Magazine Media e Comunicazione

Iris: la censura al centro di "Storie Di Cinema"

Creato il 25 giugno 2013 da Nicoladki @NicolaRaiano
Censura e cinema sono al centro dell’ultimo appuntamento stagionale con “Storie di Cinema”, in onda su Iris, stasera, in seconda serata.
L’analisi di “Storie di Cinema” si snoda attraverso il percorso compiuto dalla mostra a cura del Ministero dei Beni culturali “Si disapprova”, dove sono stati raccolti pannelli, locandine e bozzetti censurati dai funzionari dell'Istituto della Revisione Cinematografica sin dal 1913.
Nel mirino di Tatti Sanguineti, una carrellata di manifesti cinematografici ‘purgati’ perché si riteneva offendessero la religione, fossero politicamente troppo spinti, oltraggiassero la morale.Tra i titoli presi in esame, un elenco di capolavori e opere meno note, tutte marchiate con la dicitura “si disapprova”, corretti ponendo ‘pecette’ o cambiandone i disegni: da “Ultimo tango a Parigi” a “Querelle de Brest”, da “Il Moralista” ai “I Vitelloni”, da “Le bambole” a “La bestia”, da “Africa Nera” a “Rocco e i suoi fratelli”, da “Tè per due” ad “Accidenti alle tasse”, da “La battaglia di Algeri” a “La grande abbuffata”, sino a “Era lui, sì sì” e “L’inafferrabile 12”.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :