Magazine Politica

Karadzic e' responsabile per srebrenica

Creato il 21 aprile 2012 da Pasudest

Lo ha detto l'esperto militare Richard Butler al processo contro l'ex presidente della Republika Srpska
Qui di seguito una mia rielaborazione dell'articolo di Denis Dzidic per Balkan Investigative Reporting Network. Leggi qui l'articolo originale.

KARADZIC E' RESPONSABILE PER SREBRENICA

Ratko Mladic e Radovan Karadzic
all'epoca della guerra in Bosnia

L'esperto militare ed ex ufficiale Richard Butler, che ha preparato un rapporto sulla catena di comando all'interno dell'esercito serbo-bosniaco durante il conflitto del 1992-95, al processo in corso al Tribunale internazionale per l'ex Jugoslavia, ha affermato che Radovan Karadzic era “al vertice” di quella catena come “comandante supremo delle forze armate della Republika Srpska” e come tale ebbe dunque una conoscenza dettagliata degli eventi di Srebrenica. Nel marzo 1995, ha dichiarato Butler, Karadzic inviò una direttiva alle forze armate ordinando di “creare una situazione insopportabile di totale incertezza” per i bosgnacchi di Srebrenica, privandoli di ogni speranza di sopravvivere all'interno dell'enclave.
Karadzic è sotto processo all'Aja con l'accusa del genocidio di più di 7000 bosgnacchi compiuto dall'esercito serbo-bosniaco nei giorni che seguirono l'occupazione di Srebrenica, l'11 luglio 1995. L'ex presidente della Republika Srpska, è anche accusato della persecuzione dei croato-bosniaci in tutta la Bosnia, del terrore inflitto ai civili di Sarajevo durante l'assedio e della presa in ostaggio di “caschi blu” dell'Onu tra il 1992 e il 1995. “Come comandante supremo, Karadzic non si limitò a ricevere informazioni sulle attività dell'esercito, ma ebbe e utilizzò la possibilità di chiamare direttamente i comandanti sul campo al fine di ottenere nuove informazioni e impartire disposizioni. Ha avuto un ruolo diretto in questo processo”, ha detto ancora Butler. Karadzic, da parte sua, durante l'esame incrociato ha affermato che nella primavera del 1993, e quindi prima degli eventi di Srebrenica, le forze armate bosgnacche attaccarono i villaggi serbi circostanti Zepa e Gorazde nonostante le due località fossero state dichiarate zone protette dalle Nazioni Unite, e uccisero civili a Podrinje.
Secondo Butler, l'ordine di sparare a migliaia di bosgnacchi di Srebrenica dopo la caduta della città doveva provenire dal vertice della catena di comando delle forze armate della Republika Srpska. L'ordine, ha affermato Butler, fu impartito dal comandante dell'esercito serbo-bosniaco, Ratko Mladic, e fu trasmesso lungo la catena di comando come qualsiasi altro ordine, nonostante il fatto che fosse “evidentemente illegale”. “Nessuno lo mise in discussione. L'ordine fu eseguito. Se prescindiamo dalla sua illegittimità, la catena di comando militare funzionò come avrebbe dovuto”, ha detto Butler. Mladic è accusato di genocidio, crimini contro l'umanità e violazione delle leggi e delle consuetudini di guerra in Bosnia-Erzegovina. Il processo a Radovan Karadzic davanti al Tribunale internazionale per l'ex Jugoslavia inizierà il 14 maggio. Il processo a Radovan Karadzic continuerà lunedì 23 aprile.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog