Magazine Cinema

John Wick

Creato il 26 gennaio 2015 da Misterjamesford
John WickRegia: Chad Stahelski
Origine:
USA, Canada, Cina
Anno: 2014
Durata: 101'


La trama (con parole mie): John Wick è un ex sicario, forse il più letale che si possa immaginare e sperare di non trovare mai dall'altra parte della propria barricata.
Ma i tempi in cui il terrificante "Baba Yaga" era in servizio attivo sono ormai lontani, e lo stesso John si dedica con tutto l'amore possibile a sua moglie ed alla sua macchina: quando la malattia finisce per portargli via la prima, e la donna prepara il terreno al superamento del dolore facendogli recapitare un cucciolo, un gruppo di piccoli malviventi - tra i quali il figlio di un boss che Wick conosce molto bene - rompono l'equilibrio facendo irruzione nella sua casa e compiendo un atto del quale non immaginano neppure le conseguenze.
Spinto dal desiderio di vendetta, John riprenderà in mano le armi in modo da ricordare a chi l'ha provocato che non si deve, mai e poi mai, svegliare il can che dorme.
Specialmente se si chiama John Wick.
John Wick
In un mondo perfetto, avrei bisogno quantomeno un giorno sì ed uno no di titoli come John Wick.
Il fatto che io sia cresciuto a pane ed action movies e che, dopo anni di radicalchicchismo cinematografico abbia riscoperto e di nuovo nutrito quel lato della mia natura di spettatore è ormai noto a chiunque sia capitato da queste parti, che, dunque, non resterà certo stupito di fronte all'esaltazione espressa senza se e senza ma rispetto a titoli come questo.
Certo, parliamo di opere assolutamente senza pretese, tagliate con l'accetta ed assolutamente implausibili, eppure guidate - come nel caso del lavoro di Chad Stahelski - da una passione ed una dose di pane e salame a dir poco inaudite, di quelle che, nel passato recente, ha saputo regalare soltanto il vecchio Denzellone grazie a titoli come Cani sciolti o The equalizer.
John Wick, fumettone sopra le righe dal primo all'ultimo minuto nonchè prodotto che, fosse uscito nell'ottantasei, non avrebbe sfigurato accanto ai suoi colleghi del tempo, sancisce il ritorno alle atmosfere di Speed per un Keanu Reeves in spolvero totale nonostante i cinquanta già suonati, nonchè la garanzia di divertimento assicurato per chiunque abbia voglia di un'ora e mezza abbondante di sparatorie, botte da orbi, un antieroe solitario e vincente pronto a sbaragliare un'infinità di nemici già dalla prima - beh, facciamo la seconda - inquadratura assolutamente non alla sua altezza ed un pò di sfogo per il cervello alla fine di una giornata - o di una settimana - lavorativa particolarmente stressanti.
Senza dubbio i fighettini in stile Cannibal e tutti i puristi - almeno dichiarati - della settima arte dalla puzza sotto il naso si divertiranno a stroncare e snobbare questo titolo come fosse il peggiore dei mali, ma sinceramente poco mi importa: io adoro divertirmi, e so bene che prodotti di questo genere hanno il potere di regalarmi proprio il tipo di svago selvaggio, disimpegnato ed implausibile, fracassone e ovvio nella sua evoluzione già dal primo minuto, a prescindere dagli escamotage - o presunti tali - di sceneggiatura.
Del resto tutti noi sappiamo che, nonostante l'impegno, nessuno dei criminali di turno riuscirà neppure lontanamente a mettere in crisi il protagonista, ed allo stesso modo finiamo per restare in attesa soltanto del compimento della vendetta che si presagisce fin dall'incontro con il gruppetto di scellerati ed incauti bulli di mezza tacca al distributore di benzina.
Ed il bello è proprio questo.
Film - e charachters - come John Wick sono la gioia dell'action e dei suoi fan, uno spettacolo per gli occhi, l'adrenalina e l'esaltazione da neuroni staccati che a volte sono necessarie come l'aria per poter dare respiro ad una vita fin troppo reale ed incasinata: forse cose come l'hotel esclusivo per sicari all'interno del quale vige una non belligeranza degna di Highlander sono un pò eccessive, eppure il divertimento è assicurato, il tifo spudorato per il protagonista certo, il finale open mitico.
Poco importa, poi, che Willem Defoe e John Leguizamo facciano sostanzialmente da tappezzeria, che Michael Nyqvist ed Alfie Allen propongano il loro solito personaggio, che Adrianne Palicki appaia fin troppo poco con un look dark che aumenta il fascino che aveva fin dai tempi di Friday night lights: alla fine dei conti, sarà come salire su quel bus dei primi anni novanta, pensando ancora di essere nel pieno degli ottanta.
E al sottoscritto va benissimo così.
MrFord
"Think of me, I'll never break your heart.
Think of me, you're always in the dark.
I hate your love, your love, your love.
Think of me, you're never in the dark."
Kaleida - "Think" -

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Jimi: All Is by My Side - John Ridley 2013

    Jimi: Side John Ridley 2013

    1966 New York. La ragazza di Keith Richards vede un'esibizione in un locale di Jimi,si innamora della sua musica (e non solo) e fa di tutto per trovargli un... Leggere il seguito

    Da  Tano61
    CINEMA, CULTURA
  • Tutto può Cambiare - John Carney 2014

    Tutto Cambiare John Carney 2014

    Dan è un ex discografico che ormai vive di ricordi e alcool.Una sera per caso ascolta Greta in un bar e vorrà a tutti icosti fargli registrare un album…Carney... Leggere il seguito

    Da  Tano61
    CINEMA, CULTURA
  • John wick

    John wick

    di Leitch e Stahelskiche con Keanu Reeves, William Dafoegenere, drammatico Usa, 2014 Da sempre il cinema come veicolo di propaganda trova nei prodotti... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • John wick

    John wick

    Regia: Chad StahelskiOrigine: USAAnno: 2014Durata: 101' Attori principali: Keanu Reeves, Willem Dafoe, Michael Nyqvist “Una volta gli ho visto uccidere tre... Leggere il seguito

    Da  Ladri_di_vhs
    CINEMA, CULTURA
  • John Wick (2014)

    John Wick (2014)

    Sì, lo sappiamo ormai tutti che gennaio è il periodo in cui si fanno i compiti pre-Oscar. Ma vorremmo dimenticarci della tamarreide? Giammai! Leggere il seguito

    Da  Babol81
    CINEMA, CULTURA
  • Furore - John Ford (1940)

    Furore John Ford (1940)

    (Grapes of wrath)Visto in Dvx.La depressione e i dust bowl stanno distruggendo l'Oklahoma (come in "Interstellar"), i contadini migrano verso la California,... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA
  • Il dialogo sui mostri di John Kenn Mortensen

    Danese, classe 1978, sui suoi blog si presenta così: autore e regista di spettacoli televisivi che, nel tempo libero, si munisce di post-it e di matite e... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA

Magazines