Magazine Cultura

“L’Altra Metà del Cielo” di Vasco Rossi riarrangiato per la Scala

Creato il 07 settembre 2013 da Themusik

Dal 6 al 13 Settembre Vasco Rossi ritorna con “L’altra metà del cielo”, il suo ventiseiesimo disco pubblicato il 30 Marzo 2012. L’album contiene brani riarrangiati per essere suonati alla Scala di Milano.

themusik vasco rossi l altra meta del cielo scala tour LAltra Metà del Cielo di Vasco Rossi riarrangiato per la Scala

Vasco Rossi ricalcherà il palcoscenico della Scala, facendo rivivere le sue canzoni e le sue storie attraverso le coreografie di Martha Clarke.
Vasco stesso ha dichiarato: “Quando la Scala mi ha chiesto di scrivere una “drammaturgia” con le mie canzoni, mi sono subito messo al lavoro, per me è un’esperienza stimolante, una nuova sfida; della danza amo la straordinaria eleganza dei gesti, dei movimenti e la potenza magnifica di trasmettere sensualità“.

Nel 2012 Vasco descrisse così lo spettacolo: “Inizialmente ho pensato che le protagoniste dovevano essere Albachiara, Silvia e Susanna, tre personaggi delle mie canzoni. Tre adolescenti, e allora mi sono chiesto che cosa potessero diventare da grandi. Da qui sono saltate fuori le altre canzoni, in tutto saranno tredici, “Albachiara“, Susanna“, “Silvia“, “Anima Fragile“, “Brava“, “Gabri“, “Incredibile Romantica“, “Brava Giulia“, “Delusa“, “Jenny“, “Laura“, “Sally” e “Un senso“. Le ho riunite in un unico racconto che le vedrà in varie fasi della vita, dall’adolescenza alla maturità, dalla crescita all’abbandono”.

Il 30 Agosto ha rilasciato una lunga ed intensa intervista a Susanna Galeazzi trasmessa in uno speciale del Tg5 intitolato “Le Piccole Cose Di Vasco” e così ha rivissuto i mesi della malattia: “Negli ultimi 7 mesi ho cambiato stile di vita perche è arrivato un conto salatissimo ma che ho pagato (ride). Sono ancora vivo, anche questo è un miracolo, perché in realtà siamo sempre tutti vivi per miracolo“.

Ha parlato anche di social network: “Adesso sono felicemente sposato, sono fedele ma se dovessi avere una storia con una donna la prima cosa che le direi è di chiudere il profilo di Facebook!. Scrivo quello che scriverebbero loro, i giovani, racconto una mia rabbia o una mia debolezza. Quando scrivo una canzone mi confesso veramente tanto che penso che cose del genere non le direi nemmeno ad un amico, ma in una canzone sì. E quando una debolezza la confessi e la dici ad un altro non è più una debolezza“.

Ecco alcuni video dello spettacolo:


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog