Magazine Società

La bassa natalità del nostro paese

Creato il 30 gennaio 2011 da Alessandrobaldini
Io non sono un blogger che trova fonti dai giornali o da altre cose lette su internet, le mie fonti sono la gente, le persone comuni come me, gli scambi di pensieri e perplessità tra colleghi, insomma il quotidiano della gente, una fonte inesauribile di informazioni, di spunti, di riflessioni.
Prima di coricarmi, volevo scrivere  un post con una riflessione che molte volte ho fatto parlandone un pò in tutti gli ambienti che fanno parte della mia vita.
Penso capiti frequentemente ad ognuno di noi, di leggere numerosi articoli di giornale che parlano di disoccupazione giovanile, le statistiche dicono che il tasso di disoccupazione tra i giovani nella fascia d'età compresa tra i 17 e 24 anni è arrivata al 28 per cento.
Non metto in dubbio che queste statistiche siano sicuramente attendibili, ma sinceramente quello che a me in queste statistiche ha sempre notevolmente irritato, è il fatto che semplificano una realtà piuttosto complessa.
Tutta la realtà italiana è fatta di innumerevoli sfaccettature,di aspetti diversi tra di loro, ma collegati da un filo conduttore comune, la fatica che le persone fanno a trovare un lavoro, a mantenerlo.
Il problema che spesso ho riscontrato nei giornali e nei giornalisti, è il completo disinteresse per un tema se vogliamo ancora più complesso, la ricollocazione di tutte quelle persone comprese nella fascia d'età tra i 40 e i 60 anni.
Sembra un popolo di invisibili, una popolo di persone che vive ogni giorno la fatica di provare a ricollocarsi, ma non ha alcun tipo di aiuto, un esercito silenzioso ignorato che chiede però aiuto.
Strano che non se ne parli, è un tema che coinvolge tutti, perchè la fascia dei giovani, un giorno sarà meno giovane ed entrerà a titolo di merito in questo arco temporale. Nel mio lavoro, io ho 36 anni e lavoro in un call center, ho un collega interinale che possiamo definire giovane, ha 35 anni.
Non si sposa perchè sia lui che la sua ragazza vivono situazioni lavorative di precariato.
Io penso che queste cose dovrebbero far riflettere tutti, in modo particolare chi con una penna e un foglio, può rendere più visibile a tutti questo problema.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • la Sala

    La Sala, croce e delizia delle mie serate alcoliche paesane, e soprattutto del mio portafogli.Mi avvicinai a essa circa due anni fa, con il gruppo avevamo appen... Leggere il seguito

    Da  Pesa
    SOCIETÀ
  • La bicipite

    bicipite

    “C’è chi in mezzo a questa fetida opacità si sente come a casa sua. […] La [sua] straordinaria diffusione ha un fine ultimo: diffondere l’idea che tutto è sporc... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • La minorenne

    minorenne

    di Piero Tieni Sicuramente si tratta di un grosso, di un grossissimo equivoco, il più grosso di tutti. Certo, di storie di ultrasettantenni benestanti e... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • La patente

    patente

    Non aspiro alla patente di jettatrice-come da novella pirandelliana-,anzi vorrei solo pensare positivo-come da 'rap' di Jovanotti-.Eppure,la Storia è li',volent... Leggere il seguito

    Da  Annarosabalducci
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • La risposta…!!!

    risposta…!!!

    “dell’Assessore ai Beni e Attività Culturali – Protezione Civile e Randagismo – Attuazione del Programma – Comunicazione al Roberto Conigliaro al Gruppo... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • La passione

    passione

    “A questo mondo nessuno è indispensabile, anche Gesù può essere sostituito” Regista a cinquant’anni passati, Gianni Dubois, cui concede anima e corpo Silvio... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • La cagna, la traditrice, la killer, la fotografa

    In questi giorni abbiamo avuto modo di assistere ad alcune performance delle “signore” che siedono al governo e che dovrebbero rappresentare “il femminile”, que... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine