Magazine Società

Istat, giovani e lavoro, Italia in coda all'Ue

Creato il 19 gennaio 2011 da Daven @Daven93
In Italia un giovane su cinque non studia, né lavora: i ragazzi "non più inseriti in un percorso scolastico-formativo, ma neppure impegnati in un'attività lavorativa, sono poco più di due milioni, il 21,2% tra i 15-29enni (anno 2009), la quota più elevata a livello europeo".
L'Italia si colloca agli ultimi posti in Europa per tasso d'occupazione femminile (46,4%): ha un lavoro meno di una donna su due. E' quanto emerge dal rapporto dell'Istat 'Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo', con riferimento a dati del 2009, in cui si sottolinea come nella Penisola quasi una donna su due né cerca né ha un posto. Il tasso di inattività femminile italiano nel 2009 (48,9%) è così il secondo più alto dell'Ue a 27, inferiore solo a quello di Malta.
45% DISOCCUPATI E' IN CERCA DI LAVORO DA OLTRE UN ANNO - "Circa il 45% dei disoccupati è in cerca di lavoro da oltre un anno". L'Italia così registra una tra le quote di disoccupazione di lunga durata (44,4%) più alte nell'Unione europea a 27, con riferimento a dati del 2009.

A SUD IRREGOLARE 1 LAVORATORE SU 5, SONO 12% IN ITALIA
- "La quota di unità di lavoro irregolari è pari all'11,9%. Nel Mezzogiorno può essere considerato irregolare quasi un lavoratore su cinque; nell'agricoltura circa uno su quattro". E' quanto rende noto l'Istat nel rapporto 'Noi Italia. 100 statistiche per capire il paese in cui viviamo'. La quota del sommerso, così, si mantiene "abbastanza rilevante", spiega l'Istituto, "confermando il dato del 2007, in lieve calo rispetto al biennio 2005-2006". La Regione con la quota più alta è la Calabria (26,6%), mentre quella con la percentuale più bassa è l'Emilia Romagna (8,5%).
QUASI 1 FAMIGLIA SU 3 AVVERTE RISCHIO CRIMINALITA'  - "Il 27,1% delle famiglie segnala la presenza di rischio di criminalità nella zona in cui vive". 'Il confronto con i dati relativi al 2009 mostra una diminuzione di oltre due punti percentuali della percezione del rischio di criminalita' su tutto il territorio nazionale", spiega l'Istituto. Ma in alcune Regioni rimane più elevato, in particolare in Campania (40,2%), mentre il dato più basso si registra in Basilicata (5,2%).

OGNI FAMIGLIA SPENDE PER SANITA' OLTRE 1.100 EURO ANNO
- "Le famiglie italiane nel 2008 hanno contribuito con proprie risorse alla spesa sanitaria complessiva per una quota pari al 21,3%, in calo di quasi tre punti percentuali rispetto al 2001. La spesa sanitaria delle famiglie rappresenta l'1,9% del Pil nazionale e ammonta a 1.178 euro l'anno per famiglia". "La spesa sanitaria pubblica ammonta - fa sapere sempre l'Istat - a oltre 110 miliardi di euro (7,3% del Pil) e supera i 1.800 euro annui per abitante (anno 2009)". L'Istituto, inoltre, sottolinea che "la spesa sanitaria pubblica italiana é molto inferiore a quella di altri importanti paesi europei come Francia e Germania".

QUASI META' OVER 24 HA SOLO LICENZA MEDIA 
- "Circa il 46% della popolazione in età compresa tra i 25 e i 64 anni ha conseguito come titolo di studio più elevato soltanto la licenza di scuola media inferiore, valore che - nel contesto europeo - colloca il nostro Paese distante dalla media Ue 27 (27,9% nel 2009)".
Notizie migliori, invece, arrivano dal fronte teenager: "I dati relativi al 2009 sul livello delle competenze, derivati dall'indagine Pisa promossa dall'Ocse, mettono in luce - si legge nel dossier dell'Istat - un recupero rispetto al 2006 dello svantaggio degli studenti 15enni italiani in tutte le 'literacy' considerate, con punteggio nelle rispettive scale di valutazione pari a quello medio Ue in lettura, superiore di 9 punti in matematica e inferiore di 8 punti in scienze".

AUMENTANO ASILI NIDO, MA MEZZOGIORNO ANCORA IN RITARDO 
- "Nel 2008, il 51% dei comuni italiani ha attivato almeno un servizio tra asili nido, micronidi o altri servizi integrativi-innovativi per l'infanzia, il 12,6% in più rispetto al 2004". Ma aggiunge che "molte regioni del Mezzogiorno sono ancora lontane dal garantire la diffusione di questa componente essenziale per consentire la conciliazione degli impegni casa-lavoro e favorire l'accesso delle donne al mercato del lavoro".

SEMPRE PIU'STRANIERI, MA RITMI DI CRESCITA RALLENTANO
- "I cittadini stranieri iscritti nelle anagrafi dei comuni italiani all'inizio del 2010 sono oltre 4,2 milioni, il 7% del totale dei residenti. Rispetto al 2001 sono più che triplicati, mentre sono aumentati dell'8,8% tra il 2009 e il 2010, un ritmo di crescita meno sostenuto rispetto agli anni passati". "L'incremento si riduce - spiega l'Istat - in conseguenza di diversi fattori: la crisi economica, l'attenuarsi dell'effetto congiunto dell'ingresso della Romania e della Bulgaria nell'Unione europea e l'entrata in vigore della nuova normativa sul soggiorno dei cittadini comunitari nei paesi dell'Unione".
Fonte: Ansa

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Forza Italia

    Sempre dal libro di Vespa (che a furia di annunci e ulti'mora, uscirà a Pasqua):Alitalia, l'annuncio dell'ad Sabelli: «Nel 2013 fusione con AirFrance»... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    ECONOMIA, SOCIETÀ
  • Auguri Italia!

    Auguri Italia!

    Quest'anno si festeggiano i 15o anni dell'unità d'Italia con grandi manifestazioni artistico-culturali, convegni, seminari e dibattiti vari che ci riportano all... Leggere il seguito

    Da  Trinat
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il grande balzo... in avanti? (Istat 2010)

    grande balzo... avanti? (Istat 2010)

    Esce oggi l'annuario dell'Istat riferito al 2010. Potete scaricare gratuitamente la versione PDF per la stampa, riassuntiva ma esauriente, proprio a questo... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    SOCIETÀ
  • Forse, Italia

    Stasera ad Annozero, passato e futuro.Ovvero, per arrivare a vedere un futuro, politici e imprenditori propongono a studenti e lavoratori le ricette del... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Ovile Italia

    Ovile Italia

    Ho pagato una contravvenzione. L'ho pagata per la seconda volta, visto che la prima è arrivata nelle casse comunali con 48 ore di ritardo; questo non per... Leggere il seguito

    Da  Alblog
    SOCIETÀ
  • Italia vip e Italia pop

    Italia

    Devo dirlo sinceramente, il made in Italy esclusivo fatto in cina o in polonia, il polo della moda, del lusso italiano rappresentato da vecchi incartapecoriti... Leggere il seguito

    Da  Calcifer
    SOCIETÀ
  • Italia 150

    Italia

    Italia. Una parola, un nome, un'idea. Una Nazione. La nostra Nazione, che ci piaccia o no.Una signora bellissima e longilinea, con mille idee ben confuse ma... Leggere il seguito

    Da  Swelkor
    SOCIETÀ