Magazine Politica

IRAN’S RECKONING DAY (con traduzione in italiano)

Creato il 08 gennaio 2012 da Conflittiestrategie

IRAN’S RECKONING DAY (con traduzione in italiano)

 

As predicted, the tension between Iran and the West has reached its boiling point.  The last two weeks have been very hectic in the exchange of accusations, threats, and propaganda between the Americans and the Iranians.  On December 15, the Iranians announced the possible closure of the Strait of Hormuz, along with the military operations and capabilities of the Iranians to implement and carry out such a possibility.  The Strait of Hormuz is geographically located between Iran, the United Arab Emirates, and Oman’s Musandam Peninsula.  The Strait of Hormuz connects the Gulf of Oman with the Persian Gulf.  Its strategic position makes the Strait of Hormuz one of the most important bodies of water in the world.  In this narrow, 20-mile wide stretch of water it is estimated that 15 million barrels of crude oil transit each and every day.  Ninety percent of all oil exported from the Gulf States is carried on oil tankers navigating through the strait.  That is the equivalent of more than 1/5 of the entire world’s traded oil.
The threat to close the Strait of Hormuz comes at a time when the squeeze on Iran is tightening even further.  Iran knows that it’s living on borrowed time.  The exchange of the dialectic punches between Iran and the West is becoming rapidly harder to keep up with.  There are new developments almost on a daily basis.   Iran’s naval chief, Sayyari, stated that “Closing the Strait of Hormuz is very easy for Iranian naval forces.  Iran has comprehensive control over the strategic waterway.”  The US Navy 5th Fleet, based on Bahrain, answered back by stating that “Any disruption will not be tolerated.”  Iran responded by conducting its military maneuvers in the Strait and Gulf region, something that has been done since 2006 on a yearly basis, to show off its military capability.  Iran has also tested long and short-range missiles.  For this reason the Obama Administration has sealed a deal with the United Arab Emirates for the sale of an advanced anti-missile interception system capable of knocking down Iranian missiles, worth $4 billion.  The UAE is building a pipeline to bypass the Strait of Hormuz, something which the Iranians are not happy about it.  The Obama Administration has also signed a $60 billion weapons deal with Saudi Arabia which includes hundreds of F-15 jet fighters, black hawks, and others to deter Iranian aggression.  In the verbal dispute between Iran and the United States, the Europeans have also weighed in.  French Foreign Ministry spokesperson, Bernard Valero, said that “Just like in the issues of human rights and nuclear nonproliferation, we call on the Iranian authority to observe international law… All vessels, no matter what flags they are flying, have the right to cross the Strait of Hormuz under the UN 1982 Convention on the Law of the Seas.”  On December 31, 2011 Obama signed a $662 billion defense spending bill.  Attached to this bill are the toughest sanctions against Iran ever implemented.  Financial firms and institutions, including the central banks, are banned from conducting trade in the USA if they engage in business with Iran.  A number of nations have already asked the United States to postpone the implementation of these new sanctions.  Nations such as South Korea rely heavily on crude oil imported from Iran.  The US sanctions are supposed to be followed by the EU sanctions against Iran.  These sanctions are to be discussed at the end of this month by the EU foreign ministers in Brussels; but even in the case of the EU, nations like Greece have expressed their displeasure with a possible European move to impose oil sanctions on Iran.  The reason for the Greek objection to such a move is to be found in the dependence of Greece on Iranian oil. Many people do not know that after other oil exporters had refused to deal with Greece for fear of their inability to pay the traders, Iran was one of the few oil exporting nations willing to extend Greece credit.  I guarantee you that if Greece stood against the EU sanction on Iran in December, it will abide by the decision of the next meeting on January 30.  The January meeting was called for by President Nicholas Sarkozy when he imposed an embargo on Iranian oil to put additional pressure on Iran.  This is consistent with the concept that a nation such as Greece, which is not a sovereign nation anymore like Italy, is no longer able to protect its own interests.
In this game of cat and mouse between Iran and the West, the stakes are high.  Iran is facing the toughest financial sanctions yet, but continues their nuclear program at full speed.  Iran is also facing a growing economic crisis.  Its currency, the rial, has devalued in recent weeks against all the other major currencies.  The rial went from a minimum of 10299.043 IRR to $1 on May 11, 2011 to a maximum of 11189.7853 IRR to $1 on January 1, 2012.  The cost of living is also on the rise, especially for certain commodities such as food.  Even in this scenario, the sanctions carry an added hardship on the Iranian people.  There are also reports of terrorist acts and daily fighting within the Iranian territory between the Kurdish and opposition forces on one side and the revolutionary guard on the other side.
The question to ask is:  Do the Iranians have the capability to shut down the Strait of Hormuz?  We have a precedent in history which can actually give us an opportunity to formulate an educated guess on what might happen if the Iranians make good on their promise to shut down the Strait of Hormuz:  The tanker war.  The tanker wars were a consequence of the larger conflict between Iran-Iraq.  In September 1980, Iraq attacked Iran launching a war that would last for almost eight years.  It was nasty with trench warfare fought on the ground.  By the end of the war, hundreds of thousands of people had lost their lives.  For the first four years of the war there were attacks by both sides on ships carrying goods, mainly oil tankers, crossing the Strait of Hormuz and the Persian Gulf.  But in 1984, the attacks on tankers escalated with Iraq using air power superiority to attack oil tankers leaving Iranian oil terminals in the Gulf region.  The Iraqis attempted to break the stalemate in the war against Iran by disrupting the oil export of Iran, thus forcing Iran to the negotiation table.  Iran retaliated by attacking tankers carrying Kuwaiti and Saudi Arabian oil.  In 1984 alone there were more than 70 attacks on merchant ships. As the tanker war continued, the ships that sustained the most attacks were from Kuwait.  In 1986, Kuwait asked the international community to protect its vessels.  The Soviet Union responded first and then in 1987 the Reagan Administration followed the lead of the USSR and reflagged 11 Kuwaiti tankers with American flags.  Operation Earnest Will had started. This scheme did not stop the Iranian and Iraqis from attacking merchant vessels.  The most ironic act of this war came when an attack from an Iraqi aircraft in May 1987 fired two missiles at the “friendly” USS Stark killing 37 American sailors and wounding 21.  Iraq apologized but the USA used this incident to go after Iran blaming the Iranians for the escalation in the conflict.  The tanker war became effectively a military engagement between Iran on one side and the USA/Iraq on the other.  The tanker war became the largest military naval conflict since World War II.  Iran’s military reverted to mines and small boat operations to harass ships coming out of Kuwait.  They carried out their operations mainly at night under the cover of darkness and did not directly engage any US vessels.  The Iranians knew they were not a match for the US Navy.  The Americans quickly adapted to these naval guerilla warfare tactics and matched the Iranians at their own game.  The Americans reverted to Special Forces operations using Navy Seals, army helicopters and special boat units to fly and fight at night, striking deep into the Iranian waters and territories.  Many of the Iranian military boats and vessels were sunk, along with Iranian oil complexes.  A couple of American vessels, like the US Frigate Samuel B. Roberts were damaged by mines, with no loss of American lives.  The end of the war came when the USS Vincennes “accidentally” shot down an Iranian commercial air bus (Iran Air Flight 655) on July 3, 1988 killing 290 civilians, including over 60 children.  The tanker war only momentarily and partially derailed the oil shipment through the Gulf.  The prices skyrocketed but then settled down as the oil producing countries found other ways to circumvent the problem.  So, does Iran have the capacity to shut down Hormuz?  Perhaps they have the ability to disrupt the flow of oil, at least temporarily, but it would put Iran on a collision with the US 5th Fleet.  The Iranians have tried to display their military might by showing their muscles during their military exercises, but if Iran has acquired new weapons over the years, they are facing on the other side the 5th Fleet which is one of the most equipped and technologically advanced Navy detachments in the world.
Iran’s rhetoric is mainly to solicit, not a direct confrontation with the West, but to buy itself time and to force the intervention of nation’s friendly to Iran, such as China and Russia, especially China who is a big customer of Iranian oil.  Iran also relied on Europe as a trading and interactive partner.  Unfortunately, with Mahmoud Ahmadinejad appealing to Europe a few years ago for the Euro to become the new world currency, replacing the dollar in an attempt to isolate the United States, and with the United States in total control of Europe, Iran has sealed its fate.  Perhaps Iran counts on China and Russia to veto any UN Council resolution against the Islamic nation.  But, if Iran provokes a military intervention by the West, I guarantee you no one will come to its military aid.  The signs are written in clear letters.  Just a week ago in an article published by Russia Today, a high-ranking Russian naval official stated that, “The Iranian Navy’s combat resources are incomparable with the potential of the US aircraft carrier group that has entered the Strait of Hormuz and are incapable of opposing it.”  Deputy Navy Commander Admiral Evan Kapitanets has said that US Navy forces will smash the Iranian coastal installations.  Let me break down for you what this statement, a message from Russia to Iran, really meant:  Iran, do not attempt to provoke a military confrontation against the United States.  You are not in a position to stand a full-scale conflict against the West.  We Russians are also telling you that if it comes down to military operations, we will not intervene on your behalf. Basically Iran stands on its own.
The day of reckoning for Iran is fast approaching.  Iran is now increasingly an isolated country, with few friends to rely on.  The best move Iran can make right now is changing their rhetoric and trying a strong diplomatic approach.  Iran has signaled their intent to meet with the five permanent members of the UN Security Council, in addition to Germany.  A meeting in Turkey in January last year between Iran, the USA, Germany, the UK, Russia, China and France did not produce any results regarding Iran’s nuclear program.  Another failure in negotiating a deal with the West will mean travesty for the Iranians.  The time is running out for Iran.  Spring might be the best window for an attack on Iranian nuclear sites.  Iran cannot even remotely afford to keep provoking a possible military reaction.  For the time being, words are just words, but all it takes is an “accidental incident” to start a full-scale military confrontation.  I hope the Iranians realize that testing the limits of Obama during an election year will be a geopolitical death sentence.  (Gianfranco Campa)

*********

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

Come previsto, la tensione tra l’Iran e l’Occidente ha raggiunto il suo punto di ebollizione. Le ultime due settimane sono state molto frenetiche nello scambio di accuse, minacce e propaganda tra gli americani e gli iraniani. Il 15 dicembre, gli iraniani hanno annunciato la possibile chiusura dello Stretto di Hormuz, decrivendone le operazioni militari e la capacità degli iraniani di implementare e realizzare una tale possibilità.
Lo Stretto di Hormuz è geograficamente situato tra l’Iran, gli Emirati Arabi Uniti e la Penisola di Musandam in Oman ; lo Stretto di Hormuz collega il Golfo di Oman con il Golfo Persico. La sua posizione strategica rende lo stretto una delle vie di acqua navigabile più importanti del mondo.  In questa fascia di acqua larga 21 miglia si stima che ogni giorno transitano 15 milioni di barili di greggio. Il novanta per cento di tutto il petrolio esportato dagli Stati del Golfo viene trasportato su petroliere che attraversano lo stretto;  l’equivalente di più di 1 / 5 dl fabbisogno di petrolio del mondo.
La minaccia di chiudere lo Stretto di Hormuz arriva in un momento in cui il cappio intorno all’Iran si sta stringendo ancora di più. L’Iran sa che sta vivendo i giorni contati. Lo scambio di pugni dialettico tra l’Iran e l’Occidente sta diventando rapidamente più difficile da sostenere. Ci sono nuovi continui sviluppi  a un ritmo giornaliero frenetico. Il  capo della marina iraniana, Sayyari, ha dichiarato che “La chiusura dello Stretto di Hormuz è molto facile da attuare per le forze navali iraniane. L’Iran ha il controllo completo di questo  corso d’acqua strategico “. La  Quinta Flotta  della US Navy, basata in Bahrain, ha risposto affermando che” Qualsiasi interruzione non sarà tollerata. “L’Iran ha risposto conducendo le sue manovre militari nella regione dello Stretto e del Golfo, cosa che fa annualmente dal 2006 per esibire la propria capacità militare. L’Iran ha testato missili a lungo e corto raggio. Per questo motivo l’Amministrazione di Obama ha firmato  un accordo del valore di 4 miliardi di dollari con gli Emirati Arabi Uniti per la vendita di un avanzato sistema di intercettazione  antimissile in grado di abbattere missili iraniani. Gli EAU sono impegnati nella costruzione di un oleodotto teso ad aggirare lo Stretto di Hormuz; cosa che di cui gli iraniani non sono affatto felici. L’amministrazione Obama ha anche firmato un accordo di 60 miliardi dollari per la fornitura di armi all’ l’Arabia Saudita, le cui clausole includono, tra le altre cose, centinaia di F-15, jet da combattimento ed elicotteri Black Hawks  per scoraggiare l’aggressione iraniana. Nella disputa verbale tra l’Iran e gli Stati Uniti, gli europei hanno fatto pesare  la loro opinione tramite il portavoce del ministero degli Esteri Francese, Bernard Valero il quale ha detto:  “Proprio come nelle questione dei diritti umani (rieccoci con questi diritti umani)e della non proliferazione nucleare, chiediamo al le autorità iraniane di rispettare le leggi  internazionali … Tutte le navi, non importa di quale bandiera, hanno il diritto di attraversare lo Stretto di Hormuz sotto l’egida della Convenzione ONU del 1982 sul diritto marittimo. ”
Il 31 dicembre 2011 Obama ha firmato un disegno di legge da 662 miliardi di dollari di spese militari. Allegata a questa spesa ci sono anche le sanzioni più dure mai attuate contro l’Iran. A imprese e istituzioni finanziare, comprese le banche centrali, sarà vietato condurre business  negli Stati Uniti, se coinvolte in scambi affari con l’Iran. Un certo numero di nazioni hanno già chiesto agli Stati Uniti di rinviare l’attuazione di queste nuove sanzioni. Nazioni come la Corea del Sud sono dipendenti  dal petrolio greggio importato dall’Iran. Le sanzioni degli Stati Uniti dovrebbero essere seguite da quelle dell’ UE contro l’Iran. Le sanzioni devono essere discusse alla fine di questo mese dai ministri degli Esteri dell’area europea  a Bruxelles; ma anche nel caso dell’UE, nazioni come la Grecia hanno espresso il loro disappunto per una possibile mossa europea di imposizione di sanzioni contro l’Iran. La ragione dell’obiezione greca a una tale decisione  va ricercata nella dipendenza della Grecia dal petrolio iraniano. Molti non sanno che molti esportatori di petrolio hanno rifiutato di trattare con la Grecia, per paura di una possibile insolvenza; l’Iran e` stata una delle poche nazioni esportatrici di greggio disposte a concedere credito alla miserabile Grecia. È del tutto verosimile che, pur se la Grecia si e` opposta alle possibili sanzioni dell’ UE contro l’Iran  discusse nel  mese di dicembre, la Grecia stessa finirà per cedere di sicuro alla decisione che  sarà presa alla prossima riunione del 30 gennaio. La riunione di gennaio è stata convocata dal presidente Nicolas Sarkozy nel momento in cui ha proposto un embargo sul petrolio iraniano per mettere  ulteriormente sotto pressione quel paese. Ciò è coerente con il concetto di una nazione come la Grecia, non più paese sovrano, quindi non più in grado di tutelare i propri interessi.
In questo gioco del topo con il gatto tra l’Iran e l’Occidente, la posta è molto alta. L’Iran che si trova ad affrontare le sanzioni finanziarie più dure mai attuate, continua il suo programma nucleare a pieno regime. L’Iran è alle prese con una crescente crisi economica. La sua moneta, il rial, si e` svalutata nelle ultime settimane nei confronti di tutte le altre principali valute. Il rial è passato da una quotazione minima di 10299,043 IRR contro dollaro  in data 11 maggio 2011 a un massimo di 11.189,7853 IRR al 1° gennaio 2012, stando solo al cambio ufficiale. Il costo della vita è in aumento, soprattutto su determinati prodotti come gli alimentari. In questo scenario, le sanzioni comportano un onere aggiunto per il popolo iraniano. Ci sono anche segnalazioni di atti di terrorismo e lotta armata all’interno del territorio iraniano tra curdi e forze di opposizione da un lato (spalleggiate dai servizi segreti occidentali) e la guardia rivoluzionaria dall’altra parte.
La domanda da porsi è se gli iraniani posseggono la capacità di chiudere lo Stretto di Hormuz. Abbiamo un precedente nella storia che può darci l’opportunità di formulare un’ipotesi plausibile su cosa potrebbe accadere se gli iraniani mantenessero  le loro promesse di bloccare quello Stretto: la guerra delle Petroliere. La guerra delle petroliere  e` stata una conseguenza del conflitto più ampio tra Iran e Iraq. Nel settembre 1980, l’Iraq ha attaccato l’Iran scatenando un conflitto che sarebbe durato per quasi otto anni. E stata una sanguinosa guerra di trincea combattuta a volte corpo a corpo in cui centinaia di migliaia di persone hanno perso la vita. Ne i primi quattro anni di guerra, ci sono stati attacchi di entrambe le parti alle navi che trasportavano merci, soprattutto petroliere, attraversando lo Stretto di Hormuz e il Golfo Persico. Ma nel 1984, gli attacchi alle petroliere sono aumentati con l’Iraq deciso a sfruttare il vantaggio della superiorità aerea per attaccare le petroliere che  lasciavano i terminali petroliferi iraniani nella regione del Golfo. Gli iracheni hanno  tentato di rompere in questo modo la situazione di stallo nella guerra contro l’Iran, cercando di interrompere  le esportazioni di petrolio dell’Iran e costringere quindi  l’Iran al tavolo dei negoziati. Ma l’Iran rispose attaccando navi cisterna che trasportavano petrolio del Kuwait e dell’Arabia Saudita. Solo nel 1984 ci furono più di 70 attacchi a navi mercantili. Nel corso del la guerra delle petroliere, le navi che hanno subito la maggior parte degli attacchi sono state quelle del Kuwait. Nel 1986, il Kuwait chiese alla comunità internazionale di proteggere le sue navi. L’Unione Sovietica rispose per prima; in seguito, nel 1987, l’Amministrazione Reagan seguì l’esempio dell’URSS scortando 11 petroliere del Kuwait con bandiere americane.  Aveva cosi ufficialmente inizio l’operazione Earnest Will. Questo intervento occidentale non impedì agli iraniani e iracheni di continuare gli attacchi alle  navi mercantili. L’atto più paradossale di questa guerra si compì quando l’attacco di un caccia iracheno con due missili, nel  maggio 1987, contro la “alleata” USS Stark, uccise37 marinai americani, ferendone 21. L’ Iraq, chiese scusa, ma gli Stati Uniti useranno questo incidente per incolpare l’Iran della escalation del conflitto. Da quel momento la guerra delle petroliere diventerà  effettivamente un conflitto militare tra Iran da un lato e Stati Uniti / Iraq dall’altro. La guerra delle petroliere si evolverà da quel momento nel più grande conflitto navale militare dalla fine della seconda guerra mondiale. La tattica iraniana fu di  usare mine e piccole barche per molestare le navi del Kuwait. Queste  attività venivano  prevalentemente svolte di notte sotto la copertura delle tenebre e cercando di non attaccare nessuna nave americana per non coinvolgere direttamente le forze degli Stati Uniti. Gli iraniani sapevano di non poter competere con la  marina americana. Gli americani si adattarono rapidamente a queste tattiche di guerriglia navale  usate dagli iraniani . Gli americani cominciarono ad usare le forze speciali Navy Seals,  utilizzando anche elicotteri  e unità anfibie capaci di volare e combattere di notte, colpendo in profondità in acque e territorio iraniani. Molte delle imbarcazioni militari iraniane furono  affondate, cosi come molte delle piattaforme di petrolio iraniano. Un paio di navi americane, come la fregata statunitense Samuel B. Roberts furono danneggiate dalle mine, senza perdita di vite americane. La fine della guerra è arrivata quando la USS Vincennes “accidentalmente” abbatterà un aereo civile iraniano (Iran Air Flight 655) il 3 luglio 1988 uccidendo 290 civili, tra cui oltre 60 bambini.
La guerra delle petroliere solo momentaneamente e parzialmente deragliò l’invio di greggio attraverso il Golfo. I prezzi salirono alle stelle, ma poi si stabilizzarono quando i paesi produttori  trovarono altri modi per aggirare il problema.
Poniamoci quindi la domanda un’altra volta: l’Iran ha la capacità di chiudere Hormuz? Forse hanno la possibilità di interrompere il flusso di petrolio, almeno temporaneamente, ma tutto ciò metterebbe l’Iran in rotta diretta di collisione con la  marina degli Stati Uniti. Gli iraniani stanno cercando di mandare un messaggio con la loro forza militare, mostrando i muscoli attraverso  operazioni di esercitazione militare; ma se l’Iran ha acquisito nuove armi nel corso degli anni, hanno di fronte, dall’altra parte, la Quinta Flotta  della marina americana;  una delle più attrezzate e tecnologicamente avanzate  della intera flotta navale statunitense.
La retorica dell’Iran mira principalmente  non a un confronto diretto con l’Occidente, ma a guadagnare  tempo e  sollecitare un intervento delle nazioni amiche dell’Iran, come la Cina e la Russia; soprattutto la Cina che è un cliente del petrolio iraniano. L’Iran ha inoltre invocato l’Europa come partner interattivo  e di scambi commerciali; purtroppo, però, quando Mahmoud Ahmadinejad qualche anno fa  si appellò all’Europa proponendo che  l’euro diventasse la moneta principale di scambio nel mondo, in sostituzione del dollaro, nel tentativo di isolare gli Stati Uniti, ma con il totale controllo da parte di questi  dell’Europa, l’Iran fece uno sbaglio tattico mortale suggellando il proprio destino . Forse l’Iran conta sulla volontà di Cina e Russia di porre il veto a qualsiasi risoluzione delle Nazioni Unite . Ma, se l’Iran provoca un intervento militare dell’Occidente, tutto fa pensare che nessuno verrà in suo  aiuto militare. I segnali sono scritti in lettere chiare. Solo una settimana fa, in un articolo pubblicato da Russia Today, un alto ufficiale russo della marina ha affermato che “Le risorse da combattimento della  Marina iraniana non sono comparabili con le potenzialità di fuoco del gruppo di portaerei degli Stati Uniti entrato nello Stretto di Hormuz e quindi non sono in grado di opporsi “. Il Vice Comandante della Marina Russa Ammiraglio Kapitanets ha anche  detto che per  le forze della Marina degli Stati Uniti sarà un gioco distruggere impianti e forze costiere iraniane. Lasciatemi interpretare per voi quello che questa dichiarazione vuol dire nel linguaggio diplomatico; si tratta di un messaggio della Russia all’Iran che  in realtà voleva dire: Caro Iran, non tentare di provocare uno scontro militare diretto contro gli Stati Uniti. Non sei in grado di affrontare un conflitto su larga scala contro l’Occidente. Noi russi vi aiuteremo diplomaticamente se possibile (anche se abbiamo I nostri cazzi di cui preoccuparci); ma se scegliete il conflitto militare allora siete in sostanza da soli.
Il giorno del giudizio per l’Iran si sta avvicinando velocemente. L’Iran è sempre più un paese isolato, con pochi amici su cui contare. Le mosse alle quali potrebbe essere costretto l’Iran, nel tentativo di arrestare la corsa in condizioni sfavorevoli al confronto militare, porterebbero a  cambiare il tono della propria retorica e cercare un forte approccio diplomatico.. L’Iran ha sottolineato l’intenzione di incontrarsi con i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, oltre alla Germania. Un incontro in Turchia nel gennaio dello scorso anno tra Iran, Stati Uniti, Germania, Regno Unito, Russia, Cina e Francia non ha prodotto alcun risultato positivo riguardo al programma nucleare iraniano. Un altro fallimento nel negoziato con l’Occidente significherà il disastro per gli iraniani. Il tempo stringe per l’Iran. La primavera potrebbe essere la migliore finestra per un attacco ai siti nucleari iraniani. L’Iran non può neanche lontanamente permettersi di  provocare una possibile reazione militare occidentale. Per il momento, le parole rimangono solo parole; ma tutto quello che serve per avviare un vero e proprio scontro militare è soltanto un “incidente casuale”. Confido nell’intelligenza dell’Iran  nel comprendere che provocare il serpente Obama nell’ anno delle elezioni presidenziali americane equivarrà ad una sentenza di morte.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Golden Day

    Golden

    Back from Cote d'Azur. Amazing vacation, but... We had a terrible car accidnet in Antibes 3 nights ago. Another car hit our car on the whole left side at 120... Leggere il seguito

    Da  Followpix
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Rainy day

    Rainy

    shorts, bag, basic t-shirt: HM; necklace: Tiffany; bracelets: Mango, shoes: Zara.Finalmente in vacanza ma il sole sembra non volermi far andare al mare! E come... Leggere il seguito

    Da  Simpleflair
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Day SPA

    Io credo che questo sia uno dei modi più apprezzato per trascorre un piacevole addio al nubilato, tanto dalle spose, quanto dalle amiche. Leggere il seguito

    Da  Ivili
    DIARIO PERSONALE, FOTOGRAFIA, LIFESTYLE, PER LEI, TALENTI
  • Bazaar's day

    Bazaar's

    Finalmente una bella giornata di sole ad Istanbul! Pronta per il Gran Bazaar All'intero del grand bazaar si può trovare davvero di tutto, dai classici... Leggere il seguito

    Da  Lenselse
    FOTOGRAFIA, LIFESTYLE, VIAGGI
  • Day By Day Rome One

    Day By Day Rome One, un set su Flickr. Leggere il seguito

    Da  Jenaman
    CULTURA, MUSICA, RAP / HIP-HOP
  • Kingdoms of Amalur Reckoning avrà una mappa di gioco molto grande

    Kingdoms Amalur Reckoning avrà mappa gioco molto grande

    Il gioco di ruolo, che vede tra i suoi realizzatori il lead designer di Oblivion, avrà una mappa da percorrere molto molto grande, guarda caso molto simile in... Leggere il seguito

    Da  Notizieplaystation
    TECNOLOGIA
  • One Day ...

    Tratto dal best seller di David Nicholls vede come protagonisti la bellissima Anne Hathaway e Jim Sturgees pronti a commuoverci e farci sognare. Leggere il seguito

    Da  Kamila
    LIFESTYLE