Magazine Cultura

L’accoglienza olfattiva nel settore fieristico

Creato il 10 aprile 2015 da Farefiera

Marketing e olfatto - odori in fiera

L’importanza degli odori come strumento di accoglienza e comunicazione

Nel settore fieristico e dell’organizzazione degli eventi, l’accoglienza è uno di quegli aspetti che rivestono una fondamentale importanza per l’ottima riuscita dell’evento.

I clienti infatti, devono rimanere affascinati fin da subito, avendo un’ottima prima impressione di ciò che vedono, indispensabile per convincerli che, oltre quei cancelli, oltre quei primi stand, troveranno un ambiente curioso, affascinante e che li saprà stupire come raramente era successo loro.

Il visitatore deve rimanere coinvolto per tutta la durata dell’evento, mantenere alta la sua attenzione e il suo desiderio di permanenza.

Un metodo efficace, già in uso in questo settore, ma spesso sottovalutato come potenziale, è puntare sulla comunicazione olfattiva. Le fiere, gli eventi, molto più di altri luoghi, sono un insieme di suoni, immagini e soprattutto odori, che deve essere sapientemente mescolato per ottenere quell’atmosfera sensoriale che rimane nella mente di chi visita.

La comunicazione basata su suoni e immagini, in questo ambito, è efficace, ma rischia di venire dispersa: il visitatore si trova immerso in un contesto pieno di figure, musiche , alle quali spesso bada in maniera superficiale, osservandole appena. Ad esempio, un’immagine, anche se molto bella e coinvolgente, rischia di non poter esprimere tutto il suo ‘potenziale’ in un contesto così pieno di ‘concorrenti’.

Emozioni olfattive in fiera

Il potenziale olfattivo, in questo contesto può rappresentare una soluzione efficace per distinguersi ed attirare i visitatori: gli odori, infatti, vengono percepiti in maniera del tutto spontanea e naturale, risultando, in un contesto dove gli altri sensi principali sono, per così dire ‘saturi’ , un metodo di distinzione molto valido.

In questi eventi difatti, il canale olfattivo è quello ancora meno sfruttato, più libero quindi da informazioni, ed è più facile che i suoi effetti giungano al visitatore, Inoltre l’olfatto è l’unico senso che comunica direttamente con il cervello, senza ‘intermediari’, risultando il più efficace nella memorizzazione dei messaggi.

Pensiamo a quando infatti, percepiamo un buon profumo: ci fermiamo ad annusarlo, cerchiamo di capire da dove proviene e cosa lo emana, venendo attratti dal punto dal quale la fragranza viene emanata. Ci dimentichiamo per un attimo del mondo, rimanendo immersi in un contesto ‘emozionale’, lasciandoci accarezzare dalla delicatezza di quel profumo.

 

Tra i principali vantaggi del marketing olfattivo, come dichiarato dall’esperto di profumi Fred Dale, vi sono  un incremento del 18,8% nella disponibilità a comunicare, un incremento del 15,9% nella permanenza ed un incremento del 14,8% nella volontà di toccare i prodotti.

Una strategia olfattiva efficace va integrata sapientemente con il contesto in cui viene praticata, per ottenere una comunicazione ed un’accoglienza sensoriale efficace a 360°.
La comunicazione olfattiva è un metodo efficace, innovativo, che va ‘sposato’ con ciò che il cliente vede e sente, per una completa armonia dei sensi.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Stai bene nel tuo corpo?

    Stai bene corpo?

    A volte sento dire che il corpo è il tempio dell'anima.Poi un po' di tempo fa leggo, non mi ricordo chi l'abbia scritto, che un tempio può essere sconsacrato,... Leggere il seguito

    Da  Almacattleya
    CULTURA
  • Viaggiare nel tempo?

    Viaggiare tempo?

    Buona sera scrissi già a suo tempo un articolo su questo argomento. A me piacerebbe tantissimo poter effettuare viaggi nel tempo, andare a visitare la famosa... Leggere il seguito

    Da  Marta Saponaro
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • NCD, gli immigrati e il «mondo di mezzo». Inchiesta su Il Sole 24 Ore del 28...

    Migranti, soldi, corruzione e voti, questi gli ingredienti principali della brutta storia del “Mondo di mezzo”. Era un circolo vizioso in cui gli arrivi dalle... Leggere il seguito

    Da  Raffaelebarone
    CULTURA, LAVORO, RICERCA, SCIENZE, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Deserti nel mondo

    Deserti mondo

    Ancora oggi nel XXI secolo, milioni di persone vivono nelle zone più aride del pianeta. Basti pensare ai beduini del Sahara o agli aborigeni nell'Outback... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CULTURA, VIAGGI
  • Carnevale nel mondo

    Carnevale mondo

    Il carnevale è una delle feste più attese al mondo e non è poi così strano visto che durante alcune serate ci si può nascondere dietro a una maschera ... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CULTURA, VIAGGI
  • Donne nel Mito: Mina

    Il 25 marzo 1940 nasceva a Busto Arsizio una tra le più grandi voci della musica leggera italiana: Mina Anna Maria Mazzini, in arte Mina. Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Chiara Albertini: “Nel cuore di una donna”

    Giuseppe A. Borgese, il critico-manovratore Di temperamento focoso e geniale, il critico letterario, scrittore... "Anch'io", la disarmante semplicità di... Leggere il seguito

    Da  Culturalmente88
    CULTURA, LIBRI