Magazine Cultura

Io, Nessuno e Polifemo. Intervista impossibile / Emma Dante

Creato il 18 novembre 2015 da Lo Sciame Inquieto
Io, Nessuno e Polifemo. Intervista impossibile / Emma DanteIo, Nessuno e Polifemo. Intervista impossibile / Emma Dante. Teatro Vittoria, 5 novembre 2015.
Non avevo mai visto spettacoli di Emma Dante a teatro. La mia conoscenza dell'autrice e attrice era limitata al cinema e, in particolare, al film Via Castellana Bandiera, che mi era piaciuto molto.
Così quando M. mi ha proposto di prendere i biglietti di questo evento del RomaEuropa Festival 2015 ho accettato ben volentieri.
Ed eccomi qui al Teatro Vittoria un giovedì sera di una settimana in cui sono uscita tutte le sere e sono distrutta, ma non demordo :-)
Lo spettacolo - come ci spiegherà la stessa Emma Dante nel dibattito con il pubblico - nasce da un testo scritto qualche anno prima, quando - a un precedente RomaEuropaFestival - ad alcuni autori e scrittori era stato chiesto di realizzare delle interviste impossibili. L'intervista impossibile con Polifemo e Odisseo è poi diventata un testo teatrale ed è stata portata in scena.
E detto così potrebbe sembrare molto noioso, e invece non lo è.
Sulla scena si muovono tre bambole rotte (le bravissime Federica Aloisio, Viola Carinci e Giusi Vicari) e sul trabattino alle spalle della scena sale una musicista, Serena Ganci, che si occuperà delle canzoni e delle musiche dal vivo che accompagnano parole e azioni.
Io, Nessuno e Polifemo. Intervista impossibile / Emma DanteSul proscenio arrivano poi Emma Dante, che interpreta se stessa, l'intervistatrice impossibile, e Polifemo (Salvatore D'Onofrio). E tutto risulta spiazzante fin dal principio, perché questo gigante accecato - consegnato alla storia da tanti racconti e tanta letteratura - non solo parla napoletano, ma si presenta come un povero cristo, la cui vita è stata rovinata da un imbroglio e che pure non ha perso il senso dell'umorismo. Fino a quando non entra in scena Odisseo, Ulisse, Nessuno (Carmine Maringola), che fa il suo ingresso come un supereroe di periferia, un guitto, un gigione pieno di sé, uno che ama la vita al punto da aver rifiutato l'immortalità e che della vita vuole prendersi tutto, anche quando questo si traduce in sofferenza per qualcun altro, che sia Polifemo o Penelope. Ma un guitto simpatico, che parla napoletano anche lui, e che è difficile odiare per davvero.
Commedia e dramma si alternano in scena, e una forma di meta teatralità fa capolino qua e là, attraverso l'intervistatrice che parla con Polifemo del significato del teatro o attraverso le mille maschere di Nessuno.
Il momento più emozionante per me è la scena dedicata a Penelope e alla sua tela infinita, interpretata magistralmente dalle tre ballerine che replicano quest'unica donna nella sua dimensione diacronica e sincronica, avvolte e quasi imprigionate nella tela che Penelope ha scelto di tessere ma da cui in qualche modo non riesce più a liberarsi.
Lo spettacolo è nel suo complesso interessante, forse non potente come mi dicono essere normalmente i lavori di Emma Dante, ma il pubblico accoglie con favore e, anche nel dibattito successivo, coordinato da Elena Stancanelli, interviene con domande e curiosità, cui fa da contrappunto l'ironia tutta siciliana di Emma Dante.
Voto: 3/5

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Poeti, naufraghi, pellegrini: Dante e Ungaretti

    Poeti, naufraghi, pellegrini: Dante Ungaretti

    Cos'hanno in comune Dante Alighieri e Giuseppe Ungaretti, personaggi tanto distanti nel tempo? Non il semplice fatto che il secondo abbia letto e commentato la... Leggere il seguito

    Da  Athenae Noctua
    CULTURA
  • Nessuno si salva da solo

    Nessuno salva solo

    L’isteria si divora le emozioni. Castellitto rimandatoDopo Non ti muovere e Venuto al mondo, Castellitto mette in scena anche Nessuno si salva da solo, ovvero... Leggere il seguito

    Da  Ussy77
    CINEMA, CULTURA
  • non ditelo a nessuno:

    ditelo nessuno:

    LIBRERIA ATLANTIDE resterà chiusa per ferie dal 13 al 16 agosto (compreso) Leggere il seguito

    Da  Atlantidelibri
    CULTURA, LIBRI
  • Emma Russo

    Emma Russo

    Ciao Emma, Benvenuta prima di tutto tra le pagine di Destinazione libri.. iniziamo con la domanda più difficile forse, ma importante per poterti farti... Leggere il seguito

    Da  Destinazione Libri
    CULTURA, LIBRI
  • Romanticismi - la barca di Dante

    Romanticismi barca Dante

    Eugene Delacroix, la barca di Dante, 1822Di Eugene Delacroix vi ho già parlato in passato (QUI) ma chiaramente, in un viaggio attraverso il Romanticismo non si... Leggere il seguito

    Da  Artesplorando
    ARTE, CULTURA
  • Nessuno saprà

    Nessuno saprà

    di Alessandro Chiarelli – n pochi giorni, nella tranquilla e benestante Ferrara spariscono il Questore, il Procuratore della Repubblica e il Prefetto. Leggere il seguito

    Da  Ciessedizioni
    CULTURA, LIBRI
  • Nessuno saprà di Alessandro Chiarelli

    Nessuno saprà Alessandro Chiarelli

    Settembre ormai sta iniziando a bussare alla porta e con lui tantissime novità. Questa è la prima che vi proponiamo, e ritorna lui, Alessandro Chiarelli. Leggere il seguito

    Da  Destinazione Libri
    CULTURA, LIBRI

Magazine