Magazine Cinema

John wick

Creato il 15 dicembre 2014 da Ladri_di_vhs
JOHN WICK
Regia: Chad StahelskiOrigine: USAAnno: 2014Durata: 101' Attori principali: Keanu Reeves, Willem Dafoe, Michael Nyqvist
 “Una volta gli ho visto uccidere tre uomini in un bar... Con una matita.”
Ecco chi è e cosa è John Wick, nient’altro che un ex killer che torna in azione facendo piazza pulita, niente di meno che un buon film il cui script è rimasto nel cassetto per troppo tempo, quasi due anni. Messo così, sembra un banale sparatutto come altri mille ma in realtà c’è molto di più.
JOHN WICK
John Wick pesca selvaggiamente dal cinema di Melville e dai suoi antieroi, coi loro codici d’onore che ne contraddistinguono non solo il comportamento ma anche il linguaggio, il modo di muoversi e di relazionarsi con “gli altri”. Tutte caratteristiche che Derek Kolstad è riuscito a riportare in questo hard boiled ben diretto da Chad Stahelski che a sua volta è riuscito a disseminare in questa pellicola tutta una serie di indizi che chi conosce film come Le Samouraï o Le Cercle Rouge noterà all’istante.
JOHN WICK
I personaggi si muovono all’interno di una società criminale ben organizzata, con i suoi punti di ritrovo, le sue leggi e anche una sorta di moneta interna. Tutto ciò non viene spiegato, viene solo mostrato senza alcuno straccio di giustificazione. John per godere di alcuni servizi speciali pagherà con particolari monete d’oro e farà lo stesso per entrare in certi bar o per prendere da bere e il motivo non ci interesserà minimamente, lo fa perché è quello il mondo in cui vive e va benissimo così. Non abbiamo premesse ma solo fatti.
JOHN WICK
La storia è a dir poco banale, con delle premesse apparentemente al limite dell’idiota. John faceva il killer, era il migliore sulla piazza e si è ritirato per amore della propria donna ma il figlio di un boss russo combina una cazzata che lo obbliga a rivestire i panni di Baba Yaga, Boogeyman, l’Uomo Nero, come lo chiamano tutti quelli che lo conoscono, ovvero tutti a parte questo rampollo russo interpretato da un sempre sfortunatissimo Alfie Allen (i fans di Games Of Thrones sanno il perché dello “sfortunatissimo”). Perché un aspetto su cui bisogna puntare l’attenzione è che TUTTI conoscono John Wick, lui è la leggenda, il migliore. Ciò contribuisce a strappare più di una risata in più di un’occasione facendo morire dalla curiosità di sapere cosa diavolo abbia potuto fare John per godere di un rispetto così smisurato in ogni dove.
JOHN WICK
Il film è girato sapientemente e non poteva essere altrimenti. Se ai più i nomi di Stahelski (il regista) e Leitch (il produttore principale insieme a Eva Longoria) non dicono nulla, basti sapere che il primo si è occupato delle scene di combattimento di The Matrix ed è colui che ha sostituito Brandon Lee in The Crow nelle scene di combattimento e dopo che successe il fattaccio, il secondo ha curato invece le scene di combattimento di Fight Club, Mr. & Mrs Smith e Troy. Quindi parliamo di gente che per la prima volta sta alle redini ma che ha parecchia esperienza. Infatti il risultato è più che notevole.
JOHN WICK
Il cast conta tanti bei nomi. Dal già citato Theon Greyjoy, all’instancabile Willem Dafoe, passando per il protagonista, un adattissimo Keanu Reeves, con tanti comprimari d’alto livello come Michael Nyqvist e Ian McShane. Da notare inoltre la partecipazione di tanti attori e attrici provenienti dal mondo delle serie TV che se la sono cavata bene, vedi Lance Reddick (The Wire, Fringe e altro). La scelta del cast risulta particolarmente azzeccata perché i personaggi in alcuni casi sono stati cuciti addosso agli attori. Inizialmente John Wick doveva essere un sessantenne, quando però Reeves ha dato piena disponibilità il ruolo è stato riscritto per “qualcuno non grande letteralmente ma che avesse un passato importante nel mondo dei film”, dice uno dei produttori. Allo stesso modo Dafoe fa la parte del killer della vecchia guardia, uno di quelli dal solido passato e che non ha mai sbagliato un colpo.
JOHN WICK
In definitiva, se credete che questo sia l’ennesimo filmaccio girato male, scritto peggio e interpretato da cani con frasi a effetto ed esplosioni alle spalle del protagonista, fatevi il favore di ricredervi. John Wick è un film che ammicca ai noir francesi degli anni settanta, girato bene e che riesce a intrattenere molto piacevolmente per un’ora e venti con delle scene di combattimento molto realistiche, il tutto con degli ottimi attori che si riempiono di mazzate. Consigliatissimo.
JOHN WICK
Ingmar Bèrghem

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Tutto può Cambiare - John Carney 2014

    Tutto Cambiare John Carney 2014

    Dan è un ex discografico che ormai vive di ricordi e alcool.Una sera per caso ascolta Greta in un bar e vorrà a tutti icosti fargli registrare un album…Carney... Leggere il seguito

    Da  Tano61
    CINEMA, CULTURA
  • John wick

    John wick

    di Leitch e Stahelskiche con Keanu Reeves, William Dafoegenere, drammatico Usa, 2014 Da sempre il cinema come veicolo di propaganda trova nei prodotti... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • John Wick

    John Wick

    Regia: Chad StahelskiOrigine: USA, Canada, CinaAnno: 2014Durata: 101'La trama (con parole mie): John Wick è un ex sicario, forse il più letale che si possa... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • John Wick (2014)

    John Wick (2014)

    Sì, lo sappiamo ormai tutti che gennaio è il periodo in cui si fanno i compiti pre-Oscar. Ma vorremmo dimenticarci della tamarreide? Giammai! Leggere il seguito

    Da  Babol81
    CINEMA, CULTURA
  • Furore - John Ford (1940)

    Furore John Ford (1940)

    (Grapes of wrath)Visto in Dvx.La depressione e i dust bowl stanno distruggendo l'Oklahoma (come in "Interstellar"), i contadini migrano verso la California,... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA
  • No Regrets, Coyote - John Dufresne

    Regrets, Coyote John Dufresne

    La ragione per leggere un mistery non sta solo nel piacere della soluzione di un enigma ma nella chiave di lettura che di una società assediata dal male il... Leggere il seguito

    Da  La Stamberga Dei Lettori
    CULTURA, LIBRI
  • Recensione: "Io & Marley" di John Grogan

    Recensione: Marley" John Grogan

    Ci sono libri che ti rubano l'anima e li senti così profondamente da colpire il cuore. Senti che le lacrime affiorano, impetuose, e che puoi comprendere... Leggere il seguito

    Da  Marta
    CULTURA, LIBRI

Magazines