Magazine Media e Comunicazione

La bicipite

Creato il 12 ottobre 2010 da Malvino

La bicipite
“C’è chi in mezzo a questa fetida opacità si sente come a casa sua. […] La [sua] straordinaria diffusione ha un fine ultimo: diffondere l’idea che tutto è sporco e tutti sono sporchi. […] In un paese dove chi ha qualcosa da nascondere si sente più protetto quanto più si allarga il numero dei sospettabili. In termini tecnici, è un depistaggio di massa. In termini etici, è la perfetta mimesi dei disonesti”Michele Serra, la Repubblica, 8.10.2010
“Il giornalismo è un mestieraccio sporco che partecipa dei conflitti tra poteri […] e che risente di tutte le belle e brutte opacità della lotta politica. Lo pratichiamo anche noi, questo sport, e non facciamo la morale a nessuno. Ma il senso del limite comincia seriamente a diventare un problema. […] Tutto si può fare in regime di libertà di stampa, ma «non costi quel che costi»”Giuliano Ferrara, Il Foglio, 8.10.2010
Tutto si può fare in regime di libertà di stampa, anche il mestieriaccio sporco che partecipa dei conflitti tra poteri. Qualche dubbio sul fatto che almeno ad una delle forze in campo o anche a tutte, talvolta o sempre, torni utile diffondere l’idea che tutto è sporco e tutti sono sporchi? È un lavoro sporco per sua stessa natura: dovrebbe essere quel giornalismo che copre le spalle ai disonesti dimostrando che la disonestà è di tutti, peccato originale della carne pubblica e privata. Serra dice che questa è “fetida opacità”, Ferrara no, cioè, sarà pure fetida e opaca, ma anche il peggior fetente ha diritto di avere un avvocato, un cane che gli sia fedele e, se ha soldi per poterseli permettere, dei guardaspalle, dei pennivendoli depistatori, perfino dei poeti da brindisi che squittiscono smancerosi: “Com’è bello, il mio padrone! E come è giusto e/o come è umano!”. E tuttavia anche per Ferrara c’è un limite. Oltrepassarlo non sarà immorale, ma costituisce problema serio.
Ecco qui: di fronte a Vittorio Feltri – i due parlano di lui – avremmo solo da decidere se costui è una merda umana senza scrupoli morali (Serra) o è uno che ha solo esagerato con lo sporco, e però troppo (Ferrara). A mio parere, non è così. Anche nella palese difformità di criterio deontologico, i due fanno lo stesso errore: vedono il peccato. Il comedovrebbessere in Serra e il cosivailmondo in Ferrara attingono allo stesso universo mentale cristiano: nell’uno prevale il Dio della Giustizia che premia i buoni e maledice i cattivi, nell’altro il Dio della Misericordia che chiude sempre un occhio, però non devi approfittarne troppo. Inutile dire che sono entrambi segnati dall’essere stati del Pci oltre i trent’anni: anche virando verso l’azionismo, l’uno, e verso il malapartismo, l’altro, l’inculturazione di quel comunismo italiano (bleah!) nell’universo mentale cristiano che da Peppone arriva a Berlinguer o ad Amendola, mentre da Don Camillo arriva a Martini o a Ruini, c’è un nervetto in comune.
Maledetto compromesso storico: ha bruciato una generazione, rendendola refrattaria al metodo liberale. (Lo stesso liberalismo italiano, peraltro, te lo raccomando: tolto Salvemini, tutti con uno zio prete.) Severo in Serra, accomodante in Ferrara, il giudice è lo stesso e non sa giudicare Feltri col metro della norma dello stato di diritto, ma solo con quello della bicipite legge del cosivailmondo e del comedovrebbessere. Si propenda per l’uno o per l’altro, a Feltri si nega il diritto di essere giudicato da un tribunale laico.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La spettacolarizzazione dell’orrore/2

    Quante settimane saranno che il delitto di Avetrana occupa le prime pagine dei giornali? Due, tre? Non so, ho perso il conto. Quello che invece so è che ci... Leggere il seguito

    Da  Fabio1983
    MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • La meritocrazia di minzolini

    meritocrazia minzolini

    Se davvero il governo facesse tutto ciò che promette (a proposito di meritocrazia) allora Minzolini dovrebbe essere cacciato di corsa. Perdere 850mila spettator... Leggere il seguito

    Da  Flyguyit
    MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • La rivoluzione degli avatar

    rivoluzione degli avatar

    L'alba degli avatar potrebbe cambiare le nostre idee su ciò che significa essere umani. E' un pò questo il senso dello speciale della rivista New Scientist... Leggere il seguito

    Da  Estropico
    ECOLOGIA E AMBIENTE, INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE, SCIENZE, SOCIETÀ
  • La vita secondo me

    vita secondo

    C’è questo telefilm americano, quindi, intrinsecamente un po’ stupido. Si chiama La vita secondo Jim. Racconta le vicende di tutti i giorni - figli, scuola,... Leggere il seguito

    Da  Jollyroger
    FAMIGLIA, MEDIA E COMUNICAZIONE, PROGRAMMI TV, SOCIETÀ, TELEVISIONE
  • SB c’ha la fidanzata

    c’ha fidanzata

    Jan 18, 11 Va bene, va bene, torniamo seri. Negli ultimi giorni si sta parlando ancora più del solito di SB per motivi che, mi auguro, ormai tutti conosciamo. Leggere il seguito

    Da  Rooferguyxxunow
    MEDIA E COMUNICAZIONE, POLITICA, SOCIETÀ
  • La droga del web

    droga

    Vi è mai capitato di rientrare a casa e la prima cosa che fate è accendere il computer? Vi è mai capitato di essere nervosi se salta il collegamento telefonico ... Leggere il seguito

    Da  Biancheggiando
    INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • La cricca.

    cricca.

    Ci aveva tentato sin dall’inizio. Dal 2007, quando ritornò tra i banchi del consiglio comunale di Terrasini, dopo una lunga assenza. Un vecchio pallino per il... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ