Magazine Politica

Italia sbalzata al “palio di Siena”

Creato il 30 dicembre 2013 da Albertocapece

0416_montepaschi_630x420Pagheremo caro, pagheremo tutto, si potrebbe dire parafrasando un vecchio slogan studentesco. E da come si sta mettendo pare che i 4 miliardi prestati da Monti ai Paschi di Siena per superare la crisi dovuta alla folle politica di acquisizioni e investimenti di Mussari (nome che la grande stampa evita singolarmente di citare), finirà per essere pagato dai cittadini. La restituzione del malloppo e dei suoi interessi, oltre che la tenuta stessa dell’Istituto entro i criteri europei, può essere garantita solo da un aumento del capitale di pari importo, quello proposto dal presidente del Cda Profumo e perigliosamente rinviato l’altro giorno per volontà dalla omonima Fondazione bancaria che detiene il 33,5% delle azioni.

Il senso di questa vicenda, assai più intricata di quanto non appaia in chiaro, è uno spaccato della classe dirigente di questo Paese, degli intrecci tra politica e affari, della palude in cui ci troviamo. Ora bisogna sapere che la Fondazione Monte Paschi, è di fatto un grande elemosiniere della politica locale e nazionale e forse proprio per questo non ha un soldo in cassa: quindi non è in grado di affrontare alcun aumento di capitale. Se questo fosse stato deliberato per gennaio come prospettato da Profumo, oggi di fatto dimissionario, la sua quota azionaria sarebbe scesa vertiginosamente con la perdita del controllo della banca, specie se poi fossero comparsi azionisti stranieri, come erano quelli (Ubs in testa) trovati dal consiglio di amministrazione. Verrebbe così compromesso il suo ruolo di cinghia di trasmissione fra Siena, la politica nazionale, in particolare piddina, ma non solo perché partecipa attivamente anche il Pdl e i suoi apparati o personaggi di spicco fuori e dietro le quinte.

Vade retro dunque. Meglio un rinvio per vedere se sia possibile un qualche grottesco marchingegno, vale a dire restituire i soldi dei cittadini chiedendo un prestito di 4 miliardi alla Cassa depositi e prestiti, cioè sempre con i soldi dei cittadini. Oppure con l’aiuto di altre fondazioni bancarie che comunque fanno tutte lo stesso mestiere, anche se naturalmente tutto si spalmerà su un credito ormai al lumicino. Un vero pasticcio che comunque o potrebbe portare a una nazionalizzazione di fatto (se la banca non potrà ripagare i Monti bond, dovrà cedere azioni al ministero dell’economia che così diventerebbe proprietario di una quota variabile dal 16 al 28 per cento del Monte Paschi) quindi con l’accollamento dei debiti alla comunità oppure essere acquistata per quattro soldi da un forte istituto di credito europeo, vista la quasi certa caduta delle azioni. Nel primo caso il controllo politico rientrerebbe alla fine secondo un itinerario diverso e forse proprio questa possibilità ha suggerito il bluff della Fondazione.

Ma chi dirige la Fondazione che ha deciso di affrontare questi rischi e di farli affrontare al Paese pur di non perdere la primogenitura? Un vecchio volpone della politica? No, Antonella Mansi, ennesima figlia di papà proiettata nella stratosfera della classe dirigente come jolly utile a “segnare il territorio”: oggi è vicepresidente di Confindustria nazionale (con delega all’organizzazione) dopo essere stata, giovanissima, presidente di confindustria Toscana. E’ anche presidente di Sipi e Aedificatio due aziende partecipate al 100% dall’organizzazione degli industriali. Questo dopo aver annunciato al momento della suo insediamento che avrebbe dato le dimissioni dalle cariche confindustriali . Insomma è evidente che proprio quelli che straparlano di meriti, che svergognatamente si infarinano nella retorica della stessa barca, che recitano il paternoster al dio mercato, che incitano allo smantellamento del welfare, che predicano il meno Stato possibile, hanno le mani in pasta nel tentativo di conservare assetti opachi tra politica, industria e finanza, che niente hanno a che vedere con la religione ufficiale e il suo catechismo. E nei quali alla fine è proprio lo Stato, vale a dire i cittadini, che paga il conto per tutti: solo che in questo caso i grandi delocalizzatori e globalizzatori invocano l’italianità. Ma che andassero a montepascolare.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Destinazione Italia

    Destinazione Italia

    Il Piano Destinazione Italia punta a favorire la competitività delle aziende italiane attirando investimenti dall’interno e dall’estero. Molte delle 50 misure... Leggere il seguito

    Da  Ediltecnicoit
    ECONOMIA, SOCIETÀ
  • Sforzati Italia

    Giancarlo Galan ha il merito di dire sempre le stesse cose. Coerenza. Dice proprio cose di Forza Italia, e cioè come Forza Italia avrebbe dovuto essere, agire,... Leggere il seguito

    Da  Marcopress
    ITALIA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • Provincia Italia

    L'annuncio di dimissioni di massa del PdL e le esternazioni omofobe di Barilla si sono quasi sovrapposte nel dibattito degli ultimi giorni. Queste due vicende... Leggere il seguito

    Da  Ilpescatorediperle
    SOCIETÀ
  • Caos italia

    Caos italia

    di Paolo Cardenà - I ministri del Pdl si sono dimessi. Quindi, l'esperienza del governo Letta sembra ormai prossima all'archiviazione. O almeno sembra. Cosa... Leggere il seguito

    Da  Vincitorievinti
    ECONOMIA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Povera Italia!

    Povera Italia!

    Photo credit: SignorDeFazio / Foter / CC BY-ND Ricevuto e pubblicato. Povera Italia! Mi rendo conto di non essere il primo a pensarlo e probabilmente, spero,... Leggere il seguito

    Da  Retrò Online Magazine
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • “Cara Italia…”

    ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA! Settimana di segnalazioni, quella che inauguriamo... Leggere il seguito

    Da  Fugadeitalenti
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • Caos italia

    Caos italia

    Lasciamo pure perdere i dati macroeconomici che sono drammatici e continueranno ad esserlo ancora a lungo, condannando l'Italia senza appello e senza possibilit... Leggere il seguito

    Da  Vincitorievinti
    OPINIONI, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines