Magazine Cultura

L'angelo Esmeralda, di Don DeLillo (Einaudi)

Creato il 12 febbraio 2013 da Angeloricci @angeloricci
L'angelo Esmeralda, di Don DeLillo (Einaudi) Connessioni che avvolgono un universo. Connessioni materiali e immateriali. Sentimenti che scavano nel profondo di anime apparentemente semplici (di quella definizione medioevale e francescana di “semplice” che rimanda alla purezza) e che appaiono invece portatrici di abissi, di domande, di sofferenza, ma anche di speranze nascenti da un quotidiano che è la somma di azioni che si affastellano in attesa di un destino che domina il tutto. Congegni meccanici, installazioni artistiche, dispositivi digitali, opere d’arte, ninnoli a volte insignificanti e che invece rivelano paesaggi di anime, ma anche relitti informi, rottami, frammenti che contribuiscono alla definizione dell’immagine totalizzante e completa delle vite che erigono un cosmo, spesso inconsapevolmente o loro malgrado. Un cosmo che combina tracce del passato in un presente sfaccettato e caleidoscopico nella sua complessità. I muri, le periferie, le strade, i viadotti, le ferrovie, il flusso del traffico automobilistico, gli interni delle case, tessere di un mosaico che forma una metropoli dagli intarsi phildickiani e che è, a sua volta, immagine di quel luogo della narrazione che è l’America, intesa come USA, composta in quella definizione narrativa che ne fa immaginario collettivo di storie. Tempi e luoghi che si incrociano e si fondono, generi che si rincorrono e che si completano. Non esiste mai in DeLillo una contemporaneità che possa dirsi completamente tale. Ogni istante che si snoda in questi racconti è il frutto di un passato, arcaico, forse, i cui tratti dominanti vivono sottotraccia in un presente tecnologicamente (ma anche militarmente, finanziariamente, politicamente) frainteso nella rappresentazione propagandistica che compie di se stesso e che di quegli inevitabili arcaismi porta le stimmate, facendosi anteprima di un futuro inevitabilmente dominato senza eccezione dagli atavici rapporti di forza creati dall’insondabile e impalpabile dogma dell’essere in qualche modo incardinanti in un mondo di dominati e di dominatori.
Osservatore, indagatore, voyeur dell’ostensione perenne di una collettività che è governata da un ipertrofico nulla, giocatore estremo del linguaggio e attento conoscitore del potere, spesso sanguinario e sanguinante, delle parole e dei nomi (che si sovrappongono alla realtà oggettiva plasmandola a loro piacimento come demiurghi maligni), DeLillo compone questi racconti come definizione perentoria delle proprie ossessioni. Quelle stesse ossessioni che ha infuso da sempre nella sua creazione narrativa e che configurano altrettanti segni indelebilmente marcati al fine di raccontare il livello profondo e meno scontato sia della società che del suo modo di immaginarsi. L’angelo Esmeralda si staglia al contempo perentorio e interrogativo come perentoria e interrogativa è la storia degli uomini e DeLillo, come un monaco antico che riporti le cronache di miracoli e di saccheggi, contribuisce mirabilmente ancora una volta all’ineludibile opera del raccontare l’eterna circolarità dei tempi. Un libro. L’angelo Esmeralda, di Don DeLillo (Einaudi).

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog