Magazine Italiani nel Mondo

L'olandese di las tunas

Creato il 13 luglio 2010 da Astonvilla
L'OLANDESE DI LAS TUNAS
L'olandese di Las Tunas di vista lo conosco da svariati anni,non siamo amici,ci conosciamo,quando ci si incontra per strada ci salutiamo,una volta insieme ad altra gente abbiamo bevuto una birra ma nulla piu'.
Come e' logico che sia.
L'olandese di las Tunas e' un tipo lungo,magro,calvo e allampanato,credo che ora sia sopra i 50 ma con un buon fisico,asciutto e allenato.
Ora non so ma anni fa con una bici da corsa 3 giorni la settimana si faceva Las Tunas - Puerto Padre e ritorno con quel caldo allucinante.
Come tutti gli olandesi non e' esattamente di braccino lungo,mi raccontarono che durante quei raid in bici si fermava,al ritorno,a mangiare a Vasquez in un posto da 10 pesos mn todo incluido,un posto in cui neanche i cubani si avventuravano...
Mi raccontarono tempo fa la sua storia,in Olanda era un infermiere,veniva a Cuba 3 volte all'anno come fanno in molti,15 giorni ogni volta.
A un bel momento fece la scelta di cambiare vita,gli olandesi a differenza di noi ci mettono poco a decidere di cambiare tutto e attraversare il mondo.
Vendette casa,parcheggio' il suo camper vicino a un lago e da quel momento quello divenne la sua casa nei brevi periodi che passava nella madrepatria,.
Coi soldi della vendita della casa e una piccola pensione o una piccola rendita non ricordo bene ,si trasferi' a Las Tunas dove inizio' a vivere un filino ma proprio un filino al di sopra dello standard cubano.
Viveva in una illegal da 5 cuc al giorno,mangiava nei chioschetti dove con 20 pesos in mn risolvi,si appostava fuori da casa azul per acchiappare fanciulle alle quali poi non elargiva,dicono,oboli degni di nota.
Poi a un bel mometo incontro una biondina carina e la cosa cambio',il braccino si allungo' di qualche cm,la mise incinta,si sposo',ebbe il primo bimbo,la rimise incinta e poi....non so piu' che fine abbia fatto.
Il braccino si allungo' ma senza esagerare...ricordo lui,la moglie col panzone e il passeggino col primo bimbo aspettare il cammello per spostarsi in citta'.
Chiunque sappia il caldo e il casino che c'e' sul cammello a Cuba sa che forse un bicitaxi o un taxi sarebbero stati meglio visto il panzone.
Quest'inverno l'ho visto poco in giro,credo si sia dedicato a fare il papa' a tempo pieno.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • 538 - mezza maratona a Las Vegas

    mezza maratona Vegas

    Nel weekend eravamo a Las Vegas perche' il marito ha corso una mezza maratona: per me che lo accompagno sempre e' stata quella piu' bella da vedere.La partenza... Leggere il seguito

    Da  Maricadg
    AMERICA, ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Di: Anonymous

    Anonymous

    comincio ad affezionarmi allo spaccato di palermo che riesci a dare attraverso le tue foto..fra Leggere il seguito

    Da  Roripalazzo
    FOTOGRAFIA, ITALIA, LIFESTYLE, VIAGGI
  • Voglia di

    Voglia

    Mi ero ripromessa di non portare il notebook in questo viaggio, in questa concessione che mi sono fatta, autoregalata se vogliamo. Fuga, ecco forse sì, anche... Leggere il seguito

    Da  Eileen
    ITALIANI NEL MONDO
  • Las tunas

    tunas

    Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    AMERICA, MONDO, VIAGGI
  • Di Balasciam

    Balasciam

    Balasciam è una provincia che la gente adorano Malcometo, e ànno lingua per loro. Egli è grande reame e discende lo re per reditade; e scese del legnaggio... Leggere il seguito

    Da  Giusecipriani
    SOCIETÀ
  • Imprevisto “bis” per Garth Brooks a Las Vegas

    Imprevisto “bis” Garth Brooks Vegas

    Garth Brooks all’Encore Theater di Las Vegas lo scorso 11 dicembre – Foto: Henry Diltz Alle ore 22 circa dello scorso 12 febbraio, dopo due ore filate di... Leggere il seguito

    Da  Godblesscountry
    CULTURA, MUSICA
  • Di scrittori e di ideologie

    scrittori ideologie

    La cosa strana è che certe prese di posizione mi fanno prudere il cervello e sono costretto a grattarmelo finché non trovo qualcosa da dire o da ridire. Leggere il seguito

    Da  Mirco
    CULTURA

Dossier Paperblog