Magazine Arte

L’Economia della Cultura

Creato il 01 febbraio 2013 da Larivistaculturale @MePignatelli

Economia e Cultura: Statua microchippata,  © Parallelo sas

Le industrie culturali e creative, secondo la classificazione proposta dalla Commissione dell’Unione Europea,  sono composte da quattro sottoinsiemi: le attività non industriali, come la gestione dei beni culturali e le arti performative e visuali; le industrie culturali, come l’editoria, la cinematografia, l’industria musicale, la produzione di videogiochi; l’industria creativa, cioè la moda, il design, l’architettura; altre industrie correlate, come l’ICT e l’industria fieristica e congressuale.

Quindi anche se per molta parte dell’opinione pubblica parlare di economia della cultura suona strano, in realtà molti settori dell’industria e dei servizi  hanno proprio la cultura al centro del loro business.

Secondo dati OCSE, negli anni duemila in Europa la produzione del settore culturale e creativo sarebbe cresciuta a un ritmo superiore a quello dei settori manifatturieri e uno  studio di Banca d’Italia del luglio 2012 sulle attività culturali e lo sviluppo economico considera ampio il potenziale di crescita della cultura, evidenziando anche gli importanti effetti sulla crescita del capitale umano e conseguentemente sulla competitività del sistema produttivo.

Gli eccessi della finanza hanno determinato la crisi esplosa nel 2008 e stanno comportando enormi costi sociali, per fronteggiare i quali è indispensabile tornare ai ‘fondamentali’ della vita sociale e dell’economia reale. In quest’ottica, la cultura sarebbe un settore nel quale investire sia per gli alti ideali che incarna, sia per il valore aggiunto che può generare. Per l’economista del Sole 24 Ore, Fabrizio Galimberti, la cultura sta addirittura all’origine della catena del valore che lega la concezione al progetto, il progetto al processo, il processo al prodotto.

Il nostro patrimonio storico, i nostri beni culturali, le nostre capacità creative, costituiscono una grande ricchezza che, se attirasse maggiori investimenti, potrebbe generare un vantaggio competitivo reale per l’Italia, il cui successo sui mercati globali dipende dalla capacità di spostare la produzione sulle fasce a maggior valore aggiunto, destinate a consumatori ad alto reddito di tutto il mondo. Per fare questo, i nostri prodotti – l’Italia è il secondo paese manufatturiero d’Europa –  e i nostri servizi debbono incorporare più contenuto di conoscenza, debbono essere, per così dire, “prodotti colti”. Cosi investimenti in ricerca, sviluppo e formazione, valorizzazioni grazie alle nuove tecnologie e politiche che aiutino a defiscalizzare o sburocratizzare l’economia della cultura, potrebbero costituire il nuovo motore – o addirittura il nuovo modello –  dello sviluppo economico italiano.

Symbola, nel rapporto L’Italia che verrà – Industria culturale, made in Italy e territori del 2012 ha calcolato che il valore aggiunto prodotto dal sistema produttivo culturale in Italia ammonta nel 2011 a quasi 76 miliardi di euro, pari al 5,4% del totale dell’economia mentre l’occupazione è pari a circa 1 milione e 390 mila persone, il 5,6% del totale degli occupati. Secondo uno studio di TEH Ambrosetti  presentato a Florens 2010, un investimento di 100 Euro nelle sole attività culturali non industriali, genera un incremento del PIL pari a 249 e un’occupato in più da luogo a un’occupazione aggiuntiva totale pari a 1,69. Il quadro si allarga ancora quando si considerino anche le attività turistiche, di ristorazione, di trasporto, di formazione, le produzioni alimentari tipiche, le attività edili legate al patrimonio culturale. Il rapporto 2012 di Symbola stima, considerando anche questa parte di economia della cultura, un valore aggiunto di 211,5 miliardi di Euro, ben il 15% del PIL e 4,48 milioni di occupati, addirittura il 18,1% dell’occupazione totale.

La cultura sarebbe quindi una sorgente che, nel far progredire l’umanità arricchendone lo spirito, ne alimenta le attività economiche, producendo ricchezza.

© Francesco Caracciolo e Melissa Pignatelli

© Fotografia Parallelo sas


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il “martirio” della cultura

    “martirio” della cultura

    Circa 300.000 volumi della biblioteca dell’Istituto italiano per gli studi filosofici stanno andando a finire in un capannone a Casoria, in provincia di... Leggere il seguito

    Da  Felice Monda
    ATTUALITÀ, CULTURA, LIBRI, SOCIETÀ
  • Economia e Gratuità

    Ho trascorso tutta l'estate a casa, tra i lavori domestici e l'intreccio di fili colorati di parole. Fin dal mattino anelavo alla sera, a quel fresco che,... Leggere il seguito

    Da  Pinaimperato
    CULTURA
  • Gente che studia anni economia

    «Conviene comprare una lavastoviglie o lavare i piatti a mano? L’equilibrio generale dentro le mura domestiche può essere rappresentativo per un intero paese e... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Economia Dell' Abbastanza Di Diane Coyle

    Economia Dell' Abbastanza Diane Coyle

    17 Settembre 2012 A cura di: Giovanni Sciuto 2012-09-17 10:41:00 Giovanni Sciuto Negli ultimi anni, nella nostra società occidentale, molti si sono arricchiti... Leggere il seguito

    Da  Iyezine
    CULTURA, MUSICA
  • Ladri di cultura

    Ladri cultura

    Marino Massimo de Caro era direttore della Biblioteca dei Girolamini a Napoli, chiamato dal ministero a gestire un patrimonio culturale di inestimabile valore. Leggere il seguito

    Da  Marcodallavalle
    CULTURA, LIBRI
  • Nessuna cultura senza sfruttamento?

    Nessuna cultura senza sfruttamento?

    Pubblicato da Roberto Gerilli Nel giro di pochi giorni sono nate due importanti discussioni riguardanti la cultura italiana, con particolare riguardo allo... Leggere il seguito

    Da  Alessandraz
    CULTURA, LIBRI
  • Una nuova economia

    nuova economia

    Lampedusa,grazie Antonella. Tutto ciò che accade sulla Terra non dipende solamente dall’inesorabilità della forza della natura che produce e riproduce le cose,... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA

Magazines