Magazine Cinema

Kill me please

Da Veripaccheri
KILL ME PLEASE KILL ME PLEASE
Regia: Olias Barco

Il dottor Kruger (Aurelien Recoing) gestisce una clinica che offre assistenza a chi ha deciso di mettere fine ai propri giorni e alle proprie sofferenze.
Tra gli obiettivi della clinica vi è quello di dissuadere i pazienti dal suicidarsi e, in caso di decisione irreversibile, di dare dignità e decoro al suicidio.
Nella villetta del suicidio medicalmente assistito sbarcano i personaggi più disparati, dal depresso che si finge malato di cancro pur di poter accedere al programma di morte assistita, alla cantante ( Zazie De Paris- che nella vita reale è una trans ) che ha perso la voce, a chi ha perso la moglie giocando a poker (Bouli Lanners).
Non essendo ben vista dalla bigotta comunità locale, la clinica viene presa d'assalto da un gruppo di fanatici pronti a far valere le loro convinzioni a colpi d'arma da fuoco.
Con pochissimi soldi, una troupe composta da pochissimi elementi, un cast che ha lavorato praticamente gratis, Olias Barco è riuscito nell’impresa di girare un film spiazzante, scorretto e cinico.
Obbligato a ricorrere al bianco e nero per ovvie ragioni di budget, Olias Barco ha dato vita ad una pellicola maledettamente coraggiosa che sviluppa la questione eutanasia ricostruendo tramite i personaggi del suo film il dibattito sulla morte assistita che tanto divide i cittadini dei Paesi occidentali.
Lo schema del film è molto semplice: la clinica è l’eutanasia, gli abitanti del piccolo centro rappresentano la difesa catto-integralista del diritto alla vita, l’intervento dello Stato tramite l'agente della Guardia di Finanza altro non è che l’ingerenza delle istituzioni su questioni private.
Piccolo film che più indipendente non si può, è riuscito nell'impresa di vincere un festival del cinema tutto lustrini e paillettes come quello di Roma, impresa ancor più difficile se si pensa al fatto che il tutto è avvenuto nella città simbolo della cristianità pur trattando un tema assai delicato e tanto caro ai gerarchi del vaticano
Il film è piacevole, infarcito di scene seriamente disturbanti, ma è evidente che ci troviamo dinanzi ad una pellicola "da festival" forse pensata per un pubblico di cinefili piuttosto che per le grandi platee.
Probabilmente con un maggior impegno a livello di dialoghi e calcando ulteriormente la mano sul lato grottesco della vicenda, Kill me please avrebbe avuto le carte in regola per raggiungere un pubblico più ampio.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • One shot one kill?!?

    shot kill?!?

    Cinema e videogame mostrano sopravvissuti eliminare orde di Zombie con splendidi headshot, ma quanto è facile colpire le zone "vitali" dei non-morti? Qualcuno s... Leggere il seguito

    Da  Zombie Knowledge Base
    CINEMA, CULTURA, HORROR
  • Kill me please

    - uccidimi per favore (e non, come indicato dalla cassiera del cinema “Kiss me please”, cioè ti prego baciami) ha vinto il Marc’Aurelio d’Oro al Festival del... Leggere il seguito

    Da  Pkiara
    CINEMA, CULTURA
  • Kill me please - Olias Barco (2010)

    Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA
  • Kill me please

    Kill please

    Al suo secondo lungometraggio, Olias Barco realizza un’opera raffinata, complessa, ma anche caustica, ironica, quasi impietosa: con Kill me please assistiamo,... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Kill Bill Vol. 3. Tarantino conferma

    Kill Bill Vol. Tarantino conferma

    Quentin Tarantino girerà Kill Bill Vol.3. Dopo averlo accennato più volte ora il regista pulp per eccellenza pubblica la sceneggiatura del teaser su Twitter... Leggere il seguito

    Da  Bloggergeist
    CINEMA, CULTURA
  • Zombie Me!!!

    Come la maggior parte dei lettori di ZSR, anche noi immaginiamo sempre di essere i cacciatori e non le prede. Ma cosa accadrebbe e come saremmo se ci... Leggere il seguito

    Da  Zombieboy88
    CINEMA, CULTURA, HORROR
  • Kill Me Please

    Kill Please

    Molto probabilmente mi attirerò gli strali della critica cinematografica on line che ha premiato con il Mouse d'Oro il film di Olias Barco, vincitore anche del... Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA

Magazines