Magazine Diario personale

La cicatrice

Da Monstersandco
La cicatrice
Esterno notte. Ci sono alberi fitti e boscaglia e cespugli. Ci sono altre persone. Le intravedo appena, però le sento. Mi sfrecciano di fianco in respiri affannosi. Sono ombre frenetiche tra gli alberi, le sento sibilare e nascondersi. Stiamo tutti scappando da qualcosa. E io corro trascinandomi dietro un filo d'ansia sottile, mi impiglio nei rami, vado avanti e avanti e avanti e qualche volta guardo in su e tra le chiome folte degli alberi intravedo sprazzi di stelle immobili.
A un certo punto sono ferma. Non ce la faccio più. Sono piegata in avanti, con le mani sulle ginocchia e il respiro spezzato che mi esce dalla bocca in piccole nuvolette. Ma non è stata una buona idea. Quando sento un fruscìo dietro di me, ho appena il tempo di tirarmi su e voltarmi e qualcuno, di cui non conoscerò mai il volto, mi infila qualcosa nella pancia. Toh, guarda un po', è una mannaia. È proprio il pensiero che mi si formula nella testa. Ho la schiena contro un albero e la lama mi trapassa lo stomaco da parte a parte, conficcandosi nella corteccia dietro di me. Toh, guarda, sono incastrata, è il secondo pensiero mentre sento un fiume caldo di sangue scendermi lungo le gambe.Poi c'è un ellissi. Sono viva, sto bene, e conduco la mia vita normalmente. Solo che quando parlo con la gente non vedo l'ora di raccontare la mia avventura, descrivendola con dovizia di particolari truculenti, sentendomi la coraggiosa eroina di un film di Wes Craven. E così eccomi qui, che chiacchiero con due persone sconosciute e racconto e racconto finchè arriva il momento di mostrare la ferita e lasciarli tutti impietriti. Solo che quando sollevo la maglia la mia cicatrice è piccola e sottile, poco più di un taglietto, più inoncua dell'appendicite, non rende onore al mio incidente. Che sfiga, mi hanno aperto lo stomaco come un maiale da macello, e nessuno ci crederà.
Dreamed by: Monsters

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La beat generation

    Ho finalmente letto (e finito) "Sulla strada" di Jack Kerouac e lasciatemelo dire: "WOW!". E' un libro che si fa leggere tutto d'un fiato e che è molto lontano... Leggere il seguito

    Da  Pep89
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La delusione è grande

    Tutto. Poteva farmi tutto, ferirmi, urlarmi contro, calpestarmi ma non deludermi. Oggi la delusione è veramente grande, forse inizio a vedere lati di un... Leggere il seguito

    Da  Saraconlacca
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La prova costume

    prova costume

    È stato veramente difficile ma ci son riuscita,sono andata a correreindossando scarpe, calzetti, calzoncini e magliettaÈ stato veramente difficile ma ci sono... Leggere il seguito

    Da  Tuttavitarobi
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • La mia iniziazione

    iniziazione

    La parola “iniziazione” è una di quelle che mettono paura e io una certa paura ce l’ho. Non per cose serie, questo no, ma piuttosto per delle piccole inezie... Leggere il seguito

    Da  Tontonlino
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La scelta

    scelta

    L'italiano di cui parlo e' della provincia di Grosseto,intorno ai 55 anni,l'ho conosciuto questo dicembre,era amico di alcuni italiani che vivono la'. Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La ricerca della serenita'

    ricerca della serenita'

    Con gli anni e un po' di saggezza si diventa piu' tolleranti e comprensivi,le cose che anni fa vedi in un modo e' possibile che tempo dopo tu le veda in un... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La Spada Nella Roccia

    Ieri sono andato a provare la purezza della mia anima affrontando l'ardua prova di estrarre la Spada Nella Roccia. Sfortunatamente il tentativo è fallito...... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI