Magazine Cinema

Jack nicholson day - voglia di tenerezza

Creato il 22 aprile 2013 da Beatrixkiddo
JACK NICHOLSON DAY - VOGLIA DI TENEREZZA
E' primavera, finalmente. Il sole è alto, i prati son in fiore ed oggi, 22 aprile, è il compleanno di un grandissimo attore. Un vero e proprio mito, che ha attraversato gli anni incurante della panza che cresceva e dei capelli che cascavano (capito pivelli?), forte di un carisma e di un fascino a dir poco inossidabile...perchè signore e signori, ma soprattutto signore (vista la passione del nostro per le belle donne)...lui è Jack Nicholson! L'uomo che ci ha regalato una serie impressionante di intepretazioni indimenticabili.
Tra i (tanti) suoi film che amo , sono legata con particolare affetto a "Voglia di tenerezza". Perchè? Perchè è stato uno dei film che ha segnato il mio passaggio al cinema "dei grandi", cavoli finalmente non potevo vedere solo i cartoni animati! la trama è notissima: il rapporto tra Aurora ed Emma, madre e figlia burrascoso, pieno di contrasti, l'amore tardivo ed inaspettato di Aurora per Garrett, la malattia di Emma.
La perfetta macchina da Oscar? Esattamente, ed infatti ne ha portati a casa 5, di cui uno proprio al nostro Jack. Nicholson e' Garret, ex astronauta farfallone amante della bella vita e delle donne, ovviamente piu' giovani. Garret che si innamorerà di Aurora, così diversa da tutte le donne avute fino ad ora, e si dimostrerà presto migliore di quello che è all'apparenza.
JACK NICHOLSON DAY - VOGLIA DI TENEREZZA"Voglia di tenerezza" se lo si guarda oggi con un'ottica razionale può apparire un pochettino datato ed a molti farà l'effetto di un drammone scontato e strappalacrime.
JACK NICHOLSON DAY - VOGLIA DI TENEREZZAPersonalmente trovo invece, dopo averlo rivisto per puro caso qualche settimana fa, abbia ancora un suo fascino.
E' un film scritto bene, commovente senza essere mai patetico, diretto discretamente, Brooks ci sa fare e si vede, ma soprattutto interpretato con una classe mostruosa.
E qui arriviamo a noi, anzi, all'oggetto della nostra celebrazione.
Che qui pare quasi un pochino più defilato, come volesse appositamente starsene in secondo piano rispetto allo stratosferico duetto MacLaine-Winger, eppure lascia per questo il segno. Il suo Garrett è un uomo tremendamente comune, malinconico, che ha paura di invecchiare e lui ce lo mostra in maniera perfetta, senza virtuosismi od eccessi. Per me una bellissima e toccante interpretazione proprio perchè quasi in tono minore rispetto a tante sue altre che han fatto epoca (penso a "shining" o "al postino suona sempre due volte") eppure perfetta per l'inizio di seconda parte della vita artistica, all'epoca Jack aveva 47 anni, che si sarebbe rivelata altrettanto piena di interpretazioni incisive ed indimenticabili.
Happy birthday Jack! E grazie di tutto!!
Partecipano con me a questi grandi festeggiamenti:
Affari Nostri
Aloha Los Pescadores
Combinazione Casuale
Direzione Errata
Ho voglia di cinema
Il bollalmanacco di cinema
In central perk
La fabbrica dei sogni
Le maratone di un bradipo cinefilo
Life functions terminated
Montecristo
Movies Maniac
Pensieri Cannibali
TriccoTraccoFobia
The Obsidian Mirror
Viaggiando (meno)
White Russian
Scrivenny

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines