DIY e mi invento una fissazione di voler fare quelle cose e ci provo con risultati... Leggere il seguito

    Da  Micamichela
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Io l’errore umano per eccellenza!

    Sono nata nel lontano 1964,alle ore 1.15 del 6 Giugno, non desiderata e non voluta da mia madre.Ella già mamma di una ragazza di 18 anni, non desiderava... Leggere il seguito

    Da  Gattolona1964
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, RACCONTI, TALENTI
  • Io al tuo posto avrei…

    posto avrei…

    Il quesito del mese. A cura di Patrizia. Io al tuo posto avrei detto…avrei fatto…. se fossi stata al tuo posto… Quante volte ci si sente dire questa frase! Leggere il seguito

    Da  Maurizio Lorenzi
    LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • Io mamma, umile scolara davanti ai miei figli.

    Ho avuto tanto dalla vita, forse troppo, ma la ricchezza maggiore che possiedo sono i miei figli.Capisco solo ora alla mia eta’,quanto sia importante, il... Leggere il seguito

    Da  Gattolona1964
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, RACCONTI, TALENTI
  • Sono stata anche io... #1

    Sono stata anche io...

    Sono stata anche io gattara...È passato tanto tempo ma ricordo perfettamente ogni gattino e il loro miagolio.Ero una figlia adottata e benvoluta che aveva... Leggere il seguito

    Da  Futura
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Io sono qui.

    Non ci sei mai. Come fai ad essere così preciso nelle tue assenze? Ho bisogno di te, come di una calda luce che mi avvolga e aiuti ad incamminarmi, ma non ci... Leggere il seguito

    Da  Monicasartori
    POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • Lascia che io sbagli

    Lascia sbagli

    C'è un modo poetico di rappresentare l'amore, come una dolce gabbia, chiusa da lucchetti colorati.Come nella foto, spesso si tratta di un "fiore di lucchetti",... Leggere il seguito

    Da  Emmagiulia
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI

Magazines