Magazine Cultura

L’Italia mormorò: non passa lo straniero!

Creato il 06 aprile 2011 da Abattoir

L’Italia mormorò: non passa lo straniero!Degli italiani si danno tante definizioni. Luoghi comuni per lo più. Gli italiani cantano mentre svolgono le faccende quotidiane, mangiano pasta in quantità, sono ottimi amanti, sono incapaci di conversare tenendo un tono di voce entro i limiti del sopportabile per l’orecchio,  gesticolano più di un sordomuto in una competizione di spelling. All’italiano puoi fare di tutto: rubargli la pensione, scrivergli “Buon Natale” con la chiave sulla fiancata dell’auto appena uscita dal concessionario, ma non puoi permetterti di toccare la sua mamma.
Tuttavia, agli occhi degli stessi autoctoni, l’Italia è abitata da gente accogliente, empaticamente vicina alle altrui disgrazie, pronta ad accogliere nel suo grembo chi ne ha bisogno. Gli italiani sono brava gente. Ne è la prova la reazione dei cattolicissimi cittadini all’arrivo di migliaia di nordafricani con i celeberrimi ‘barconi della morte’.
Per chi non lo sapesse, negli ultimi mesi i popoli nordafricani si sono resi conto che per circa trent’anni, anno più anno meno, hanno vissuto sotto delle dittature. Allora hanno giustamente pensato di ribellarsi per abbatterle. E poi, dopo morti, feriti, bombe e dromedari in tenuta di combattimento, dopo tanta fatica, fuggono via. D’altra parte noi abbiamo vinto il premio come ‘M&M’ (Migliori Migranti) ai primi del Novecento, e ora tocca a loro. La storia si ripete inesorabilmente. E l’uomo non cambia mai.
Fino a qualche giorno fa, nell’isola di Lampedusa gli abitanti erano in netta minoranza rispetto a coloro che sono sbarcati. Nonostante una situazione ai limiti della sopportazione, che il governo non è stato capace di gestire nel giusto modo, i lampedusani si sono dimostrati tolleranti, accoglienti e solidali con quella marea di disperati.
Nettamente differente è stata la reazione di Veneto, Lombardia e altre regioni del norL’Italia mormorò: non passa lo straniero!d che, al grido di guerra “Immigrati föra da i ball” hanno cominciato i loro sproloqui di razzismo e intolleranza.
Senza andare a inzupparci i jeans nelle nordiche terre italiane, paludose e nebbiose, per carpire la vera indole dell’italiano ospitale e devoto a tutto ciò che trova scritto sotto le date del calendario e a ciò che appare nelle macchie di muffa, possiamo dare una sbirciatina ad un paesello in provincia di Palermo: Torretta. In seguito ad una notizia inesatta propinata dal Giornale di Sicilia che annoverava tra i siti tendopolizzabili per gli sfollati di Lampedusa un terreno confiscato alla mafia nel territorio del paese, la popolazione si è sollevata unanime contro quello che veniva considerato un vero e proprio stupro. Il prete in primis aveva addirittura cominciato a farsi cucire delle pettorine con una grossa croce rossa stampata sopra per prepararsi ad una crociata. Tra l’altro il terreno in questione, secondo voci poi smentite, si trovava nei pressi dell’abitazione del Sancho Panza del Signore. L’ indignazione di chi ogni domenica ingurgita il corpo di Cristo, delle vecchie che passano la giornata a lucidare un’orribile statua di Padre Pio e del Comune intero si è manifestata in tutto il suo livore. Per fortuna la rivolta popolare è stata scongiurata, poiché la tendopoli sorgerà nell’ex base Nato di Isola delle Femmine, AL CONFINE con il territorio di Torretta.

Caduta dunque la consueta maschera di ipocrisia che l’italiano si porta sempre dietro per innalzarsi al di sopra degli altri popoli, in quanto depositario privilegiato di moralità e tolleranza, ciò che rimane è desolante. La diversità, la prospettiva che lo straniero venga a prendersi ciò che a noi, cittadini italiani, spetta di diritto, la sensazione di essere invasi da un’orda senza forma, senza volti, alimentata dall’informazione generale, rappresentano il maggior incubo del cittadino medio. Checché se ne dica.

Come disse qualcuno:” I terroni non so, ma noi italiani non siamo razzisti”.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Italia, un Paese postmoderno

    Italia, Paese postmoderno

    Cesary Bodzianowski, Raimbow, 1995.* Dopo la pioggia viene il serenobrilla nel cesso l'arcobaleno.A proposito di verità e di ricerca di valori. A proposito di u... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Tenia, Italia

    «Non invano il Machiavelli ammoniva che un popolo non è in grado di vivere come Stato o come patria, se non ha la capacità di soffocare, ininterrottamente, i... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Grand Hotel Italia

    Grand Hotel Italia

    Anna Lombroso per il Simplicissimus Allora, nel giorno della dichiarazione di fallimento del governo e di quel che restava di una promessa fallace di... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Roxy bar Italia

    Roxy Italia

    Ho cominciato a lavorare proprio due piani sopra il Roxy bar ed è solo per questo motivo che conosco Red Ronnie di vista, anche se non escludo di averci... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Italia, il Paese col burqa

    Italia, Paese burqa

    Francamente non saprei dire se il burqa sia la manifestazione di una società integralmente maschilista o non sia invece una forma culturale maschilista come la... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Fabbrica Italia

    Fabbrica Italia

    via Big PicturesIo sono convinto che certe immagini rendano merito al made in Italy più di cento Uma Thurman. Ma non ditelo a Bossi, altrimenti cambia idea e... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Sacra Forza Italia

    Sacra Forza Italia

    Il meeting di Rimini, l’appuntamento annuale di Cl, è ormai una specie di fiera campionaria della nullità italiana, un bazar dove si vendono battitappeti e... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ

Magazines