Magazine Cultura

Italia

Creato il 06 maggio 2011 da Gloutchov

ItaliaIl 17 marzo scorso si è festeggiato il 150mo anniversario della nostra beneamata patria. L'evento, come da tradizione tutta italiana, non poteva che provocare polemiche di ogni tipo. Da chi si è negato ai festeggiamenti, a chi ha fatto discorsi vibranti con il cuore in mano.
Leghisti al bar, bandiere appese alle finestre, negozi aperti, operai a casa, niente ponte con il venerdì 18, compromessi con confindustria, immagino che molti di voi si siano stancati di tutti questi blà blà che ci aggrediscono ogni volta che si tenta di fare qualcosa di solenne. C'è persino chi, simpaticamente, ha preferito festeggiare San Patrizio, festa irlandese che mi sta parecchio simpatica.
Ma siamo comunque tutti quanti italiani per cui, una volta placate le acque, eccomi nuovamente ad agitarle chiedendovi di scrivere un racconto dedicato al nostro bel paese. Lasciatevi ispirare dalla passione. Non è importante che siate persone dalla camicia verde, o rossa, o nera... o dei semplici colletti bianchi. Scrivete ciò che viene dal vostro cuore, un bel racconto che vi rappresenti, come italiani, e che mostri ciò che voi vedete dell'Italia.
Buona scrittura.
Le Regole:

  • Non si vince niente e neppure pretendo di doverli leggere tutti io.
  • L'iniziativa è rivolta a voi e, se volete aderire, è sufficiente che scriviate il racconto, lo pubblichiate sul vostro blog (o sito, o forum... dove volete!), e scriviate il link nei commenti di questo post (solo il link... non tutto il racconto, per favore!).
  • Chi vorrà leggere il vostro intervento potrà farlo semplicemente con un click. Ciò consentirà ai lettori curiosi, agli scrittori emergenti curiosi, a tutti quanti che son curiosi... di andare a leggere, commentare, lasciare un giudizio e ammirare la vostra bravura.
  • Non ci sono limiti di tempo. Questa è una occasione per scrivere qualcosa di diverso. Io proporrò temi differenti saltuariamente ma a nessuno sarà negato di poter linkare un racconto dedicato ad un vecchio tema e, ovviamente, a nessuno sarà negata la possibilità di leggere i vecchi racconti.

 


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine