Magazine Cinema

John Carter – Andrew Stanton

Creato il 12 marzo 2013 da Maxscorda @MaxScorda

12 marzo 2013 Lascia un commento

John Carter
Un ricco signore, ex capitano della guerra di secessione, muore e il giovane nipote divenuto erede universale, sara’ l’unico a conoscere la sua storia, storia certamente straordinaria dal momento in cui John Carter, questo il nome del riccone, e’ stato nientemeno che su Marte, pianeta tutt’altro che disabitato anzi combattuto alacremente da due schieramenti umani e un terzo di marziani piu’ propriamente detti, cristoni con quattro braccia, colorito verde e altezza da cestista NBA.
In realta’ la guerra e’ gestita e controllata da una razza di semidei o cosi’ vogliono spacciarsi, con le mani in pasta anche sul nostro pianeta e in innumerevoli altri. Inutile dire che John Carter cambiera’ radicalmente i loro piani e il destino del pianeta rosso.
Parliamo subito del flop, tanto si deve arrivare qui.
Cosa sia andato storto non saprei dirlo o meglio so trovare innumerevoli ragioni che pero’ non giustificano la débâcle planetaria della pellicola.
Potrei sintetizzare che c’e’ di tutto ma non abbastanza. Girato bene, CGI oramai pressoche’ perfetta e bei protagonisti. Manca di verve, quello si, non abbastanza incisivo, accenti sbagliati e in alcuni momenti si percepisce una stanchezza inopportuna su sequenze anche brevi, segno che latita la capacita’ di raccontare.
Trama non complessa ma con un numero eccessivo di nomi e luoghi per il bambino medio e il padre concentrato su Lynn Collins. Costato un botto, doveva farne uno non meno grosso per andare in pari e forse l’errore e’ stato piu’ nel marketing che sul resto. Arrivato senza il clamore che accompagna operazioni analoghe, senza pupazzetti in vendita e making-of in prima serata su qualche tv amica, non ha avuto scampo al botteghino.
Alla fine ognuno ci ha messo un po’ del suo per far andare le cose male, malgrado cio’, per quanto senza entusiasmarmi mi e’ piaciuto e mi sento di consigliarlo. 
E vuoi vedere che faccio un giro anche sul libro?

Scheda IMDB


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Paper Towns - John Green

    Paper Towns John Green

    I ContenutiQuentin Jacobsen è sempre stato innamorato di Margo Roth Spiegelman. Con il passare degli anni il loro legame speciale sembrava essersi spezzato, ma... Leggere il seguito

    Da  La Stamberga Dei Lettori
    CULTURA, LIBRI
  • Recensione: Sette giorni di Andrew Grey

    Recensione: Sette giorni Andrew Grey

    - SETTE GIORNI – - Titolo originale, Seven days - Autore, Andrew Grey - Formato, eBook - Editore, Dreamspinner Press Cos’è che ha reso la tua vita quello che... Leggere il seguito

    Da  Selly82
    CULTURA, FANTASCIENZA, FANTASY, LIBRI
  • Nico - Andrew Davis

    Nico Andrew Davis

    You guys think you're above the law... well you ain't above mine! Tempo fa vi avevo promesso che un giorno saremmo arrivati a parlare anche di Steven Seagal.... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Novità: Young Sherlock Holmes. Fuoco ribelle di Andrew Lane

    Novità: Young Sherlock Holmes. Fuoco ribelle Andrew Lane

    Titolo: Young Sherlock Holmes. Fuoco ribelle Autore: Andrew Lane Edito da: De Agostini Prezzo: 9.90 € Uscita: Novembre 2012 Genere: Giallo Pagine: 352 p.Trama:... Leggere il seguito

    Da  Nasreen
    CULTURA, LIBRI
  • Lawless - John Hillcoat

    Lawless John Hillcoat

    Tre fratelli sono al centro di Lawless, tre fratelli dediti alla fabbricazione e al contrabbando di alcool nell'ignorante provincia americana durante l'epoca de... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Lawless – John Hillcoat, 2012

    Lawless John Hillcoat, 2012

    “Mmmhhh”. Lawless è, in poche parole, un film in cui dei gangster cercano di difendere la loro distilleria, che si ingrandisce sempre più, dagli agguati della... Leggere il seguito

    Da  Paolo_ottomano
    CINEMA, CULTURA
  • Basic - John McTiernan

    Basic John McTiernan

    A me tendenzialmente i lavori di McTiernan piacciono, passando da massimi come Predators, Die Hard 1 e 3, a opere minori ma comunque gradevoli come Last Action... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA