Magazine Politica

Italia in polvere come il latte

Creato il 18 luglio 2015 da Albertocapece

latte-in-polvere-765x510Proprio nell’anno dell’Expo e a riprova della sua inutilità se non per gli speculatori del cemento, arriva la grana del latte in polvere, condensato, rigenerato che in Italia non può essere utilizzato per la produzione di formaggi e latticini. L’Europa, aizzata dalla Lega, dai produttori di latte che ci hanno fatto pagare le loro multe e dalle industrie alimentari ( un trio che è una radiografia impressionante) ci vuole comminare una multa per aver mantenuto questo più che ovvio divieto in nome della concorrenza e delle schifezze francesi e tedesche che vengono smerciate nel Bel Paese e fatte appunto con latte a basso costo che proviene dai Paesi dell’est o con quello di qualità peggiore delle stalle locali.

Ora a me interessa poco il dibattito messo subito in piedi dalle lobby, che vede contrapposti coldiretti e grandi industrie alimentari: le argomentazioni con cui viene appoggiato il diktat europeo sono roba per gente di bocca buona, capaci di bersi ogni cosa. Il fatto che si possano liberamente importare yogurt e formaggi fatti con il latte rigenerato (ma la cosa non compare in etichetta) , non significa nulla perché appunto il consumatore proprio per questo potrebbe essere indirizzato su prodotti più genuini. Che poi le produzioni Dop rimarrebbero intatte è una di quelle affermazioni dove la verità serve solo a nascondere una menzogna grande come una casa: perché basta semplicemente produrre  qualcosa di simile, chiamarlo non grana padano, ma Padan Padan e il gioco è fatto. Cari lobbisti, non prendeteci per scemi: dopo un po’ i prodotti buoni andrebbero alle stelle e la massima parte delle persone non avrebbe altra scelta che il prodotto di serie c.

La cosa interessante di tutto questo è la logica che viene imposta e la miserabile cecità strategica dei nostri padroncini e della classe dirigente nel suo complesso. L’Europa in pratica sostiene che siccome in altri Paesi, grazie a Bruxelles, si produce merda (non saprei come definire altrimenti l’uso di un prodotto in sé potenzialmente ottimo, ma usato in maniera totalmente impropria)  sarebbe una violazione della parità di comportamenti non farlo anche in Italia. E così anche se la norma italiana non è formalmente una infrazione, bisogna comunque far sparire il divieto di fare prodotti caseari con il latte in polvere delle steppe sarmatiche (quello che costa meno) perché sarebbe uno sfregio alla libera concorrenza. Verso il peggio, ovviamente, ma questo non facciamolo sapere in giro che se no la madonnina delle castronerie economicistiche piange.

La seconda cosa che colpisce è che per arraffare qualche profitto immediato l’industria alimentare, sottoposta al regime di una moneta aliena, dimentica l’eldorado che avrebbe di fronte se fosse l’unica in Europa a produrre con un minimo di qualità di base, cioè con latte fresco e un minimo di riguardo al territorio e alle sue peculiarità. Insomma qualcosa che non abbia un sapore (parole grosse) standardizzato. Ci si lamenta, spesso a sproposito, delle contraffazioni, ma l’unico obiettivo visibile è di fare anche peggio dei contraffattori: manca la visione strategica e la capacità di produrre qualità che al contrario è sentita come una palla al piede e non come un’opportunità. Per questo il grande affare è imitare i contraffattori.

Ma del resto in un Paese contraffatto, con un Expo contraffatto è il minimo sindacale.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines