Magazine Cinema

L'AMORE CORTO di Valentina Vincenzini

Creato il 11 febbraio 2014 da Veripaccheri
Non è il primo corto che prendiamo in considerazione, ma certamente "L'amore corto" di Valentina Vincenzini è quello che fin quì c'è piaciuto maggiormente. Per questo siamo lieti di parlarne e di sentirne parlare.
nickoftime  
L'AMORE CORTO di Valentina VincenziniGirato interamente a New York, “L’amore corto” si presenta come un prodotto ben confezionato con tutti i normali difetti di un’opera prima. La regista ed ideatrice del cortometraggio, Valentina Vincenzini, fa emergere la sua particolare accuratezza nella fase di scrittura, rendendo il discorso meta-cinematografico leggero e fruibile anche per i non addetti ai lavori. E i temi che escono fuori sono molteplici, su tutti: l’italianità vissuta a New York, città divenuta forte elemento di giunzione con la cultura americana; la difficoltà tangibile per i giovani e per il cinema indipendente in generale ad esprimersi al di fuori del formato del cortometraggio, rendendo quasi impossibile l’approdare al lungometraggio.
L'AMORE CORTO di Valentina Vincenzini In base a queste considerazioni, abbiamo incontrato l’autrice Valentina Vincenzini che gentilmente ci ha concesso di rispondere alle nostre domande:
A.R. - Quanto è costato questo cortometraggio?-
V.V. – Circa 4.000 dollari. Abbiamo avuto qualche problema  specialmente col passaggio del materiale, ma alla fine è andato tutto per il meglio-
A.R. – L’impressione è che la regia sappia tacere facendo emergere la fase di scrittura, torna alla memoria un po’ il primo Woody Allen?-
V.V. – Il richiamo ad Allen non è diretto, comunque io vengo fondamentalmente dal mondo della scrittura e della sceneggiatura, ragion per cui è stata oculata la scelta di evitare movimenti di macchina barocchi. L’intento era quello di parlare secondo i codici del meta-cinema, ma rendendolo leggero e divertente-
A.R. -L’intento è stato in buona parte rispettato. Tre tra i tuoi registi preferiti?-
V.V.- Domanda difficile! Allora direi Quentin Tarantino, David Lynch e Christopher Nolan-
A.R. – Tutti registi che in maniera differente fanno della fase di scrittura la parte più importante dei loro prodotti. In bocca al lupo per tutto-
V.V. –Crepi-.
Oltre ad invitarvi a vedere questo piccolo ma grazioso lavoro, ringraziamo Valentina per il tempo dedicatoci, e le auguriamo che il suo cortometraggio sia solo l’inizio di una carriera luminosa.

di Alberto Romagnoli

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il corto della domenica

    Una bimba, dopo essere stata rapinata, si allontana dalla strada che conosce benissimo per seguire il suo cagnolino. Così inizia per lei una nuova avventura... Leggere il seguito

    Da  Monica
    CINEMA, CULTURA
  • Il corto della domenica

    Con un cognome importante come il suo, Gia Coppola sembra proprio intenzionata a seguire le orme di nonno Francis Ford e zia Sofia. L'atmosfera che si respira i... Leggere il seguito

    Da  Monica
    CINEMA, CULTURA
  • Il corto della domenica

    Giorno e notte sono due entità con personalità opposte. Diffidenti una verso l'altra, non si piacciono affatto. Grazie al messaggio di Wayne Walter Dyer... Leggere il seguito

    Da  Monica
    CINEMA, CULTURA
  • Corto Ep.7

    Corto Ep.7

    Il corto presentato in questo settimo episodio proviene dall'Australia. Si chiama Cargo, dura 7 minuti, ed è una variazione sul tema zombie. Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Il corto della domenica

    Conoscersi e piacersi. Mani che si sfiorano e sguardi che si incontrano. Giochi, risate, poche parole e tante le cose non dette. Leggere il seguito

    Da  Monica
    CINEMA, CULTURA
  • Il corto della domenica

    Dietro all'aspetto buffo e divertente di un mimo, si nasconde una persona che ha fatto una scelta ben precisa e lo ha fatto per dimostrare a qualcuno per lui... Leggere il seguito

    Da  Monica
    CINEMA, CULTURA
  • Chandra, anomalia individuata: era il giroscopio

    L’osservatorio spaziale per raggi X Chandra in orbita attorno alla Terra. Crediti: Nasa I giroscopi sono delle brutte bestie. Tanto irrinunciabili quanto... Leggere il seguito

    Il 15 ottobre 2018 da   Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE

Dossier Paperblog

Magazines