Magazine Curiosità

L'oroscopo sbagliato

Creato il 14 gennaio 2011 da Mcg
L'oroscopo sbagliato
Ma certo, che allocchi! Il motivo per cui gli astrologi sbagliano sistematicamente le previsioni più particolareggiate, non è dovuto altro che al fatto che la luna, nel corso degli ultimi millenni, avrebbe provocato un'oscillazione dell'asse terrestre tale che l'allineamento delle costellazioni è di fatto variato di un mese.Se pensavate di essere un Acquario, ad esempio, amici miei sappiate che siete in realtà un Capricorno quindi dovete leggere il vostro oroscopo nel segno precedente. Più o meno.
L'oroscopo sbagliato
Ed io che pensavo che gli astrologi fossero ciarlatani per il fatto che non mi risultava possibile che corpi celesti distanti da noi anni luce potessero avere alcuna influenza. O magari anche per il fatto che quelle stelle che i buoni Babilonesi unirono con delle linee come fossero puntini su un piano creando con molta immaginazione dei segni zodiacali non hanno senso se disposte correttamente nello spazio: un esempio?
Io sono ero considerato un Acquario: la costellazione omonima è composta da varie stelle le principali sono Sadalsuuc, Sadalmelik, Skar, Aquarii e Sadachbia. L'oroscopo sbagliatoEbbene le stelle sopraccitate distano talmente tanto da dover utilizzare un unità di misura chiamato Anno luce, corrispondente circa a 9461 miliardi di km.Per la precisione, riferendoci a quelle sole stelle citate esse distano da noi:
 Sadalsuud 612 anni luce Dadalmelik  758 anni luce Skar 159 anni luce Aquarii 103 anni luce Sadachbia 158  anni luce
Insomma tra la più vicina e la più lontana c'è una distanza di 6,2 milioni di miliardi di km. Come diavolo possa essere concepibile che astri così lontani tra loro possano avere una qualche correlazione lo sa soltanto dio. Anzi, per assurdo, è assai probabile che osservando lo Spazio così come dovrebbe essere osservato, ovvero come uno spazio tridimensionale (per lo meno), si venga a scoprire che c'è maggiore relazione tra stelle di costellazioni diverse che non tra quelle che compongono quelle classicheCiò che dio invece probabilmente non sa, e non riuscirebbe neppure a spiegare, è il motivo per cui sui giornali si dia ancora credito alle panzane astrologiche...
Fonte : Corriere.it
Per i curiosi, e gli irriducibili , il Nuovo Oroscopo

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il mercato ed il cinema

    mercato cinema

    Foto: Flickr Il mercato di Otavalo e' uno dei piu' grandi dell'Ecuador. Piu' che un mercato e' un insieme di mercati diversi, per persone diverse. Alle 7 e... Leggere il seguito

    Da  Fbruscoli
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Ma il Pd no

    “Nessuno ci potrà più convincere che il berlusconismo non coincida con il dossieraggio e con i ricatti, con la menzogna che diventa strumento per attaccare... Leggere il seguito

    Da  Simmen
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il mercato prova ma..

    Novità: Corsi individuali di trading azionario e cfd,ora anche senza muovervi da casa.Nuovo servizio, spia il trader..... mandami una mail a... Leggere il seguito

    Da  Lamiaeconomia
    ECONOMIA
  • Trasformare il desktop del PC in un acquario tropicale animato

    Trasformare desktop acquario tropicale animato

    Da piccolo ho sempre desiderato un acquario pieno di pesci tropicali dai mille colori e tutte le bollicine d’aria… Per adesso posso accontentarmi di averne uno... Leggere il seguito

    Da  Kbon
    TECNOLOGIA
  • Acquario di Livorno

    Acquario Livorno

    clicca sulle immagini per ingrandire Apprezzabile l’intento ed il progetto del nuovo acquario in terra labronica. Certo però, dopo avere più volte ammirato e... Leggere il seguito

    Da  Babilonia
    I NOSTRI AMICI ANIMALI
  • Cosa voglio di pi

    "Cosa voglio di più" è una domanda senza punto interrogativo, è un'affermazione sbagliata, un paradosso linguistico che esprime bene ciò che anima i personaggi... Leggere il seguito

    Da  Matras
    CINEMA, DOCUMENTARIO, TALENTI
  • Il ma

    Avevo già trattato questo argomento in passato (http://lastanzaprivatadellarte.blogspot.com/2010/06/il-ma-cura-di-alice-ginaldi-siva-le-duc.html). Leggere il seguito

    Da  Roberto Milani
    ARTE, CULTURA

Magazine