Magazine Tecnologia

Italia, Trashware Alla Ribalta

Creato il 11 novembre 2010 da Promptpc
Italia, Trashware Alla RibaltaIl recupero dei computer dismessi è un vecchio pallino, persino necessità, di hacker e smanettoni che da sempre rinnovano, creano ed elaborano materiali informatici utilizzando anche vecchi componenti e parti funzionanti di sistemi ormai obsoleti. In tanti esercitano a vari livelli questa attività legata al trashware. Per capirne qualcosa di più, Punto Informatico ha intervistato Manuele Rampazzo, socio della Italian Linux Society, presidente dell'Associazione di promozione sociale Faber Libertatis e da pochissimo anche gestore del sito trashware.linux.it.
Punto Informatico: E' possibile determinare quanti in Italia si occupano di recuperare hardware dismesso per, diciamo, "rimetterlo in circolazione"?
Manuele Rampazzo: Il calcolo non è facile, perché solo pochi sono i gruppi noti, su tutti il GOLEM di Empoli che ha fatto da "apripista" a tutti gli altri.
Tanti altri gruppi - od anche singoli - fanno invece trashware nell'ombra, noti solo ad un ristretto circolo di persone: proprio di recente mi è capitato di scoprire che alcuni miei amici fanno trashware, ma a parte loro stessi nessuno lo sapeva!
L'idea recentissima di creare una lista di discussione ed un sito-vetrina per i gruppi e le associazioni che fanno trashware, l'ho avuta proprio in seguito a quest'ultimo incontro fortuito, perché ritengo sia sprecato lavorare gli uni all'insaputa degli altri, quando invece c'è tanto da condividere.
Ovviamente, qui sto parlando di chi fa trashware con intenti solidaristici: accanto a loro andrebbero conteggiati un gran numero di appassionati del "semplice" retrocomputing, con il quale spesso capitano sovrapposizioni.PI: Se un computer viene, diciamo, "rimesso a nuovo" che fine fa? Va ad amici-parenti-conoscenti o vi sono iniziative per coinvolgere scuole, comunità, famiglie eccetera?
MR: Dipende ovviamente dal gruppo, ma penso che le donazioni siano a 360 gradi. Le iniziative di cui sono direttamente a conoscenza han coinvolto, in genere, parrocchie, associazioni od altri enti non profit, a volte arrivando a collaborazioni internazionali.
PI: La direttiva europea sullo smaltimento dei dispositivi elettronici è un invito ai produttori di fare di più per consentire riciclaggio, riutilizzo e, appunto, smaltimento intelligente. Come si colloca il trashware in questo quadro? Può dare una mano?
MR: Onestamente, non saprei: penso però che se, in qualche modo, il trashware potesse essere coinvolto in questo quadro gli effetti positivi, se ve ne saranno davvero, si sentiranno nel medio periodo.
PI: Ci sono produttori che sostengono chi si occupa di trashware? Se sì, in che modo?
MR: Non mi risulta, almeno stando alle iniziative a me note, che vi siano stati particolari contributi da parte dei produttori di materiale informatico alle iniziative di trashware, ma spero che vi sia un maggior contributo futuro.
PI: Chi dismette un computer perché non ne ha più bisogno a chi dovrebbe rivolgersi per cederlo affinché sia riutilizzato?
MR: Se il computer, in tutto o in parte, è ancora funzionante ed è di classe pentium o superiore può rivolgersi alla più vicina iniziativa: un elenco (attenzione! è ancora incompleto!) dei gruppi è visibile su http://trashware.linux.it/gruppi.html.
In alternativa, se il computer è troppo vetusto da poter essere riutilizzabile con profitto, oppure i suoi componenti non sono più funzionanti, il nostro consiglio è di avviarlo agli opportuni centri per lo smaltimento dei rifiuti speciali. Per gli indirizzi si deve contattare la locale azienda di smaltimento rifiuti.
PI: In un mercato dominato dall'aumento delle prestazioni e delle dimensioni di applicativi (parlo dei più diffusi) e dei file, che spazio c'è per i computer recuperati in questo modo?
MR: L'utilizzo del Software Libero in una gran quantità di progetti di trashware (e di tutti quelli che verranno elencati su trashware.linux.it) aiuta sicuramente ad allungare la vita ai PC recuperati, grazie alla sua flessibilità ed adattabilità.
Vi sono dei progetti interessanti per realizzare distribuzioni, ad esempio RULE, aggiornate, ma leggere e fruibili pertanto anche nei vecchi computer spesso a disposizione.
Un'alternativa è quella di ricorrere a terminali grafici di limitata capacità che fanno capo per l'elaborazione (e quindi anche l'avvio dei programmi, compresi quelli molto pesanti) ad un server centrale di buona potenza, sfruttando in questo modo la flessibilità del server grafico X in un ambiente di rete. Quest'ultima soluzione dà veramente ottimi risultati e permette di utilizzare con soddisfazione computer molto scarsi, ma non è purtroppo sempre applicabile.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Gianluca di Venanzo direttore generale alla guida di Despar Italia

    Gianluca Venanzo direttore generale alla guida Despar Italia

    di Antonio Bruno----------------------------------------------Di Venanzo un uomo di 47anni che dal novembre 2007 è responsabile della divisione per lo sviluppo... Leggere il seguito

    Da  Antoniobruno5
    SALUTE E BENESSERE
  • Italia smemorata!

    Italia smemorata!

    di Paolo Ferrero Dieci tesi contro il revisionismo storico e il novello maccartismo italico * L’inizio dei festeggiamenti sui 150 anni dell’unità d’Italia,... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Forza Italia

    Forza Italia

    Non ho mai gridato: "Forza Italia!"Ecco, di questo un'intera generazione (anzi, pure più di una) è stata privata. Della libertà di esternare i propri... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CALCIO, SOCIETÀ, SPORT
  • Forza Italia

    E venne l’ora di lasciar da parte le parole e iniziare a giocare. Che prima di un mondiale la nostra nazionale non abbia mai goduto dei favori della critica... Leggere il seguito

    Da  Babilonia
    CALCIO, SPORT
  • Canottaggio – Italia in gara alla Henley Royal Regatta

    Tre equipaggi della Nazionale italiana partecipano alla Henley Royal Regatta di Londra: il due senza di Lorenzo Carboncini (Fiamme Oro) e Niccolò Mornati... Leggere il seguito

    Da  Sport24h
    SPORT
  • Titanic Italia

    Sono contento che l'Italia abbia perso e sia uscita dai Mondiali. Lasciate perdere il folklore della Padania e non datemi del leghista perché non lo sono. Leggere il seguito

    Da  Bourbaki
    ATTUALITÀ, POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Alejandro alla numero #2 in Italia

    Alejandro alla numero Italia

    Nuovo incredibile successo per Lady GaGa in Italia che con il suo terzo singolo Alejandro è pronta a candidarsi come tormentone estivo del 2010. Leggere il seguito

    Da  Gagatribe
    POP / ROCK

Magazine