Magazine Opinioni

La chiave

Creato il 09 luglio 2012 da Francosenia

519311-jeunes-manifestants-portent-tubes-metalliques

Venerdì mattina, niente lasciava immaginare che Cinera, un piccolo villaggio minerario nel nordovest della Spagna, a circa 40 km. dalla città di Leon, fosse sull'orlo di un'insurrezione. Le strade erano tranquille, alcuni uomini si davano da fare al Centro Sportivo, una piccola struttura dove pochi giorni fa i residenti si sono riuniti per lanciare un appello per il mantenimento delle miniere nella regione.
"Penso che andrà a finire male ... Se non verranno ripristinati i sussidi governativi, qui chiude tutto" - commenta Julian Sanchez, un minatore sessantenne in pensione che è cresciuto a Cinera. Spiega che il paese è nato sessant'anni fa su iniziativa dell'impresa che sfrutta le miniere vicine. Tutta la popolazione dipende dall'estrazione del carbone e non vede affatto di buon occhio la decisione del governo. Nei giorni scorsi, molti residenti si sono radunati sulla strada nazionale che attraversa il villaggio, per fare una barricata e bloccare la circolazione. Ne sono nati degli scontri con la Guardia Civile lì inviata. In seguito, le forze dell'ordine sono entrate nel villaggio alla ricerca dei responsabili, sono entrati nelle case. Un anziano, Paco, è stato picchiato senza alcun motivo - a detta dei residenti - ed è stato ferito ad una mano. Ora si rifiuta di parlare, ed è sparito. "Ha paura" - dichiara il fratello, Juan Niembro - "i poliziotti si sono comportati come dei selvaggi".
"Qui, siamo quasi in una situazione da guerra civile" - ha aggiunto.
Vicino alla scuola, la stampa si avvicina ad un gruppo di giovani minatori che si preparano con tutta evidenza a una nuova manifestazione. "Vi consigliamo di dotarvi di qualche segni che vi possa identificare come giornalisti, altrimenti la guardia civile vi picchierà" - avverte uno di loro.
Due delegati sindacali, arrivati da poco nel villaggio, confermano che si sta preparando un'operazione. "Il potere ci tratta come se fossimo dei terroristi. Ma qui il problema è il governo" - sottolinea Ruben Dario, uno dei delegati che per oggi vorrebbe un breve blocco stradale senza violenze.
Verso le 11, un gruppo di residenti composto da giovani e da meno giovani si porta nei pressi della strada nazionale. Quando arriva un camion, sbucano fuori degli uomini mascherati che costringono il conducente a fermarsi, minacciandolo con delle fionde. Lo obbligano a fermare il veicolo di traverso, sulla strada, e gli prendono le chiavi. "Loro rivendicano i propri diritti, ma anch'io devo mangiare. Così, mi impediscono di lavorare" - protesta Thomas Alonso, che non può fare altro che aspettare. I manifestanti, oltre a bloccare il camion, hanno piazzato delle barriere metalliche sulla linea ferroviaria che corre lungo la strada, prima di ritirarsi sul ponte che porta al villaggio.
Poco dopo, arrivano i poliziotti e la tensione sale. I giovani scompaiono, per riapparire subito mascherati con dei cappucci. Uno di loro brandisce un tubo metallico che funziona da cannone per lanciare ... delle palle da golf. Un altro trasporta dei fuochi artificiali che possono essere sparati dai minatori, contro i poliziotti, con dei tubi metallici, come fossero dei lanciarazzi. "Questo ci permette di tenere la polizia a distanza".
Ruben Dario cerca di convincere i giovani a mantenere la calma. Invano. "Vogliono battersi", dice.
Dei poliziotti si sono appostati dall'altra parte del villaggio, nei pressi di un campo di calcio. I giovani lanciano degli oggetti verso di loro e poi si ritirano dietro l'angolo della strada. I poliziotti rispondono con gas lacrimogeni e sparando pallottole di gomma. C'è tutto il villaggio, che teme una nuova invasione.
"Difendono i nostri interessi", dichiara, malgrado tutto, un commerciante, guardando i giovani mascherati che si agitano all'angolo della strada. Dopo mezz'ora di combattimenti, ripiegano. Riappaiono, subito dopo, a viso scoperto, con abiti del tutto diversi. Seduti, al bar, all'angolo, si pavoneggiano come combattenti appena tornati dal fronte.
Nel frattempo, la polizia rimane schierata sulla strada nazionale. "Non si può fare niente fino a quando non abbiamo le chiavi. Aspettiamo decisioni dall'alto" - dice un poliziotto. Alcuni ufficiali in tenuta anti-sommossa si avvicinano al camion per fare il punto della situazione. Tornando sulla strada, sono oggetti di improperi da parte dei residenti che urlano loro degli insulti. Gli sguardi sono pesanti, ma non succede niente.
Nel villaggio, ora regna il buonumore. L'atmosfera si fa più leggera. Un anziano minatore, sulla settantina, ne approfitta per vantarsi di aver sparato anche lui un paio di fuochi d'artificio, giorni fa. "Poi mi sono rifugiato in casa. Abbiamo partecipato tutti". Julian Sanchez si diverte. Seduto sui gradini della scuola, saluta gli amici, li tratta da "rivoluzionari".
"Non ci sarà più battaglia, per oggi", dichiara. E poi ride, non appena gli chiedono quando verrà ripristinato il traffico. "Dipende da chi ha le chiavi", risponde.

fonte: http://communismeouvrier.wordpress.com


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Lega,Saviano, Formigoni e la ‘ndrangheda

    Lega,Saviano, Formigoni ‘ndrangheda

    Per l’ennesima volta Formigoni e’ riuscito a non dimettersi dalla Lombardia e continuera’ dopo il varo di una nuova giunta a governare la piu’ ricca regione... Leggere il seguito

    Da  Societa' Critica
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • La domenica della mummia

    domenica della mummia

    Anna Lombroso per il SimplicissimusUn vero cine-vèrité, altro che commedia, altro che sceneggiatura calcolata.Non so bene quale sia il curriculum della D’Urso,... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ
  • La Sicilia, Guarda la Catalogna !!

    Sicilia, Guarda Catalogna

    La politica della primarie ,così la possiamo definire, l’ultima trovata della casta, che nell’ultimo periodo sotto la pressione della crisi economica, dello... Leggere il seguito

    Da  Cirignotta
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • la Cina è vicina

    Cina vicina

    Dentro l'imballaggio di una lapide in polistirolo, Julie Keith ha trovato una lettera. Julie Keith è una mamma americana, in Oregon, che si era recata, prima... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Vivere con la scossa

    Ancora il terremoto. Ancora la terra che trema, ancora il cuore che batte. Prima il boato sordo e cupo. Poi il silenzio. Quindi le urla. Ancora tutto uguale. Ch... Leggere il seguito

    Da  Faustodesiderio
    ATTUALITÀ, OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ
  • La Wishlist colpisce ancora!

    Wishlist colpisce ancora!

    Nuovo giro di ringraziamenti da parte mia, a chi ha pescato due titoli dalla mia wishlist e me li ha regalati. Sembra scontato, ma davvero sono gesti... Leggere il seguito

    Da  Bangorn
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, RACCONTI, SOCIETÀ, TALENTI
  • La patologia iPhone

    Li chiamano Apple-fan: sono i maniaci dell’iPhone. Quelli che venderebbero anche la madre pur di avere l’ultima creatura tecnologica della Apple: l’iPhone 5. Leggere il seguito

    Da  Faustodesiderio
    ATTUALITÀ, OPINIONI, POLITICA, SOCIETÀ

Magazines