Magazine Società

Io non voglio essere cancellato

Creato il 01 luglio 2011 da Abnormal
Io non voglio essere cancellato
Riporto per intero il post di Metilparaben, volevo riscriverlo ma mi sembra particolarmente incisivo, non saprei fare di meglio.
In estrema sintesi sta succedendo questo: il 6 luglio l'AgCom voterà una delibera con cui si arrogherà il potere di oscurare siti internet stranieri e di rimuovere contenuti da quelli italiani, in modo arbitrario e senza il vaglio del giudice.
Siccome, con ogni evidenza, si tratta di una misura degna dei peggiori regimi, sarebbe il caso di rimboccarsi le maniche per evitare che venga approvata.
Cosa puoi fare:
  • se sei un blogger scrivi un post, usando il logo che vedi qua sopra e riportando tutti i link, e diffondilo più che puoi tra quelli che conosci; 
  • vai alla pagina di Agorà Digitale in cui sono raccolti tutti i link, le iniziative e le proposte dei cittadini; 
  • firma e diffondi la petizione sul sito di Avaaz
  • partecipa e invita tutti i tuoi amici a "La notte della rete": 4 ore no-stop in cui si alterneranno cittadini e associazioni in difesa del web, politici, giornalisti, cantanti, esperti. 
Mi sa che è ora di darsi da fare: altrimenti tra poco rischiamo di essere cancellati.
Riporto inoltre il parte del testo della mail inviabile dalla pagina di sitononraggiungibile, spiega perfettamente la situazione

Immaginate che un giorno intere sezioni della vostra biblioteca vengano rese inaccessibili. Non vi verrà mai detto quali specifici libri, e per quale ragione sono stati rimossi, ma troverete solo un cartello che vi informa che qualcuno, da qualche parte, per qualche ragione, ha segnalato che i libri di quella sezione violano i diritti di qualcun’altro. Immaginate che anche dagli scaffali accessibili della biblioteca qualcuno rimuova costantemente libri senza che voi o gli altri altri utenti della biblioteca, possiate sapere quali volumi sono stati rimossi, e senza che vi sia data la possibilità di valutare se la rimozione di tali libri viola alcuni dei vostri diritti fondamentali.Credete che questo non possa accadere in una democrazia?
Quindi... diamoci da fare!

Questo è un post di: http://anch3basta.blogspot.com.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Io sono un delatore

    L'on. Antonio Palmieri, responsabile internet del sito Forzasilvio, mi ha scritto oggi alle 13,17:Ciao Luca,Il quotidiano "La Stampa" ha attivato un sondaggio o... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Però io muoio per te

    Però muoio

    L’amico di un amico, un pezzo grosso della discografia nazionale, mi ha fatto una rivelazione. Pare che, nonostante la continua riduzione delle vendite, sia in... Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    SOCIETÀ
  • Io, se fossi Saviano

    fossi Saviano

    , avrei lasciato Mondadori da un pezzo. L’avrei fatto per dare segno e forza ulteriori alla battaglia delle idee e dell’integrità etica di cui lo scrittore... Leggere il seguito

    Da  Andreapomella
    SOCIETÀ
  • E io perciò li schifo

    Sono passati ormai tre giorni da quando la Süddeutsche Zeitung ha dato notizia del ritrovamento di un appello che Joseph Ratzinger firmò nel 1970, insieme ad... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Io sto con Torino, io sto con Michele Curto

    Ho conosciuto Michele Curto nel 2004. Allora era già presidente dell’Associazione Terra del Fuoco e mostrava un carisma sorprendente e un curriculum già fitto... Leggere il seguito

    Da  Alfopop
    SOCIETÀ
  • Se ce l'ho fatta io

    Ogni tanto qui in ufficio succedono anche cose belle, cose che ti fanno sorridere, lo dico perché se qualcuno leggesse uno dietro l'altro i post sulla mia vita... Leggere il seguito

    Da  Piesio
    SOCIETÀ
  • Io e te, una recensione

    recensione

    Mi sono avvicinato a questo volumetto smilzo con il consueto scetticismo che provo verso tutti i volumetti smilzi di immane successo. Leggere il seguito

    Da  Anellidifum0
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine