Magazine Cinema

Iron Man III - la recensione

Creato il 30 aprile 2013 da Thetalkingmule @TheTalkingMule
Iron Man III - la recensione
Appena arrivato in sala Iron Man 3 ha subito sbaragliato la concorrenza sia in termini di incassi totali che di media per sala. Il film è stato preceduto da un battage incentrato soprattutto sul personaggio di Tony Stark, che viene stavolta mostrato in una situazione psicologica del tutto inedita: il dubbio e la sconfitta.
La trama infatti racconta del tentativo di un superterrorista chiamato "Il Mandarino" (in effetti un cattivo molto fumettistico, anche se i richiami al modus operandi ed anche all'estetica del terrore di Bin Laden sono evidenti) di conquistare il dominio del mondo uccidendo - in diretta TV -  il Presidente USA e piazzando un suo uomo alla Casa Bianca. Tony Stark, che ha osato sfidare il malvivente, viene ridotto all'impotenza tramite un attacco estremamente distruttivo alla sua villa-officina high tech e dovrà dare fondo a tutte le sue risorse e ricorrere a ogni aiuto possibile per far trionfare il bene (e non ditemi che spoilero perché il lieto fine è scontato già da prima di entrare in sala).
Iron Man III - la recensione
Gli attori sono quelli armai abituali della saga: Robert Downey Jr. è il solito Tony Stark spaccone e geniale, qui con una vena di crisi da stress post traumatico dovuta alla battaglia contro i Chitauri vista nel recente The Avengers. Gwyneth Paltrow è Pepper Potts, la fidanzata/segretaria di Stark: il suo ruolo conquista, insieme a un rinnovato e più profondo rapporto con Tony, la rilevanza che merita ai fini della trama. Guy Pearce aggiunge un cattivo alla sua già nutrita collezione, qui interpreta il geniale ma perverso scienziato Aldrich Killian, bieco sfruttatore del tecnovirus Extremis, capace di potenziare enormemente le capacità fisiche di coloro ai quali viene inoculato. Ben Kingsley interpreta il Mandarino, uno dei villain più sorprendenti e meglio riusciti di tutti i film Marvel, e non dico di più. Come sempre al fianco di Tony Stark troviamo Don Cheadle nei panni del  colonnello Rhodes, il pilota di Iron Patriot (una armatura di Iron Man in versione esercito USA) e Jon Favreau in quelli di Happy Hogan, la sospettosa guardia del corpo di Tony.
Iron Man III - la recensione
Jon Favreau in questo capitolo cede la sedia del regista a Shane Black, conservando per sè il ruolo di produttore. Le promesse della vigilia erano quelle di non fare un ennesimo film di combattimenti volanti fra Iron Man e alter ego cattivi più o meno riusciti, ed anche quelle di approfondire psicologicamente il personaggio di Tony Stark. In questo senso la missione può dirsi pienamente compiuta: il film resta un fumetto pieno di azione, colpi di scena e, a tratti, umorismo.  L'idea di mostrare un Tony Stark con il problema della scoperta di avere dei limiti è ottima, così come la caratterizzazione dei cattivi, tutt'altro che scontata.  Sorprendente anche al canzone che apre il film, siamo ad una festa nel 1999 e la musica è quella, indimenticata dai "rimastoni" come me, di Blue (da ba dee) degli Eiffel 65. Un piccolo contributo della mia città ad un grande blockbuster; non metterò la bandiera sul balcone per questo, ma un briciolo di campanilismo non guasta mai.
Iron Man III - la recensione
In un periodo in cui stanno uscendo a raffica film in cui i cattivi tentano di conquistare la Casa Bianca, anche Iron Man ci mette del suo con il rapimento del Presidente. Non mi è chiaro cosa  - in questo momento storico - esattamente generi questo sentimento di minaccia verso gli USA, purtroppo i recenti tragici avvenimenti di Boston dimostrano che non è un sentire del tutto infondato. Come ho già rilevato in Hitchcock, anche qui ci viene mostrata una coppia che oltre a volersi bene  funziona al meglio quando fa squadra, al punto da...salvare il mondo. Forse è una cosa che noto io per via della mia situazione personale (come spiego qui) o forse nei momenti di incertezza e crisi è naturale rivolgersi verso quello che ci dà sicurezza, come la nostra metà. L'amore è una forza potente, sempre sottovalutata dai cattivi, ma che può davvero fare la differenza per il finale. Come scriveva Burt Bacharach: It's Love That Really Counts (In The Long Run).
Iron Man III - la recensione
2013 - Iron Man 3
Regia: Shane Black
Fotografia: John Toll
Costumi: Louise Frogley
Scenografia: Bill Brzeski



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Iron Man 3 – Protocollo festa dei saluti

    Iron Protocollo festa saluti

    USCITA CINEMA: 24/04/2013GENERE: Azione, AvventuraREGIA: Shane BlackSCENEGGIATURA: Shane Black, Drew PearceATTORI: Robert Downey Jr. Leggere il seguito

    Da  Poison78
    CINEMA, CULTURA
  • Iron man 3

    Iron

    Anno: 2013Nazionalità: USADurata: 130’Genere: FantasticoRegia: Shane BlackDistribuzione: The Walt Disney Company ItaliaUscita: 24 Aprile 2013 Non c’è due senza... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Iron Man 3

    Iron

    Anno: 2013Nazionalità: USADurata: 130’Genere: FantasticoRegia: Shane BlackDistribuzione: The Walt Disney Company ItaliaUscita:24 Aprile 2013Non c’è due senza... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Iron Man 3

    Iron

    Parliamo oggi dell’ultima, strabiliante, pellicola ambientata nell’universo Marvel: Iron Man 3. Attenzione non posso parlarne senza fare almeno qualche... Leggere il seguito

    Da  Angelo
    CINEMA, CULTURA
  • Iron Man 3

    Iron

    Dopo gli eventi di New York è tutto cambiato…Iron Man 3 si basa su una premessa: dopo gli eventi raccontati in The Avengers, Tony Stark è cambiato. Leggere il seguito

    Da  Drkino
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: Iron Man 3

    Recensione: Iron

    Un anno dopo il colossale BOOM! generato da The Avengers l'Universo Cinematografico Marvel è pronto per raccogliere i cocci e iniziare la cosiddetta "Fase 2"... Leggere il seguito

    Da  Giobblin
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Iron man 3d

    Iron

    Iron Man 3 di Shane Black con Robert Downey Jr, Gwyneth Paltrow, Don Cheadle Usa, 2013 genere: azione, avventura durata. 130' Dopo la saga degli X-Men, ormai... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA