Magazine Informazione regionale

L’inciucio va fermato, così svendiamo il PdL.

Creato il 29 marzo 2012 da Vignals

L’inciucio va fermato, così svendiamo il PdL.

da Liberoquotidiano.it

“Per disciplina di partito ho votato tutto. Nessuno, però, potrà chiedermi di votare contro la mia storia per riportare l’Italia indietro di vent’anni, alla Prima Repubblica”: Perché è questo che accadrebbe, attacca Giorgia Meloni, ex ministro della Gioventù, se l’accordo sulla riforma elettorale raggiunto tra il suo partito, il Pdl e gli altri partner della maggioranza (Pd e Udc) si trasformasse in legge. “Bene ha fatto il segretario, Angelino Alfano, a convocare l’ufficio di presidenza per martedì 3 aprile. le indiscrezioni sull’intesa raggiunta hanno creato solo confusione. Io per prima”; rompe gli indugi il deputato proveniente da An, “se dovessi attenermi a quanto letto sui giornali, non sarei d’accordo su molte cose”.
Iniziamo allora. Cos’è che non la convince dell’accordo?
“Soprattutto l’assenza del vincolo di coalizione, che ci riporta indietro di vent’anni. Il bipolarismo è stata una conquista straordinaria, una conquista figlia anche della nostra storia di centrodestra. Il diritto di conoscere, al momento del voto, chi potrà governare in caso di vittoria non può essere revocato.”
Non mi dirà mica che è solo una questione di principio…
“Certo che no, c’è anche un problema di governabilità. Se queste anticipazioni fossero confermate, ci troveremmo di fronte a un paradosso”.
Quale?
“Quello di concedere ai cittadini il potere di scegliere il premier, senza concedere una maggioranza al premier. Premier che, dal giorno successivo alle elezioni, sarebbe costretto a cercarsi i numeri in Parlamento. Con il cappello in mano”.
Quali le sue perplessità?
“Come sarebbe garantita la governabilità, se le coalizioni si formassero solo in un secondo momento, senza neanche essere vincolate da un programma elettorale condiviso?”
I sostenitori della riforma sostengono che in questo modo si supererebbe il “bipolarismo muscolare”, in favore di coalizioni più omogenee.
“Nessuno nega che il sistema attuale, come dimostra quanto accaduto dal 1994 ad oggi, sia incompiuto. Ma ci siamo dimenticati di quello che accadeva nella Prima repubblica? Dei 51 governi in 48 anni? Un sistema instabile in cui il popolo non aveva alcuna voce in capitolo, visto che tutto si decideva nei Palazzi. Io indietro non ci voglio tornare”.
E’ contraria pure alla restituzione ai cittadini del diritto di scegliere i deputai con i collegi?
“Dire che i collegi restituiscono la libertà di scelta agli elettori è una forzatura. E’ sempre il partito, infatti, a decidere a monte chi è eletto e chi no. E poi mettiamoci nei panni dei nostri elettori…”.
Fatto: che succede?
“Se in un determinato collegio c’è un solo candidato, e quel candidato non gli piace, che alternativa ha? Votare il candidato del Pd? Non scherziamo. L’unica scelta che gli resta è quella di non votare”.
Meglio le preferenze, allora?
“Assolutamente sì. Quale migliore capacità di scelta che scrivere il nome del parlamentare sulla scheda? E’ ora di sfatare il mito propagandato dai detrattori della preferenza”.
Quale mito?
“Quello secondo cui la preferenza sarebbe portatrice delle peggiori nefandezze, su tutte il clientelismo. La preferenza è il male assoluto? Bene, allora eliminiamola anche per le elezioni comunali, regionali ed europee. non si capisce perché la corruttibilità rappresenti un rischio per i candidati a discutere, che so , di riforme costituzionali e non per chi concorre per occuparsi, nelle realtà locali, di bandi e lavori pubblici”.
Nell’intesa c’è anche spazio per l’abbassamento dell’età per essere eletti in Parlamento. Da ex ministro della Gioventù dovrebbe approvare.
“Passi per i 21 anni necessari per diventare deputato, ma 35 per diventare senatore sono troppi. Da ministro sono stata promotrice di una legge costituzionale per introdurre la corrispondenza tra elettorato attivo e passivo. Quando un elettore vota, deve essere anche eleggibile. Invece, da quello che leggo, ancora non sarebbe così. Posso sapere per quale motivo, peraltro senza il bicameralismo perfetto, un cittadino non può occuparsi, al Senato delle regioni, delle materie concorrenti prima di aver compiuto 35 anni? L’età per essere eletti a Palazzo Madama va abbassata”.
Quali che siano le obiezioni, vi conviene fare in fretta: secondo il premier, Mario Monti, i partiti non hanno consenso, mentre lui ce l’ha…
“Il presidente del Consiglio si ricordi che l’unico consenso certificato che lui può vantare è quello che gli hanno espresso i partiti”.
Non è che i mugugni di molti di voi ex An sono figli della tensione con i vostri colleghi ex forzisti, tornati a gonfiare il petto? Ieri Giancarlo Galan ha consigliato a Silvio Berlusconi di tornare a Forza Italia.
“Noi che proveniamo da Alleanza Nazionale siamo quelli che hanno rischiato di più dando vita al Pdl. Abbiamo messo in gioco la nostra storia per una nuova esperienza. Esperienza nella quale continuiamo a credere. Se qualcuno ritiene che il progetto del Pdl non sia più valido, faccia le proprie scelte. Ma non chieda a noi di fare passi indietro”.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog