Magazine Attualità

L’erba che non muore mai (di Francesco Marilungo)

Creato il 09 febbraio 2012 da Istanbulavrupa

L’erba che non muore mai (di Francesco Marilungo)Terzo e ultimo capitolo della Trilogia della montagna, il ciclo di romanzi che racconta le vicende degli stagionali del cotone in Turchia. Interi villaggi di montagna che, all'affacciarsi dell'autunno, scendono verso le pianure per far da manodopera (spesso con retribuzioni schiavistiche) nella raccolta del bianco fiore, di cui le nostre t-shirt immemori poco sanno o vogliono sapere. Yashar Kemal, con la sua affabulazione fluviale, trascina il lettore dentro questo mondo a sé, con la maestria dello sciamano, del cantore epico e del narratore socialista. Lì nella pianura infestata di zanzare e puntuta di cardi, si snodano le avventure del vilaggio di Yalak, che dopo le peripezie dei due romanzi precedenti, compie il suo ciclo ritrovando un equilibrio, un'armonia, una speranza. A un costo però.

Nel romanzo precedente una frenesia sociale che percorreva gli abitanti del villaggio, aveva portato alla santificazione voce populi di Tashbash, colui che meno di tutti si lasciava assoggettare dalle logiche sfruttatrici del capo villaggio Sefer. Lì Y. Kemal ci mostrava come nelle società rurali un disagio materiale possa essere sublimato, e in qualche modo risolto, attraverso il ricorso al "magico" e al divino. Ma gli umori dei paesani cambiano più veloci delle stagioni. E in questo L'erba che non muore mai Tashbash sarà sacrificato come capro espiatorio dalle stesse logiche "magiche" che lo avevano santificato. Kemal con estrema abilità ci conduce in quel ganglio umano e sociale insondabile, dal quale nascono i miti, le divinità, laddove l'immaginazione si fa iperbole della realtà e dà risposte a quest'ultima seguendo tracciati quantomeno irrealistici. Un complesso gioco di parole? Non tanto. Qualcuno sarebbe pronto a sintetizzare pronunciando le parole 'ignoranza' o 'superstizione'. Altri parlerebbero di una sovrastruttura culturale che risponde a condizioni di vita misere ed estreme. Yashar Kemal, con molta più umanità, ci scrive sopra tre romanzi e nascondendosi dietro alla sua voce epica, ci porta dentro questa intricata poiesi. Non c'è solo la storia di Tashbash. C'è anche quella di Alì il lungo che è costretto a lasciare la sua anziana madre al villaggio; quella di Memidik, che volendo uccidere il capo vilaggio, una notte, sbaglia uomo e per tutto il romanzo è ossessionato dalle aquile che volteggiano sopra il pozzo in cui ha nascosto il cadavere. Molti altri i personaggi, molte altre storie si snocciolano lungo i mesi della raccolta del cotone, e darne conto in sede di recensione avrebbe poco senso. Il libro è lì, per chiunque voglia conoscerle.

[...]

(Il resto su Lankelot, con molte foto; qui e qui, invece, le recensioni dei due altri romanzi della trilogia)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :