Magazine Libri

L'angolo degli italiani: urban fantasy

Creato il 26 febbraio 2016 da Weirde

Oggi per la Rubrica, L'angolo degli italiani vi propongo dei libri urban fantasy di autori nostrani:

image

Titolo: Trusting darkness

Autore: Eva Fairwald

Link:http://www.amazon.it/dp/B019A67M6O

Sito: http://evafairwald.wix.com/leombredidora

Trama: Il Capitano Ella Dorsh è forte, ben addestrata e… spacciata. È piuttosto sicura che il nemico stia conducendo il gioco e che la guerra raggiungerà la superficie molto presto, ma gli umani non sono ancora pronti. Il Regno di Sotto è impoverito e la sua popolazione di elfi oscuri vuole conquistare il mondo e dominarlo. Ella e le altre “Divisioni Rinati” sono l’unica vera possibilità per combattere il nemico ad armi pari: elfi contro elfi per risparmiare preziose vite umane. Tuttavia, nulla è così semplice come sembra e l’oscurità nasconde molti imprevisti.

27827984


Titolo: Proximis – Oltre il colore
Autore: Micol Manzo

Serie: primo libro della trilogia dei Proximis
Editore: Narcissus Self Publishing

Genere: Urban fantasy

Link: http://www.amazon.it/dp/B017T2T35O

Blog: http://micolmanzo.blogfree.net/

Trama: Mirash D’Amati è una ragazza come tante altre, con la passione per l’arte e il giornalismo. Conduce un’esistenza ordinaria, tra l’università e il giornale presso cui lavora; almeno fin quando non rischia di essere investita da un’automobile, vicino alla stazione ferroviaria di Anzio. Da quel momento in poi il soprannaturale entra prepotentemente nella sua vita. Attorno a lei cominciano a verificarsi strani fenomeni. Riesce a vedere lo spirito di un bambino, un’entità sconvolgente che sembra voglia richiamare la sua attenzione. Nel frattempo, suo zio Lorenzo, operatore della Squadra mobile della Polizia di Roma, si trova a fare i conti con la scomparsa di un giovane in Villa Doria Pamphilj, antico parco del capoluogo. Misteriosi eventi conducono Mirash ai Proximis, un’organizzazione mondiale preposta al mantenimento dell’equilibrio tra la sfera visibile e quella invisibile. Qui conosce Morgana, a capo della sezione italiana dei Proximis, Anastasia, Ludovic e Kageshi, affascinante ed enigmatico ragazzo dal volto sfregiato, che col suo carattere irritante, le rende la vita ancor più difficile. Ma la soglia tra spiriti e viventi è sempre più sottile. Mirash è costretta a rimettere in discussione tutto ciò in cui ha sempre creduto; a prendere in mano la situazione, lottando contro un pericolo letale che rischia di stravolgere la sua vita e quella degli altri.

Quella notte il vento

Titolo: Quella notte il vento

Autore: Rossella Romano

Link: http://www.amazon.it/dp/B00UEQTWU4

Trama: Fani decide di trascorrere l’estate dopo il diploma nella casa della nonna paterna, in collina.

Da tredici anni tutta la famiglia ha rotto i ponti con la donna, per una lite di cui, a casa sua, nessuno parla mai. La ragazza, un po’ per gioco, un po’ seriamente, si è convinta che la nonna Epifania, di cui porta il nome, nasconda un segreto inconfessabile.

Fani non lo sa, ma il vento ha già cominciato a chiamarla. Soffia dalle profondità del bosco, di notte, portando fino a lei uno stormo di creature alienate, nate col solo scopo d’impedirle di rispondere al suo richiamo; di seguirlo fino all’accesso ai territori misteriosi, stupefacenti, ma anche pericolosi, da cui proviene.

Copertina Abisso

Titolo: Abisso

Autore: P. D. Blacksmith

Serie: Seguito di B-Loved primo libro della serie

Link: http://www.giunti.it/libri/narrativa/abisso/

Trama: Il primo appassionante capitolo della serie di P.D. Blacksmith si concludeva con la sanguinosa battaglia del Castello, in cui anguani e cermanni hanno sconfitto i naguish. In Abisso Belinda è convalescente a casa del padre. Vive un’intensa storia d’amore con Detlev, ma non sa che il suo destino è già segnato e nessuno può fermare il processo inesorabile che lo riporterà alla sua natura originaria di anguano.

Le Madri del Sangue, le mostruose anguane bianche custodi della stirpe sono venute a riprenderselo e con lui spariranno nelle profondità del lago. La sola cosa che salva Belinda dalla disperazione è il pensiero di ritrovare Detlev, di rivederlo un’ultima volta prima che la muta sia completa, prima che l’amore della sua vita la dimentichi per sempre. Ma la leggenda parla di una maledizione antica che colpisce le ragazze che s’innamorano delle creature d’acqua… e in questa ricerca il rischio per Belinda è di smarrire se stessa.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog