Magazine Cultura

L'attimo dopo aver finito il capolavoro

Creato il 17 ottobre 2010 da Paciampi
L'attimo dopo aver finito il capolavoro
Fu nella giornata, o meglio nella notte del 27 giugno 1787, tra le undici e le dodici, che, in un padiglione del mio giardino, scrissi le ultime righe dell’ultima pagina
 Probabilmente nemmeno lui ci credeva, ma la sua fatica era davvero finita. Dopo tremila pagine. Dopo anni e anni di ricerca e di scrittura. Dopo tutto lo stillicidio di dubbi (suoi) e di sberleffi (altrui). Era davvero finita. E per dirla con le parole di uno dei tanti che negli anni avrebbero curato la sua opera:
Prima dell’evento, nessuno aveva motivo di ritenere che quell’uomo piccolo e grasso con i capelli rossi, la voce acuta, l’abbigliamento stravagante e le assurde affettazioni stesse scrivendo la più grande opera di storia che sia mai stata pubblicata
Ma era proprio così. Edward Gibbon aveva terminato la più colossale, la più bella, la più citata delle opere storiche: Declino e caduta dell'impero romano.
Più di due secoli sono passati da allora, le tesi di Gibbon sono state prese e lasciate più volte, gli storici hanno tenuto a battesimo tante nuove ipotesi e poi ne hanno celebrato il funerale. Ma perdersi in quelle pagine è ancora un'impresa affascinante.
Pare che tutto sia cominciato con una gita a Roma da giovane. Pare che prima di lanciarsi in quest'opera Gibbon avesse accarezzato l'idea di scrivere una storia della repubblica svizzera - e che fortuna che non ne abbia fatto di niente. Pare che il duca di Gloucester, trovandosi tra le mani il secondo volume (diversi altri erano ancora da scrivere) si sia lasciato sfuggire:
Un altro maledetto libro grosso e quadrato! Sempre scarabocchi, scarabocchi, scarabocchi! Eh, mister Gibbon?
Mister Gibbon, malgrado tutto, tirò avanti. Proprio quell'omettino, che le cronache ci segnalano come perennemente bersaglio del ridicolo.
Poi quel giorno arrivò. Il giorno in cui non c'era più niente d'aggiungere per raccontare 1400 anni di storia.Provatelo a immaginarvelo, in quel momento. 
Si sa che Gibbon depose la penna e si mise a passeggiare sotto un pergolato di acacie, con vista su un lago. Si guardò intiorno. L'aria era dolce, il cielo sereno. Tutto taceva, quasi in una manifestazione di rispetto.
Più tardi avrebbe scritto:
Non nasconderò i miei primi sentimenti di gioia all’idea di aver riacquistato la mia libertà e, forse, di aver conquistato la fama. Ma ben presto il mio orgoglio venne abbattuto e una quieta malinconia si diffuse nell’animo mio al pensiero di aver lasciato per sempre un vecchio e piacevole compagno e all’idea che, qualunque potesse essere il futuro della mia Storia, la vita dello storico non poteva che essere breve e precaria

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Elisinuonderland e dieciotto anni dopo

    Elisinuonderland dieciotto anni dopo

    Con Roberta nel fine settimana abbiamo recuperato il divvuddì di "Alice in wonderland" di Tim Burton e siamo andati al cinema a vedere "diciotto anni dopo" oper... Leggere il seguito

    Da  Emsi
    CINEMA, CULTURA
  • Il sussidiario dieci anni dopo

    sussidiario dieci anni dopo

    In questi giorni i Baustelle hanno rieditato a dieci anni di distanza il loro primo album, Sussidiario illustrato della giovinezza, che negli ultimi tempi era... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CULTURA, MUSICA, POP / ROCK
  • POST IMPACT - Il giorno dopo

    POST IMPACT giorno dopo

    Di Christoph Schrewe, con Dean Cain Joanna Taylor Nigel Bennett Hanns Zischler, GER/USA 2004A Berlino lo scienziato al soldo degli americani Starndorf e il suo... Leggere il seguito

    Da  Pellicoledallabisso
    CINEMA, CULTURA
  • La festa il giorno dopo

    festa giorno dopo

    E’ sempre difficile riprendersi dopo i festeggiamenti di Capodanno!Dopo una serata vissuta come in un sogno, e dove si è cercato di dimenticare le negatività... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Vita dopo la morte

    Vita dopo morte

    Quando affermo che la vita termina con la morte, dissentono da me i cristiani e gli ebrei, i quali credono a una vita dopo la morte. Leggere il seguito

    Da  Willoworld
    CULTURA
  • Prima e dopo

    Prima dopo

    Continuo a guardare filmati dal terremoto giapponese e di conseguenza a farmi domande sul perché non riesca a smettere. La più ovvia riguarda il fascino che... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CULTURA
  • La nuova Wonder Woman: Adrianne Palicki e il dopo Padalecki

    nuova Wonder Woman: Adrianne Palicki dopo Padalecki

    Mi sono un po' perso per strada. Passi il fatto che gli americani ci raccontino dell'esistenza di un'amazzone greca che diventa agente segreto col nome di... Leggere il seguito

    Da  Dejavu
    CINEMA, CULTURA